Martedi 16 Ottobre 2018
MacroambienteCambiamo idea grazie al web?

Cambiamo idea grazie al web?

Possono le tecnologie influenzare comportamenti e idee? E se sì, in che modo? Se ne è parlato alla conferenza internazionale sulle tecnologie persuasive.


A firma di: Francesca Mauriello Contributor
Cambiamo idea grazie al web?

Che la tecnologia abbia ormai assunto un ruolo di primo piano nella vita di tutti (o quasi) gli esseri umani è un dato innegabile. Ma può la tecnologia influenzare idee e comportamenti? Sull’argomento è nata una vera e propria branca di studi, quella delle tecnologie persuasive. Docenti ed esperti in diversi ambiti esaminano le reazioni a determinati stimoli per verificare se e come strumenti tecnologici come il web, il computer o gli smartphone siano in grado di influenzare quello che le persone fanno o pensano. E, una volta all’anno, fanno il punto della situazione. Quest’anno, per la prima volta da quando il docente dell’università di Stanford JB Fogg ha avviato il progetto, la conferenza si è tenuta in Italia e ha visto la partecipazione – tra gli altri – dei docenti delle università di Padova e di Udine che ne hanno curato l’organizzazione.

I tipi di stimoli che si possono studiare sono di diverso tipo e vanno da quelli subliminali a quelli consapevoli. Quanto ai primi si segnala un esperimento condotto  da Marc Cavazza della Teesside University in Gran Bretagna consistente in una simulazione 3D durante la quale veniva chiesto agli studenti di riempire un frigorifero con diversi alimenti. Si è notato che, inserendo nella simulazione immagini di cibi, queste influenzavano le scelte quando le stesse avvenivano immediatamente dopo lo stimolo subliminale (reazione nell’arco di un secondo), mentre erano ininfluenti per scelte esercitate con tempi più lunghi.

Quanto agli stimoli consapevoli vi sono ad esempio quelli derivanti da colori e odori. Un esperimento ha evidenziato come, modificando il colore della luce ambientale in funzione del consumo energetico -(ad esempio associando una luce di colore rosso alla programmazione di un termostato che denota un elevato consumo e una di colore verde al caso opposto)- si determinino comportamenti di risparmio energetico.

Altro settore di analisi è quello della comunicazione sul web. In particolare si stanno studiando le motivazioni specifiche che rendono quest’ultima maggiormente in grado di influenzare ampie fasce di pubblico. Ricercatori statunitensi stanno analizzando alcuni fattori chiave quali l’atteggiamento dei comunicatori nel diffondere fatti e idee. Sul web, infatti, è più facile apparire esperti di un argomento anche quando non lo si è. Anche quando l’idea che si sta cercando di trasmettere è assurda, impopolare o inventata. Ed è proprio inventando finti movimenti in Rete che questi esperimenti stanno procedendo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Potrebbe interessarti

×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.