Cina, mercato controverso ma pieno di opportunità

La Cina è un mercato interessante e in grande sviluppo, il settore retail online prevede una crescita pari a 672 miliardi di dollari nel 2018.

Cina, mercato controverso ma pieno di opportunità

Il mondo digitale, l’ascesa dell’e-commerce e la globalizzazione offrono alle aziende nuove opportunità per comunicare con i consumatori e nuove frontiere per la salvaguardia di brand e ricavi.

In questo contesto, la Cina riveste particolare importanza in virtù del suo immenso potere d’acquisto e della sua capacità di produzione. I cinesi che fanno acquisti online sono attualmente più di 250 milioni e le vendite registrate dall’e-commerce in Cina hanno superato quelle degli Stati Uniti, per molto tempo leader nel settore degli acquisti online.

Definita spesso “la fabbrica del mondo”, nel 2013 la Cina continentale è stata all’origine di circa 1,2 degli 1,7 miliardi di dollari di merci contraffatte confiscate dalle autorità statunitensi.

La Cina oggi rappresenta un mercato in rapida crescita con un’espansione continua di abuso del marchio. Molte aziende hanno quindi investito sia nella produzione direttamente sul territorio cinese, per combattere la contraffazione, che nell’apertura di punti vendita in loco vista l’ampiezza del mercato e l’aumento del PIL che si sta registrando negli ultimi anni.

Parallelamente negli ultimi anni la Cina ha visto nascere e crescere una serie di marketplace, divenuti rapidamente dei colossi del settore.

Il governo cinese si sta quindi mobilitando per regolamentare questi marketplace, ad esempio cercando di contrastare la pratica molto diffusa di falsificare transazioni e recensioni dei clienti al fine di rendere il mercato e-commerce cinese più sostenibile.

Per le aziende straniere che vogliono fare business in Cina è fondamentale adottare una strategia ad hoc di protezione del marchio per affrontare il problema delle contraffazioni cinesi e per poter raggiungere gli obiettivi aziendali in questa importante area geografica, ma anche per promuovere la propria attività in altre parti del mondo.

Un efficace programma di controllo è alla base di una valida strategia di protezione del marchio e imporre il rispetto delle normative presenta comunque particolari difficoltà in Cina.

Ecco alcuni consigli

  • Avvalersi di un consulente legale locale per verificare la solidità dei diritti del marchio di fabbrica e farsi assistere nelle pratiche per ottemperare ai requisiti locali.
  • Diventate un “obiettivo difficile” richiedendo con regolarità il de-listing per merci contraffatte al fine di ridurre in modo significativo il volume globale delle violazioni.
  • Sfruttate la tecnologia per arrivare a identificare nei listini schemi e analogie, anche su mercati diversi, individuando venditori ricorrenti e di volumi elevati che richiedano un’attenzione supplementare.
  • Riesaminate tutte le richieste di de-listing con professionisti della tutela dei marchi dotati di competenza nella lingua del posto e di una conoscenza approfondita delle rispettive sfumature culturali.
  • Essere pronti ad adeguare le procedure interne ai requisiti locali e alle direttive proprie di ogni mercato.
  • Unire le forze a quelle di esperti locali che, grazie alla loro consapevolezza della cultura e alle loro conoscenze di lunga data, consentiranno un adattamento rapido e rapidi aggiornamenti su eventuali cambiamenti della politica locale.
  • Prima di selezionare un partner per la protezione del marchio, esaminare i modelli di copertura del mercato e la storia dei tassi di conformità in Cina.
  • Servirsi delle informazioni acquisite nella lotta contro la contraffazione per imparare a conoscere le opinioni dei consumatori su eventuali lacune del mercato e sulle loro esigenze non soddisfatte.

Solidi diritti di proprietà intellettuale sono fondamentali per imporre con efficacia il rispetto delle leggi, e la normativa cinese sulla proprietà intellettuale presenta alcuni requisiti particolari che devono essere osservati per riuscire a far valere i propri diritti. Consultare esperti di diritto che conoscano bene la legge cinese sui marchi di fabbrica è fondamentale per verificare la solidità dei propri diritti di proprietà intellettuale, ed è ancor più importante alla luce delle recenti modifiche della normativa. Gli esperti di protezione del marchio che vantano una presenza in Cina possono produrre un impatto notevole anche sul successo del programma per imporre l’applicazione delle leggi che tutelano i proprietari di marchi; beneficiando della loro competenza e delle loro relazioni di lunga data nel settore dei mercati on-line.

Per approfondimenti scarica il White Paper

© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Corsi Formazione

Tutti i corsi
Le vostre Opinioni
MacroambienteCina, mercato controverso ma pieno di opportunità