Domenica 29 Marzo 2020
MacroambienteSempre connessi (da mobile) e abituati a servizi personalizzati: come cambia il digital banking per Millennials

Sempre connessi (da mobile) e abituati a servizi personalizzati: come cambia il digital banking per Millennials

Perché offrire servizi di digital banking per Millennials è diventato prioritario anche per i soggetti bancario-finanziari più tradizionali? Dati e trend.


Virginia Dara
A cura di: Virginia Dara Autore
Sempre connessi (da mobile) e abituati a servizi personalizzati: come cambia il digital banking per Millennials

Non conoscono un mondo senza Rete o, per meglio dire, senza servizi digitali: è per questo che i giovani millennials sono la fetta di popolazione a cui la FinTech guarda oggi con più interesse. I numeri del resto sembrano darle ragione: entro la fine del 2022 ci si aspetta che oltre il 57% dei trenta-quarantenni americani, ossia oltre i tre quarti di questa generazione, utilizzi esclusivamente servizi bancari e finanziari digitali. Quali sono già adesso, però, e quali saranno in futuro i cardini del digital banking per Millennials?

digital banking per Millennial previsioni 2022

Numero e percentuale di Millennials che, in America, sfrutteranno servizi di digital banking entro il 2022. Fonte: eMarketer

Numerosi studi e ricerche hanno provato a rispondere a questa domanda e a scandagliare le abitudini dei più giovani quanto a pagamenti digitali, servizi finanziari online e via di questo passo. Gli insight sembrano avere un unico filo rosso: come per ogni altra attività che sono abituati a svolgere da casa e semplicemente connessi dal proprio smartphone, da FinTech e digital banking i Millennials si aspettano soprattutto velocità, semplicità, multicanalità e, ancora, cura del cliente.

Digital banking per MillennialS: cosa i più giovani pretendono dai servizi finanziari online

Quanto alla velocità, chiunque intenda risultare d’appeal con i propri servizi di digital banking per Millennials non può non considerare, per esempio, che l’accesso a conti bancari e servizi finanziari digitali è oggi una delle attività più frequenti in Rete, forse più ancora dello streaming televisivo, musicale o di eventi sportivi e degli acquisti online. Ci sarebbe, infatti, un 64% di utenti che accede ai servizi digitali della propria banca almeno una settimana e un 23% che lo fa quotidianamente. Nella maggior parte dei casi, tra l’altro, più che di “vecchio” e tradizionale home banking si tratterebbe di mobile banking: perennemente onlife , abituati a stare connessi anche in mobilità e letteralmente inseparabili dai propri smartphone, infatti, i Millennials non solo apprezzano sempre di più le più innovative soluzioni per i pagamenti digitali che permettono di lasciare a casa contanti e carte di credito e di pagare semplicemente “strisciando” o avvicinando i propri dispositivi a un apposito lettore, ma anche quando si tratta di prendersi cura delle proprie finanze e controllare per esempio i conti bancari preferiscono le app accessibili da smartphone e con un semplice tap.

Oltre un Millennial su quattro (il 27%) sarebbe convinto così che l’app sia uno dei servizi – se non il servizio – più importanti offerti dalla propria banca. Un Millennial su tre la utilizzerebbe quotidianamente per operazioni di routine come effettuare depositi o trasferimenti bancari, mentre se si considerano altre generazioni come la generazione x o quella dei baby boomers questa stessa percentuale scenderebbe rispettivamente a 17% e 6%. Tra tutti, però, il dato più curioso riguarda quel 43% dei Millennials che si direbbe pronto a cambiare banca o fornitore di servizi finanziari a causa di un’app poco funzionale, che richiede troppi passaggi per completare l’operazione o, peggio, che si blocca e ha tempi di elaborazione piuttosto lunghi, in altre parole poco usabile. Naturalmente anche l’invulnerabilità delle applicazioni bancarie e finanziarie e l’attenzione che gli sviluppatori pongono nei confronti di privacy e trattamento dei dati personali contano per giovani clienti della FinTech come questi, più consapevoli delle generazioni precedenti quanto ai rischi inerenti cybersecurity e riservatezza che discendono dalle loro attività online.

La sfida della digitalizzazione nel settore bancario e della finanza

Quanto detto fin qua sembra avere agli occhi degli esperti un solo corollario: chi progetta servizi finanziari e di digital banking per Millennials non può non puntare a una user experience di qualità. Ci sono, del resto, diverse di considerazioni di contesto da aggiungere a quelle che riguardano le abitudini digitali dei Millennials di cui si è già abbondantemente detto. In primis, il mercato dei servizi bancario-finanziari è oggi decisamente più “affollato” di un tempo e da parte di attori che non sono più necessariamente i protagonisti della finanzia tradizionale: se alle classiche banche, semplificando molto, fanno ormai concorrenza (numerosissimi) servizi bancari online-only che offrono condizioni a tratti piuttosto allettanti, la sfida può diventare, così, non tanto acquisire nuovi clienti, quanto mantenere quelli già esistenti, fidelizzarli e aumentare il loro valore di vita. Il tutto in un panorama che, soprattutto dopo la crisi finanziaria del 2008, sembra aver fatto precipitare anche quelle finanziarie tra le istituzioni che – come i politici o i media tradizionali – registrano livelli di fiducia più bassi di sempre.

La strada da percorrere ha a che vedere con l’espandere la propria presenza digitale? Così pensa di fare il 37% delle banche, soprattutto tra le più tradizionali (una percentuale, questa, riferita al 2019 e in crescita rispetto al 2018 quando era di appena il 18%). Per qualcuno ciò significa innanzitutto farsi trovare negli ambienti che clienti e potenziali tali frequentano abitualmente e, cioè, sviluppare una precisa strategia di social media marketing e di social media monitoring, per esempio, anche in considerazione del fatto che, proprio come avviene per qualsiasi altro tipo di prodotto, quando deve cambiare carta di credito o stipulare prestiti personali, polizze assicurative, mutui, c’è un’ampia fetta di utenti che cerca consigli d’acquisto online, tra le recensioni di altri utenti o in blog e forum tematici. Si tratta, certo, di un livello zero. Sottolinea Deloitte, per esempio, che fare digital banking per Millennials significa riprogettare l’intero customer journey , avendo ben in mente in ciascuna fase quali sono i bisogni reali dei giovani clienti di una banca o di un istituto di credito e non dimenticando il fatto che, più delle generazioni precedenti, i Millennials devono fare i conti con precarietà, rischio, liquidità tanto nella sfera professionale quanto in quella privata.

digital banking per Millennial consigli

Come e sulla base di cosa ripensare il customer journey nel settore bancario-finanziario per risultare “d’appeal” a un giovane consumatore Millennial. Fonte: Deloitte

Se a questo si aggiunge che, come numerosi studi hanno dimostrato, molti giovani sono “analfabeti finanziari” (appena il 24% dei Millennials ha conoscenze di base per quanto riguarda la finanza e la percentuale potrebbe scendere ancora di più per i giovanissimi di Gen Z e Gen Alpha), non è difficile capire che il futuro per chi offre servizi finanziari e bancari è trasformarsi in trusted advisor, in grado di consigliare di volta in volta soluzioni personalizzate e che meglio vengono incontro alle esigenze del singolo.

Anche “smaterializzare” e rendere completamente digitali tutti i servizi non sembra essere tra i trend attuali né futuri della FinTech. Si consideri, a proposito, un ultimo dato: per una metà dei Millennials che dice di aver preso in considerazione la possibilità di passare a servizi finanziari digital-only ce n’è almeno un’altra metà che non considererebbe mai questa ipotesi.

che servizi di banking scelgono i Millennial

Quanti, tra i Millennials, sceglierebbero oggi davvero dei servizi bancari e finanziari digital-only? Fonte: eMarketer

Insomma, la filiale della banca sembra ancora un punto cruciale dell’esperienza di brand: rivederne il design, riprogettare anche l’esperienza in store come stanno facendo del resto i retailer di numerosi altri settori per renderla quanto più coinvolgente, personalizzata o persino ludica può rivelarsi una buona strada per continuare ad attrarre clienti (o prospect ) anche tra le generazioni più giovani.

Libri di approfondimento

  • Like for like. Categorie, strumenti e consumi nella social media society
    Like for like. Categorie, strumenti e consumi nella social media society

    "#LIKEFORLIKE" è l'analisi di una comunicazione social dove tutto è un "like for like", in una logica del baratto espressa con un hashtag.

    Leggi
© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Iscriviti alla newsletter! Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e recensione libri
Potrai anche usufruire di offerte esclusive per libri, eventi e corsi.

Iscriviti

Altre notizie

© Inside Marketing 2013 - 2020 è un marchio registrato ® P.iva 07142251219
×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

loading
MOSTRA ALTRI