Come strutturare una campagna Marketing per il mobile commerce?

Webtrends ha stilato tre consigli su come sviluppare strategie fruttuose, a prova di mobile commerce

Come strutturare una campagna Marketing per il mobile commerce?

Le repentine evoluzioni della tecnologia contemporanea hanno come chiave di lettura universale il concetto di mobilità. E questo accade anche per il settore dell’e-commerce, o meglio, del mobile commerce che, come suggerisce la parola stessa, si presta totalmente alla causa, non solo per i device sui quali si sviluppa. Per i retailer il mobile rappresenta una frontiera assai remunerativa, ma solo se esplorata mediante campagne digitali ben strutturate.

Le stime parlano chiaro: entro la fine del 2014 nel Regno Unito i clienti del mobile avranno fatto acquisti per 104 miliardi di sterline, e i retailer devono adeguarsi mediante creazione di app, siti e canali a portata di device.

Webtrends, leader nelle soluzioni di digital marketing, ha stilato tre consigli su come sviluppare strategie  fruttuose, a prova di mobile.

 

Usare i dati dei clienti per definire la strategia di mobile marketing

I clienti mobili offrono ai brand una grande quantità di informazioni quando si tratta di vendere online. L’analisi del comportamento del visitatore fornisce dati che aiutano a misurare l’adozione di dispositivi mobili, il coinvolgimento del cliente e l’efficacia generale sia della campagna sia della struttura del sito.

Le web analytics offrono informazioni sui download, sull’attività in mobilità, sull’uso di video, sulla posizione dell’utente e sul dispositivo usato.  Tutti questi dati possono essere utilizzati per personalizzare le campagne e migliorare l’esperienza del cliente.

Questa grande quantità di dati, geolocalizzazione compresa, offre un’opportunità unica per personalizzare le campagne marketing. “Ci troviamo oggi nell’era dei big data, dove le aziende hanno accesso a un’enorme mole di informazioni sui propri clienti. Se vogliono avere successo, le aziende devono utilizzare queste informazioni per offrire ai clienti un’esperienza personalizzata e coinvolgente su tutte le piattaforme”, commenta Tom Waterfall, Director Optimisation Solutions di Webtrends.

Personalizzare la customer experience e chiudere il cerchio tra online e offline

Finora, la personalizzazione ha generalmente comportato l’uso di una combinazione di informazioni di profilo già note e dati storici. Quello che mancava era la possibilità di integrare questi fattori con dati in real time come, ad esempio, quelli riguardanti la navigazione, il dispositivo utilizzato, la posizione fisica e quella nel ciclo d’acquisto.

L’integrazione di questi fattori viene definita personalizzazione contestuale. Essa permette ai brand di offrire ai clienti esperienze personalizzate e rilevanti in base ai loro bisogni in quello specifico momento: ciò che vogliono, dove lo vogliono e quando lo vogliono.

La personalizzazione in mobilità permette di proporre ai clienti messaggi personalizzati mentre sono nello store o nei negozi vicini.

La personalizzazione contestuale è inoltre il catalizzatore di interessanti innovazioni che permetteranno di riavvicinare il mondo online e il mondo reale offline. Immaginate di poter sapere cosa un cliente sta cercando prima ancora che entri in negozio – abitudini d’acquisto, ciò che piace e non piace, acquisti precedenti – e di potere usare queste informazioni per indirizzare la sua esperienza all’interno del negozio.

In un’epoca in cui le interazioni tra clienti e venditori influenzano il 50% di tutte le vendite in negozio è indispensabile usare al meglio lo strumento digitale e iniziare a chiudere il cerchio tra online e offline. E al centro di tutti questi nuovi sviluppi c’è il mondo mobile.

Usare il mobile come piattaforma di email marketing

Le opportunità offerte dal commercio mobile non si esauriscono nel momento in cui i clienti vanno offline, ma ciò non significa che essi siano disposti a ricevere comunicazioni sul proprio smartphone in ogni momento.

E’ infatti più probabile che i messaggi promozionali vengano visualizzati sul desktop durante il giorno, al lavoro. Nel tardo pomeriggio, invece, si tende ad usare più intensamente lo smartphone, soprattutto durante la settimana. Di sera, gli utenti tendono a spostarsi sui tablet con un approccio a “doppio schermo” all’intrattenimento: guardano la tv e intanto usano il tablet.

Tuttavia, alcuni studi dimostrano che gli utenti nel corso della serata guardano diversi tipi di programmi e ciò offre una grossa opportunità ai brand. Tipicamente, si tende a seguire programmi più leggeri in prima serata per passare più tardi a programmi più impegnativi.

Se chi programma le campagne è in grado di sapere quando la sua audience si trova in “modalità non impegnata”, e pertanto più soggetta a dedicare la propria attenzione al “secondo schermo”, allora potrà optare per un approccio più intenso, ottimizzando le promozioni per i dispositivi mobili. Non è un caso, che la prima serata sia uno dei momenti preferiti per gli acquisti online.

La prima mattina non è generalmente un momento favorevole per cercare di vendere prodotti online.  Le persone appena sveglie tendono a usare il dispositivo mobile per controllare le email, dare un’occhiata a Facebook o leggere le news prima della doccia. E’ probabile che una campagna abbia maggiore successo se lanciata poco più tardi, mentre gli utenti si recano al lavoro, cercando distrazione dalla noia del tragitto casa-ufficio.

“In un mondo così tecnologico-centrico, in cui l’accesso a Internet è disponibile quasi ovunque, raggiungere il cliente multicanale non è più un problema. La nuova e forse maggiore sfida, sta nel fornire al cliente la migliore esperienza possibile.  E per chi avrà adeguate strategie mobili la ricompensa sarà sostanziale”, conclude Waterfall.


A firma di: Laura Olivazzi Contributor
© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Corsi Formazione

Tutti i corsi
Le vostre Opinioni
MarketingCome strutturare una campagna Marketing per il mobile commerce?