Digital PR: imprescindibili per costruire una brand reputation

Ultimi tre anni di sostanziale stabilità per il mercato delle PR in Italia, questo è il dato che emerge dall’indagine Assorel. Criticità nel breve periodo.

Digital PR: imprescindibili per costruire una brand reputation

Secondo l’indagine di mercato pubblicata da ASSOREL (Associazione Italiana Relazioni Pubbliche), nel 2014 le Digital PR insieme ai Social Media sono state le aree che hanno avuto il miglior andamento in termini di investimenti rispetto al 2013 con una crescita del 56%. Le Digital Pr hanno assunto oramai un ruolo di primissimo piano nella costruzione della brand reputation e diventano quindi una leva imprescindibile per la pianificazione e l’attuazione di una efficace strategia di comunicazione.

 

Digital_Pr_Ricerca_Assoreti

Al primo posto dei settori con più investimenti nelle pr c’è l’industria alimentare (+56% rispetto al 2013) mentre non stupisce il +30% nel settore farmaceutico/salute che agguanta al secondo posto i settori “classici” delle relazioni pubbliche ovvero internet, e-commerce, finanza, banche, assicurazioni. Di primaria importanza il ruolo del digitale nel settore farmaceutico  caratterizzato da un’ampia ricerca on-line nella fase di pre-acquisto, recensioni ed opinioni autorevoli giocano anche in questo caso una parte fondamentale nell’influenzare le scelte .

 

pr analisi mercato

Dall’indagine, effettuata tra maggio e luglio 2015 su un panel di autorevoli agenzie di pr, emerge una certa fiducia anche per il 2015 che si preannuncia stabile, dopo l’ottimo 2014, mentre permane una certa cautela sul 2016.

pr mercato italiano

Lo studio evidenzia inoltre  come il la competitività rimane interna al mercato nel 48% dei casi mentre  le web agency nel 56%  costituiscono la competitività esterna. Società di consulenza (22%) , agenzie di pubblicità (17%) e centri media (8%)  non risultano essere player particolarmente insidisiosi .

 

pr player di mercato

Nel 2015 secondo gli esperti, le criticità gestionali avranno origine dalla gestione di strategie orientate al breve periodo nel 65%  dei casi e sembra preoccupare anche il calo della profittabilità legato all’iper-competitività del mercato (58%). La ripresa sarà caratterizzata da una integrazione quanto mai necessaria con altri prodotti del marketing mix, chiaro segnale in termini di budget: gli investimenti vanno distribuiti e diversificati per ottenere risultati soddisfacenti.

pr criticità gestionali short

Nei giorni scorsi Alessandro Costella direttore generale di ASSOREL ha commentato l’indagine dicendosi soddisfatto dei risultati di mercato e sottolineando l’importanza di un monitoraggio costante da parte dell’associazione per rispondere alle esigenze che stanno scaturendo dalla continua evoluzione del settore.


A firma di: Elia Traversa Contributor
© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Corsi Formazione

Tutti i corsi
Le vostre Opinioni
MacroambienteDigital PR: imprescindibili per costruire una brand reputation