Come aumentare la creatività

Cambiare spesso postazione e scrivania può essere un buon consiglio da seguire per aumentare la creatività sul lavoro.

Come aumentare la creatività

Un dipendente che lavora in un ambiente austero e poco stimolante è certamente poco produttivo, soprattutto quando queste caratteristiche sono proprie sia ai rapporti instaurati che alla postazione assegnata. Aumentare la creatività deve essere quindi una delle priorità degli imprenditori: una creatività a 360°, che possa innescare un cambiamento nella psicologia dell’ambiente di lavoro.

Alcuni dei consigli più facilmente intuibili potrebbero essere:

  • dare maggiori responsabilità individuali, così da permettere ai dipendenti di sentirsi parte di un sistema e non confinati sullo scalino di una piramide aziendale senza alcuna possibilità di mutare la propria posizione;
  • fornire informazioni più che istruire, in modo da assegnare linee guida precise ma senza un marcato senso di costrizione;
  • premiare, anche con piccole gratificazioni, i lavori ben eseguiti.

A questi tre punti principali, ne va però aggiunto un altro, cui si potrebbe facilmente non pensare, ovvero assegnare delle postazioni di lavoro ai dipendenti, prevedendo però degli spostamenti sporadici ad altre postazioni. Secondo una ricerca realizzata nel Massachusetts dall’Institute of Sloan School of Management Technology, infatti, un’ottima ed efficace  strategia per migliorare l’efficienza dei lavoratoti, aumentandone la creatività, è proprio quella di raggrupparli in base alle loro competenze e alle mansioni che svolgono all’interno dell’azienda non impedendo contaminazioni tra un settore e l’altro. Mescolare personalità, abilità e competenze differenti può favorire la creatività e dunque l’innovazione aziendale. In termini partici occorre quindi spostare i dipendenti da una scrivania all’altra a distanza di poco tempo, cosa che, secondo la ricerca, aumenterebbe la collaborazione e la produttività.

Ovviamente però occorre studiare bene quali sono le caratteristiche specifiche di ogni lavoratore, così da creare dei proficui abbinamenti: ad esempio chi è energico ed allegro può avere impatto positivo su chi è particolarmente stressato. Un aspetto al quale gli imprenditori devono però prestare attenzione è che passare da una scrivania all’altra potrebbe creare nei dipendenti anche la sensazione di non avere stabilità, di non essere essenziale nel ruolo assegnatogli o di non avere qualità tali da consentirgli un controllo sul proprio spazio o compito. Un problema però che si può facilmente evitare, specificando ai dipendenti cosa c’è alla base degli spostamenti di scrivania e postazione.

Libri sul tema dell'articolo


Pina Meriano
A cura di: Pina Meriano Autore Inside Marketing
© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Corsi Formazione

Tutti i corsi
Le vostre Opinioni
MacroambienteCome aumentare la creatività