Giornale di marketing,
comunicazione e cultura digitale
Resta aggiornato:
Inside Marketing
MacroambienteSpotify lancia Car Thing, un dispositivo per migliorare l’esperienza di ascolto in auto (senza distrarsi dalla guida)

Spotify lancia Car Thing, un dispositivo per migliorare l'esperienza di ascolto in auto (senza distrarsi dalla guida)

Funziona anche tramite comando vocale: Car Thing di Spotify è l'ultima novità dell'azienda pensata per promuovere un'esperienza d'utilizzo della piattaforma sempre più semplice e fluida, indipendentemente dal luogo in cui si trovi l'utente.

Funziona anche tramite comando vocale: Car Thing di Spotify punta a migliorare l'esperienza d'uso della piattaforma in auto.

Gli italiani trascorrono in media 37 ore in coda nel traffico ogni anno secondo i dati riportati dalla Commissione Europa relativi al 2017. Anche se nell’ultimo anno il tempo trascorso in auto da buona parte dei cittadini è decisamente diminuito (tra limitazioni agli spostamenti e aumento del lavoro da remoto), prima della diffusione del coronavirus si trascorreva molto tempo in auto: non a caso secondo Spotify sulla piattaforma musicale ci sono circa 70 milioni di playlist a tema guida“, create dagli utenti. Provando a rispondere così al notevole interesse degli abbonati per l’utilizzo della piattaforma in auto, è nato Car Thing di Spotify, presentato dal brand come uno smart player ideato per «riempire la tua auto di musica, notizie, intrattenimento, dialoghi e molto altro».

Basterà dire “Hey Spotify”: con Car Thing di Spotify si potrà usare anche il comando vocale

Si tratta del primo dispositivo hardware creato dall’azienda e pensato per essere posizionato sul cruscotto dell’auto. Come si apprende dal comunicato di lancio di Car Thing di Spotify, per far funzionare il device è possibile utilizzare dei controlli touch, dei controlli fisici e il comando vocale.

Grazie a quest’ultima funzionalità basterà dire “Hey Spotify” e richiedere l’avvio di una canzone specifica, di un album, di una playlist o di un podcast . Il dispositivo è stato ideato proprio per adeguarsi all’utilizzo che se ne può fare in auto e difatti, grazie ai quattro microfoni incorporati, Car Thing riesce a comprendere ed elaborare la richiesta dell’utente nonostante eventuali rumori di fondo, dunque «anche quando la musica è accesa o il finestrino è abbassato».

Il selettore presente sul dispositivo permette di effettuare una ricerca veloce dei brani, selezionarli, avviarli e mettere in pausa, mentre lo schermo touch consente, tra le altre cose, di visualizzare le informazioni relative al brano che si ascolta e di controllare la libreria.

Per ora Car Thing è disponibile soltanto negli Stati Uniti ed è accessibile solo a un numero limitato di utenti abbonati a Spotify Premium (che possono inserirsi in una lista di attesa per ricevere il dispositivo).

Un’esperienza di ascolto in auto personalizzata e accessibile a più individui

Come precisato all’interno del comunicato, Car Thing di Spotify punta a offrire un’esperienza di ascolto di musica in auto soddisfacente, «indipendentemente dall’anno o dal modello del veicolo». Infatti, il dispositivo potrebbe rivelarsi particolarmente utile per gli utenti che possiedono dei modelli di auto non recenti e che ancora non supportano i nuovi sistemi di infotainment presenti e già installati in automobili di ultima generazione o che non supportano soluzioni come Apple CarPlay e Android Auto (che comunque presuppongono l’esistenza di un display da collegare allo smartphone).

Da Spotify tengono a precisare che l’obiettivo di questo lancio non è «competere con i sistemi di infotainment» attualmente esistenti né concentrarsi sullo sviluppo di componenti hardware. La decisione rientrerebbe in una strategia più ampia, annunciata da Spotify nel 2019, che si basa sul concetto di “ubiquità” e di promozione di una user experience sempre più semplice, fluida, personalizzata e priva di interruzioni indipendentemente da dove si trovino gli utenti e dalla modalità di ascolto scelta.

Come si legge nel comunicato, l’azienda ha rilevato un dato importante: molti utenti, prima di questa trovata, non potevano accedere a questo tipo di esperienza d’ascolto quando si trovavano in auto (a causa per esempio della mancata compatibilità del modello d’auto con le soluzioni attualmente disponibili sul mercato). In questo modo, il lancio di Car Thing di Spotify può servire a rendere accessibile «il catalogo di musica e di podcast a un maggior numero di utenti», a prescindere dalla tipologia di veicolo posseduto.

Le soluzioni di Spotify per ottimizzare l’esperienza di ascolto durante i viaggi

Negli ultimi anni, diversi brand automobilistici e aziende tech hanno proposto varie soluzioni pensate per ottimizzare l’esperienza di viaggio in auto, permettendo non solo al conducente di svolgere diverse attività (come telefonare, ascoltare la musica, inviare messaggi e cercare indicazioni stradali) senza distrarsi dalla guida, ma anche agli altri passeggeri di godersi il viaggio in maniera divertente (grazie per esempio all’uso della realtà virtuale e aumentata).

Car Thing di Spotify rientra in questo tipo di soluzioni, ma in realtà si tratta soltanto della più recente novità dell’azienda: già da tempo si cerca infatti di ottimizzare l’esperienza di utilizzo della piattaforma musicale in auto. Infatti, sul sito di Spotify è possibile trovare indicazioni su come utilizzare la piattaforma “on the road”.

Sincronizzazione tra l’applicazione Google Maps e Spotify. Fonte: Spotify

Inoltre, l’azienda ha attivato delle collaborazioni con app di navigazione come Google Maps e Waze permettendone la sincronizzazione con Spotify in modo da rendere più semplice l’utilizzo della piattaforma musicale quando le altre app sono attive. La sincronizzazione è possibile anche con Google Assistant e Siri, cosa che permette di cambiare i brani in auto, utilizzando il comando vocale degli assistenti virtuali.

Oltre alle funzionalità pensate per ottimizzare l’esperienza di utilizzo di Spotify in auto, sulla piattaforma è possibile trovare, come anticipato in precedenza, varie playlist musicali dal titolo “alla guida“, con canzoni scelte per essere ascoltate in viaggio. In più, è possibile accedere a contenuti maggiormente personalizzati, come la playlist “Your Daily Drive“, che consiste in un mix di propri brani preferiti e notizie pensate per tenere gli utenti aggiornati sull’attualità mentre raggiungono la propria destinazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA È vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Resta aggiornato! Ricevi gratuitamente le ultime news e le offerte esclusive per corsi, eventi e libri in ambito marketing e comunicazione.

ISCRIVITI ai nostri canali:

© Inside Marketing 2013 - 2021 è un marchio registrato ® P.iva 09229251211
loading
MOSTRA ALTRI