Dall’attacco ransomware a Instagram: le notizie tech dal 7 al 13 maggio 2017

L'attacco ransomware, le indiscrezioni su Android Pay e il nuovo Amazon Echo Show: quali le altre notizie tech della settimana?

Dall’attacco ransomware a Instagram: le notizie tech dal 7 al 13 maggio 2017

Come ogni domenica, torna la nostra rubrica settimanale,“Le notizie tech della settimana”, dedicata alle principali novità in ambito digitale, tecnologia e innovazione. Protagonista degli ultimi giorni è stato il ransomware che ha infettato migliaia di computer in tutto il mondo. Notizie interessanti, poi, dalla conferenza annuale di Microsoft e da Amazon che ha presentato il nuovo dispositivo della gamma Echo.

Di seguito le news del periodo che va dal 7 al 13 maggio 2017.

DOMENICA 7 MAGGIO – ANDROID PAY E IL RICONOSCIMENTO FACCIALE android-pay

Google potrebbe a breve implementare nell’applicazione riservata ai pagamenti elettronici da dispositivi mobile, Android Pay, il riconoscimento facciale.
9to5Google, dopo aver effettuato un teardown dell’ultima release dell’app, ha rilevato una feature inedita chiamata Visual ID, descritta dalla società di Mountain View come un modo sicuro di confermare la propria identità e guadagnare dei punti per eventuali programmi fedeltà presenti in alcuni store. Il rilascio non sembra comunque imminente, soprattutto a causa di alcune problematiche da valutare relative alla privacy. Android Pay è al momento presente in 10 paesi, ad oggi l’Italia non rientra tra questi.

LUNEDÌ 8 MAGGIO – INSTAGRAM: NOVITÀ PER LA WEB MOBILE APP insta-webapp

Instagram ad inizio settimana ha annunciato che gli utenti della piattaforma non dovranno più necessariamente servirsi dell’applicazione per postare i propri scatti. Difatti, questa funzione è stata estesa al sito web mobile del famoso social che prima consentiva agli utenti di visualizzare esclusivamente le notifiche ed il feed. La nuova struttura del sito mobile è sicuramente progettata per incentivare l’utilizzo della piattaforma nei paesi in via di sviluppo, dove la percentuale di smartphone performanti è ancora bassa. Nonostante è probabile che Instagram stesse testando questa feature già da marzoal momento non è ancora possibile usufruire delle altre funzionalità del servizio, come ad esempio caricare video, applicare i filtri, creare le storie o inviare messaggi privati. 

MARTEDÌ 9 MAGGIO – AMAZON ECHO SHOW echo-show

Sempre presente tra le notizie della settimana è Amazon che il 9 maggio ha presentato il nuovo assistente digitale domestico Echo Show. Si tratta di un device molto simile a quelli già presenti sul mercato che però vanta l’integrazione di un display touchscreen da 7 pollici. Tra le nuove feature del dispositivo figurano, poi, la possibilità di effettuare videochiamate ad altri dispositivi che utilizzano l’app Alexa, la visualizzazione di video su YouTube e Amazon Video, la ricezione di informazioni su meteo e tanto altro.
Echo Show è attualmente disponibile in preordine negli Stati Uniti per 229,99 dollari.

MERCOLEDÌ 10 MAGGIO – POWERPOINT E LE TRADUZIONI IN REAL TIME

Microsoft sta sperimentando un nuovo add-on per il suo software dedicato alle presentazioni, cioè PowerPoint, che consentirà agli utenti di presentare slide in una lingua straniera. Come dimostrato dall’executive Harry Shum, durante la conferenza degli sviluppatori tenutasi questa settimana, i presentatori avranno la possibilità di scaricare l’applicazione dedicata alle traduzioni e sincronizzarla successivamente alla presentazione PowerPoint: questo collegamento tradurrà automaticamente tutte le didascalie presenti sulle slide. Tuttavia, come riportato da The Verge, la dimostrazione offerta dalla compagnia non è stata perfetta: il traduttore ha commesso diversi errori quando si è dovuto testare il cinese. Lo scopo di questa nuova feature, comunque, è abbattere le barriere linguistiche tra il relatore e i partecipanti a presentazioni e conferenze.

GIOVEDÌ 11 MAGGIO – MICROSOFT BUILD 2017

Diverse notizie arrivano dal keynote di Microsoft. Le maggiori figure di spicco della compagnia, cioè Terry Myerson e Joe Belfiore, hanno condiviso il palcoscenico per rivelare nuovi dettagli su ciò che verrò presentato da Windows nel prossimo anno. Probabilmente la principale notizia riguarda il sistema operativo che subirà delle modifiche atte a migliorare l’esperienza d’uso da parte dell’utente ovunque esso si trovi e sarà quindi incentrato sull’utilizzo cross-device. Anche il design subirà delle sostanziali modifiche: è stato annunciato, infatti, il lancio di un’interfaccia – Fluent Design – che si focalizzerà su luce, profondità e movimento.
Tra le varie applicazioni presentate, poi, è giusto menzionare il software di video editing Story Remix che, a detta di Microsoft, potrà dare vita ad un video dall’aspetto professionale in pochi minuti di lavoro. Interessante anche l’introduzione – entro la fine del 2017 – dell’app iTunes sullo store digitale della società fondata da Bill Gates.

VENERDÌ 12 MAGGIO – ATTACCO RANSOMWARE

Negli ultimi tempi si è parlato molto di ransomware, i famosi malware che limitano l’accesso dei dispositivi infetti, per poi richiedere un riscatto per eliminare tale limitazione.
Venerdì, nel primo pomeriggio, è stato lanciato un attacco ransomware su larga scala in tutta Europa: le prime notizie dell’attacco sono arrivate dal Regno Unito, dove sono stati colpiti numerosi ospedali; nel giro di qualche ora anche Spagna, Italia, Russia e Portogallo hanno subito la medesima offensiva. Non si conoscono ancora i dettagli, ma si presuppone che l’attacco sia andato a segno sfruttando delle falle dell’NSA rese pubbliche dall’organizzazione criminale Shadow Broker.
I computer colpiti dal ransomware sono stati circa 50mila e la cifra richiesta per il rilascio dei file in ostaggio è di 300 € in bitcoin. I paesi più colpiti, comunque, sembrano essere stati Russia, Taiwan ed Ucraina.

SABATO 13 MAGGIO – FERMATO IL RANSOMWARE WANNACRY

Il tweet dell’eroe per caso

L’attacco ransomware che ha generato il panico vanerdì è stato fermato da un esperto di sicurezza britannico che si è ritrovato ad essere un eroe per caso. Dopo aver notato che il dominio da cui proveniva l’attacco non era registrato, gli sono bastati 10 dollari per acquistare il dominio e fermare l’assalto. Purtroppo, nonostante la tempestività dell’intervento, Wannacry aveva già infettato migliaia di dispositivi ma ha aiutato molte aziende e privati a trovare delle soluzioni per rendersi immuni al virus.


Giuseppe Petrellese
A cura di: Giuseppe Petrellese Autore Inside Marketing
© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Download White Paper

white paper lusso e moda
Le vostre Opinioni
MacroambienteDall’attacco ransomware a Instagram: le notizie tech dal 7 al 13 maggio 2017
Iscrizione Newsletter Settimanale

Vuoi essere sempre aggiornato su ciò che avviene nel mondo del marketing e della comunicazione? Iscriviti alla newsletter di Inside Marketing

Acconsento ed ho letto Privacy Policy

Grazie per esserti registrato!

A breve riceverai una mail di conferma per attivare la tua registrazione.

Se non ricevi la mail di conferma, controlla nella cartella "posta indesiderata" ed aggiungi insidemarketing.it ai mittenti attendibili

In caso di problemi puoi contattarci all' indirizzo redazione[at]insidemarketing.it