seminario neuromarketing

Codice etico per influencer: ecco come regolamentare la pubblicità sul web

Gli influencer sul web sono chiamati a rispettare alcune norme soprattutto per quel che concerne la natura pubblicitaria di alcuni contenuti.

Codice etico per influencer: ecco come regolamentare la pubblicità sul web

Il navigatore del web è bersaglio costante di messaggi pubblicitari quasi sempre evidenti ma talvolta nascosti e quindi sottilmente invasivi. È l’inevitabile effetto di un mercato orientato verso una comunicazione commerciale dissimulata nella libera espressione della Rete. Esistono regole anche per questo mondo? Secondo Paolo Peroni, socio dello studio legale Rödl & Partner, sì. «Le regole nel digitale – sostiene l’avvocato – sono numerosissime e investono moltissimi profili del diritto: dalla privacy alla tutela dei consumatori, fino ad arrivare alla proprietà intellettuale nel web. Per non parlare dei temi fiscali legati al commercio elettronico e alla sharing economy». Il fenomeno davvero eclatante del momento, però, è quello dei digital influencer. 

Digital influencer: connotati e normative

Chi sono i digital influencer? Con questa espressione si fa riferimento a blogger (fashion e non solo), spesso vere e proprie star della Rete, testimonial consapevoli o inconsapevoli capaci di orientare gusti e abitudini di acquisto di centinaia di migliaia di follower. Anche per loro, a quanto pare, ci sono norme e principi che non possono essere trascurati.

Negli Stati Uniti, la Federal Trade Commission ha elaborato già nel 2009 dei suggerimenti dedicati ai blogger e ai rapporti con le imprese. L’obiettivo? Rendere più chiare possibili le forme di relazione in grado di condizionare le opinioni espresse nel web. «L’archetipo affermato dalla FTC americana e oramai largamente recepito nei principali paesi europei è semplice: gli influencer devono rivelare l’esistenza di una connessione materiale, cioè di una qualsiasi forma di remunerazione riconosciuta dall’azienda i cui prodotti siano oggetto di discussione. La disclosure – secondo Paolo Peroni – deve essere chiara e immediatamente percepibile, ad esempio attraverso l’inserimento all’interno del post di parole chiave quali ‘sponsored by’ o segnali come ‘AD’ o ‘ADV’ sintomatici della natura pubblicitaria del post o della recensione. Anche nel mondo del web e dei social la parola chiave è trasparenza. Un contenuto promozionale deve essere sempre riconoscibile come tale e deve essere distinguibile da altri contenuti postati a titolo privato e senza l’influenza della relazione economica con il brand o l’iniziativa al centro della conversazione». 

In Italia non esistono ancora norme mirate a disciplinare il fenomeno degli influencer. Trovano però applicazione le regole della pubblicità tradizionale e, in particolare, il Codice di Autodisciplina Pubblicitaria e il Codice del Consumo. «Gli obiettivi presidiati sono essenzialmente due. Il primo è proteggere l’utente fruitore del messaggio, consentendogli di attivare i meccanismi di autodifesa e discernimento tipici della lettura dei messaggi pubblicitari: il consumatore deve essere posto nella condizione di riconoscerne la natura. Il secondo, non meno importante, è assicurare la correttezza dei rapporti concorrenziali tra imprese», come riferisce l’esperto.

Blogger, pratiche commerciali ingannevoli e concorrenza sleale

La violazione dei principi di trasparenza e riconoscibilità, infatti, può rappresentare a tutti gli effetti una pratica commerciale ingannevole. «L’articolo 23 del Codice del Consumo – dice Peroni – considera illecita la condotta consistente nel dichiarare o lasciare intendere, contrariamente al vero, che un soggetto stia agendo quale consumatore e non nell’ambito di un’attività remunerata. Il blogger che agisce quale testimonial di un brand è tenuto a rivelarlo ai propri follower». 

Le violazioni qualificabili quali pratiche commerciali ingannevoli possono comportare sanzioni pecuniarie amministrative anche molto elevate (potenzialmente superiori a un milione di euro) in base alla gravità e durata della violazione. Queste sanzioni possono essere comminate all’azienda ma anche ai blogger (e non sono pochi) che agiscano nell’ambito di un’attività remunerata e quindi in qualità di “professionisti”.  «Attenzione – precisa l’esperto – perché il rischio sanzionatorio sussiste anche laddove il messaggio pubblicitario sia dissimulato in un contenuto audiovisivo come una foto su Instagram o un post su Facebook». 

Altrettanto delicato è il tema della pubblicità negativa veicolata attraverso blog e social media che, in taluni casi, potrebbe tradursi in forme di concorrenza sleale: secondo Peroni, infatti, «chiunque diffonda notizie e apprezzamenti sui prodotti e sull’attività di un concorrente, idonei a determinarne il discredito, compie atti di concorrenza sleale da cui possono originare sanzioni e obblighi risarcitori a favore dell’azienda danneggiata». 

Tema fortemente dibattuto è pure quello della responsabilità dei blogger per i commenti diffamatori postati dai follower, in cui non è ancora chiaro se i gestori dei blog rispondano di diffamazione e se quindi siano chiamati ad un’attività di verifica e selezione dei contenuti (laddove possano implicare la violazione di diritti di terzi). Secondo l’orientamento dominante, il blogger non ha un obbligo generale di sorveglianza ma deve rimuovere i contenuti di cui conosca l’illiceità.

«Disciplinare contrattualmente obblighi e modalità di disclosure della natura pubblicitaria dei post, dei commenti e delle immagini è assolutamente prioritario. Attraverso opportune manleve, le imprese potranno proteggersi dagli effetti pregiudizievoli derivanti da eventuali inadempimenti contrattuali dei blogger. E in questo modo – conclude Peroni – viene assicurata maggiore trasparenza e credibilità alla Rete». Un’esigenza, del resto, affine alla necessità sempre più avvertita di salvaguardare se non l’autorevolezza quantomeno la genuinità delle informazioni nello sconfinato universo del web.

Libri sul tema dell'articolo


A firma di: F. A. Giornalista professionista
© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti
Le vostre Opinioni
MacroambienteCodice etico per influencer: ecco come regolamentare la pubblicità sul web
Iscrizione Newsletter Settimanale

Vuoi essere sempre aggiornato su ciò che avviene nel mondo del marketing e della comunicazione? Iscriviti alla newsletter di Inside Marketing

Acconsento ed ho letto Privacy Policy

Grazie per esserti registrato!

A breve riceverai una mail di conferma per attivare la tua registrazione.

Se non ricevi la mail di conferma, controlla nella cartella "posta indesiderata" ed aggiungi insidemarketing.it ai mittenti attendibili

In caso di problemi puoi contattarci all' indirizzo redazione[at]insidemarketing.it