Martedi 14 Agosto 2018
MacroambienteeCommerce e fashion: come cambia l’esperienza d’acquisto

eCommerce e fashion: come cambia l'esperienza d'acquisto

La diffusione del mobile ha portato ad una forte crescita del settore fashion online. Le aziende devono ripensare l'esperienza d'acquisto.


A firma di: Giovanna D'Urso Contributor
eCommerce e fashion: come cambia l'esperienza d'acquisto

Piattaforme di eCommerce e smartphone stanno contribuendo alla forte crescita del settore del fashion online; l’utilizzo assiduo di questi dispositivi, infatti, ha portato le aziende a ripensare all’esperienza di acquisto dei consumatori. Si può affermare quasi con certezza che la maggior parte degli europei possiede uno smartphone: l’80% della popolazione di Francia e Germania ne ha uno, mentre la penetrazione in Italia si attesta intorno al 68,7%.

I possessori di smartphone sono anche sempre di più mobile shopper: decidono, infatti, di acquistare online beni o servizi tramite app o tramite il browser disponibile sul proprio dispositivo. Ad Aprile 2016, come rivelato dall’analisi comScore Mobile Advisor, sono stati 8,6 milioni i mobile shopper di Francia, Germania, Italia, Regno Unito e Spagna che hanno acquistato online usando un browser mobile.

Tra i settori in forte crescita, grazie anche alla spinta del mobile commerce, c’è soprattutto quello dell’abbigliamento. Facendo riferimento al nostro paese, il 35% dei mobile shopper ha acquistato online beni appartenenti al settore del fashion; fanno seguito, poi, acquisti di prodotti elettronici e libri.

eCommerce e fashion: come cambia l'esperienza d'acquisto

Una ulteriore conferma sul decollo del settore del fashion giunge dai dati dell’Osservatorio eCommerce B2C. Si prevede che nel prosieguo del 2016 gli acquisti online dei consumatori italiani su siti sia locali sia stranieri saranno superiori a 1,8 miliardi, con un aumento di 365 milioni rispetto allo scorso anno.

Ad acquistare online articoli del settore sono soprattutto le donne (50%). Più che accessori, si preferiscono capi d’abbigliamento (55%), nel 46% dei casi di mass market, seguiti da acquisti “luxury” (36%), mentre il 18% preferisce acquistare online capi e accessori sportivi.  Il fattore principale che spinge all’acquisto online è dettato dalla possibilità di comprare a prezzi ridotti o scontati rispetto a quelli dei negozi fisici. Non bisogna, poi, sottovalutare l’opportunità, offerta da numerosi siti di eCommerce, di scegliere capi d’abbigliamento e accessori in base alle proprie esigenze tra un’ampia gamma di generi, colori, materiali e tessuti.

La forte crescita dell’acquisto online di beni legati al fashion è stata resa possibile dalla volontà delle aziende di sfruttare in maniera efficace le opportunità del digitale e dell’innovazione tecnologica, riuscendo in questo modo a stare al passo con le nuove esigenze dei clienti. Si sta infatti assistendo ad una riprogettazione della customer experience: dai canali social per servizi di customer care o customer engagment ai totem virtuali negli store fisici per acquistare capi non disponibili o per avere informazioni più dettagliate sui prodotti in-store, sulle promozioni e sulle alternative d’acquisto.

Altro trend che può essere utile per comprendere l’ascesa del comparto del fashion online è il commercio unificato che consente, attraverso una sola piattaforma, di comunicare con i clienti in tutte le fasi del processo d’acquisto, aggregando in unico spazio negozio fisico e negozio virtuale, in modo da favorire acquisti ripetuti nel lungo periodo, ma anche una fidelizzazione sempre maggiore. In questa direzione si muovono anche i modelli omnichannel, come ad esempio il “click & collect” per acquistare online e ritirare nel punto vendita, cosa che permette di ridurre notevolmente le spese di negozio e aumentare gli acquisti. Altro incentivo allo shopping online è la spedizione gratuita che nel settore moda è presente nel 65% dei casi.

Le iniziative di eCommerce, dunque, devono avere come focus della propria strategia il cliente e l’esperienza d’acquisto. Per incentivare le vendite online, quindi, è necessario rendere i processi di ricerca e scelta del prodotto sempre più rapidi e personalizzati, favorendo l’acquisto di prodotti complementari o di valore per il cliente e offrendo servizi di spedizione e reso gratuiti e facili. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti
×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.