MacroambienteAtenei sempre più Social

Atenei sempre più Social

In un mondo sempre più social anche le università restano al passo con i tempi:atenei sempre più attenti ai nativi digitali.

Atenei sempre più Social

Da uno studio condotto dall’Osservatorio sulla comunicazione web ,su 74 atenei italiani (58 statali e 16 non statali), istituito dal Censis, emerge che sempre più politecnici prestano attenzione all’interazione con gli utenti “digitali”.

In gran parte dei siti universitari sono presenti :

  • motori multilingue (l’83,8% fornisce informazioni in una o due lingue straniere);
  • app (40,5%) per gli utenti che si collegano da dispositivi mobili;
  • Siti progettati con regole di responsive design(35,2%) ;
  • web radio (64%);
  • magazine online (63,5%);

È invece ancora minoritaria l’attivazione di e-shop per la vendita di prodotti merchandising: ne è dotato solo il 20,3% degli atenei.

Il mondo della formazione superiore è sempre più attento ai nativi digitali e per questo motivo, per restare al passo con i tempi, si impegna costantemente nella diffusione di informazioni e contenuti sui social network.

Più della metà delle università fornisce entro un giorno un riscontro alle richieste inviate attraverso:e-mail, forum, facebook e Twitter .

L’indagine condotta lo scorso dicembre sugli account facebook e twitter di 30 atenei italiani ha prodotto 2.420 contenuti: il 57,1% proviene da Twitter e il restante 42,9% da Facebook.

Le donne interagiscono con le fan page delle università molto più degli uomini. (63,4% del totale a fronte di un 36,6% di maschi).

L’utenza femminile è più propensa infatti a condividere e postare su facebook (85,9%) e twitter (14,1%) ,con un engagement pari all’86,5% del totale.

  • Il 40% dei post e tweet riguarda gli eventi (congressi, appuntamenti, iniziative sportive, ecc.);
  • il 24,7% la didattica;
  • il 18% argomenti di carattere istituzionale;
  • il 6,4% la ricerca;
  • il 5,4% il placement,
  • il 3,3% informazioni amministrative ;
  • 2,2% notizie relative alle borse di studio;

La “sentiment analysis” dei commenti postati sulle pagine Facebook di ateneo evidenzia prevalentemente umori positivi (71%) rispetto a quelli negativi (29%).

Universita-social


A firma di: Anna D'Acunzo Contributor
© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Corsi Formazione

Tutti i corsi
Le vostre Opinioni