MarketingAprire una pagina Facebook aziendale oggi

Aprire una pagina Facebook aziendale oggi

Le politiche di Facebook puntano sempre più a penalizzare i post promozionali. Conviene ancora, allora, aprire una pagina aziendale?

Aprire una pagina Facebook aziendale oggi

Che essere “social” per un’azienda comporti dei vantaggi è fuor di dubbio. Ma quanti, e quali? Cosa significa veramente aprire una pagina aziendale su Facebook? Soprattutto, si sono accorte le aziende che a partire dal 2013 le politiche di Facebook sono state indirizzate sempre di più verso il miglioramento della user experience, penalizzando i messaggi promozionali delle aziende? Il social, insomma, vuole che il rapporto tra gli utenti sia alla pari (come avviene con lo scambio di informazioni tra amici) e non sbilanciato (cosa che si verifica quando notizie non richieste compaiono sulla bacheca). A meno che le aziende non “comprino” la visibilità con il Pay-per-Click (si tratta del sistema pubblicitario di Facebook con cui le aziende possono pubblicare messaggi promozionali sulla colonna destra delle pagine pagando solo per i click effettivamente ricevuti). Allora forse le politiche di Facebook più che difendere l’utente vogliono spingere le aziende a pagare per la pubblicità. Vero, ma il risultato non cambia.

Ecco quali sono state le mosse di Facebook per limitare la visibilità delle aziende:

– Le notizie pubblicate nelle pagine aziendali saranno visibili all’utente solo se questi interagisce continuamente con le stesse dando dei Like, condividendo post e commentando;

– Al contrario quando l’utente non interagisce il messaggio promozionale vede diminuire sempre più la sua portata organica (ossia il numero di persone che lo leggono, indipendentemente dal fatto che lo commentino o meno). Ciò perché è stato introdotto un nuovo algoritmo che mira a penalizzare appunto la portata organica dei post promozionali;

– Sono stati aboliti i Link Gates, cioè quei contenuti che le aziende rendevano disponibili solo a chi dava il proprio Like. Oggi, non potendolo più fare, per avere i Like le aziende sono costrette a pubblicare contenuti interessanti;

– Sono stati penalizzati, infine, i post-esca, ossia quelli dai titoli accattivanti che celano contenuti spazzatura e che vengono pubblicati al solo scopo di attirare visite.

Detto ciò, possiamo concludere che non convenga più aprire una pagina aziendale su Facebook? Non esattamente.

I social network contribuiscono a mantenere un rapporto stretto con i propri clienti e ad ottenere un confronto costante, permettendo di rispondere a domande del tipo “chi sono i miei clienti? E cosa vogliono?” Aiutando insomma a definire il proprio “acqurente tipo”, operazione di fondamentale importanza per la definizione di politiche di marketing efficaci.

I social, inoltre, sono fondamentali per realizzare il cosiddetto “Content Marketing”. Un marketing che si basa sul contenuto è quello che mira a ottenere i Like (i contatti, le informazioni, ecc.) ponendosi nell’ottica di informare il cliente e – ove possibile – “risolvergli un problema”. Un tipico esempio è quello dei brand di prodotti alimentari che pubblicano sulle proprie pagine Facebook aziendali ricette nelle quali impiegare i loro prodotti. In questo caso il problema che si punta a risolvere è: “cosa preparo per cena stasera?”.

Facebook, inoltre, offre strumenti in grado di sviluppare la “Call-to-Action” (letteralmente “chiamata all’azione”) come sondaggi e altri tipi di pulsanti che favoriscono l’interazione dell’utente con la pagina chiamandolo – appunto – a compiere un’azione: cliccare su un link, iscriversi a una newsletter, usufruire di un buono sconto. Da questo punto di vista la politica del social network è quello di incrementare le Call-to-Action, tanto che recentemente ne sono state annunciate di nuove.

Da non dimenticare, infine, la trasmissione di notizie in linea orizzontale, ossia tra gli utenti che condividono i post aziendali, contribuendo a diffonderne i valori e i contenuti.


A firma di: Francesca Mauriello Contributor
© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Corsi Formazione

Tutti i corsi
Le vostre Opinioni