Giovedi 21 Marzo 2019
ComunicazioneAggiornamenti Facebook 2019: dalla Blood Donation alle cartelle business su Fb Messenger

Aggiornamenti Facebook 2019: dalla Blood Donation alle cartelle business su Fb Messenger

Quali sono le novità del social media di Mark Zuckerberg? Dai gruppi alle pagine aziendali, ecco i principali aggiornamenti Facebook del 2019


Giorgia Piccolo
A cura di: Giorgia Piccolo Autore Inside Marketing
Aggiornamenti Facebook 2019: dalla Blood Donation alle cartelle business su Fb Messenger

Dai “fan più attivi” delle pagine aziendali alle novità riguardanti i gruppi, ecco gli aggiornamenti Facebook del 2019.

FACEBOOK come MEZZO PER AGEVOLARE LA DONAZIONE DEL SANGUE

Si chiama Blood Donation la funzionalità con cui Mark Zuckerberg punta a mettere in contatto con un semplice click i donatori di sangue con chi ne ha bisogno. Brasile, Bangladesh, India e Pakistan, sono i paesi in cui, a partire dal 2017, è già possibile registrarsi per ricevere notifiche qualora ci sia la necessità di una donazione in luoghi vicini all’utente.
Nonostante l’entusiasmo e la grande partecipazione, la new entry in casa Facebook per la donazione di sangue ha sollevato molte critiche, tra cui quella di favorire una forma embrionale di mercato nero della donazione del sangue a causa della possibilità concessa a chiunque di poterne fare richiesta. Polemiche a parte, si progetta il lancio di Blood Donation anche negli Stati Uniti nei prossimi mesi. Tuttavia l’opzione di richiedere il sangue resterà appannaggio di organizzazioni come la Croce Rossa, mentre verrà esclusa per gli utenti.

Fonte: Facebook

VIA AI TEST PER UNA CARTELLA DEDICATA SOLO AL BUSINESS SU FACEBOOK MESSENGER

A Menlo Park si sta studiando l’idea di un’apposita sezione per i messaggi che arrivano alle pagine aziendali su Messenger. Una novità che, con ogni probabilità, punterebbe al miglioramento dell’esperienza dei gestori dei profili business nello svolgimento del customer service, che ormai è sempre più “social”.
La piattaforma di messaggistica istantanea, per il momento, sta testando questa nuova feature soltanto su alcuni utenti. E infatti, prima di estenderla all’intera community, l’app di instant messaging intende valutare nel concreto i risultati in termini di user experience.

SPAZIO AI FAN PIù ATTIVI DELLE PAGINE AZIENDALI

Tra gli aggiornamenti Facebook del 2019 vi è l’introduzione di un badge per gli utenti più attivi delle aziende presenti sulla piattaforma. Si tratta, nello specifico, di un’etichetta che si conquista interagendo quanto più possibile con i contenuti di una pagina aziendale, ad esempio lasciando commenti, reaction e condividendo i post. La lista dei fan più attivi è visibile pubblicamente sulla tab Community. Non è tutto: per accedere a questa funzione anche le Pagine stesse dovranno soddisfare dei requisiti:

  • passare al modello di video per le Pagine;
  • avere più di 10mila follower;
  • essere aperta da almeno 28 giorni;
  • non possedere il badge Impegno Civile.
Per attivare questa opzione bisogna cliccare su Impostazioni, selezionare la voce Badge di Facebook e poi abilitare o disabilitare il tasto badge di fan più attivo. Naturalmente i fan hanno l’opportunità di accettare o meno l’invito. Inoltre, è possibile anche rimuovere il badge da un determinato fan.

community action: arrivano le petizioni online

Community Action è una delle ultime novità introdotte da Facebook negli Stati Uniti. Si tratta di uno strumento il cui potenziale ha tutte le carte in regola per entrare, nel bene e nel male, nella sfera civica degli utenti grazie alle azioni locali. Come funziona? Per avviare una causa comunitaria sulla piattaforma sarà sufficiente inserire un titolo, una descrizione e un’immagine. L’aspetto più interessante è che sarà possibile menzionare i politici locali e le autorità coinvolte, ai quali sarà inviata una notifica di avviso. Chiunque potrà liberamente aderire alla causa, cliccando sulla call to action “supporta”, commentare sulla bacheca, lanciare raccolte fondi e creare eventi. Tuttavia non è stato ancora definito un meccanismo per coloro che sono in disaccordo con la Community Action. Al momento, infatti, per esprimere un dissenso bisognerà supportare la causa e partecipare alle discussioni.

Facebook-Community-Actions-Desktop

Fonte: TechCrunch

Facebook dice no all’aggiunta automatica di utenti ai gruppi

Alcuni gestori dei gruppi su Facebook, negli ultimi giorni, avranno sicuramente notato un calo degli iscritti. Il motivo probabilmente risiede nella decisione dell’azienda di trasformare i membri inattivi in semplici “invitati”, una scelta, questa, che riguarda solo quegli utenti che non hanno mai visitato la pagina di un gruppo. Contestualmente non sarà più possibile aggiungere in automatico i propri amici a un gruppo: la procedura ora richiede di mandare un invito agli utenti, ai quali verrà mostrata un’anteprima del gruppo e naturalmente la possibilità di scegliere se accettare o rifiutare. Dal canto loro, gli amministratori potranno inviare un reminder agli invitati.

fACEBOOK USERà LE STORIE per promuovere gli eventi?

Tra gli altri eventuali aggiornamenti Facebook, secondo un rumor che circola da diverso tempo, Mark Zuckerberg vorrebbe sperimentare la condivisione di dettagli, immagini, foto e video degli eventi con le Storie. Sempre attraverso queste ultime sarebbe possibile anche “partecipare” o mostrarsi “interessati” a un determinato evento, oltre che utilizzare adesivi ad hoc con le informazioni inerenti e inserire il link alla pagina dell’evento in questione. Quando? Pare che l’azienda voglia testare questa funzione nel corso delle prossime settimane negli Stati Uniti, in Messico e in Brasile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Iscriviti alla newsletter! Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e recensione libri
Potrai anche usufruire di offerte esclusive per libri, eventi e corsi.

Iscriviti

Articoli sull'argomento

×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

loading
MOSTRA ALTRI