Martedi 19 Marzo 2019
Agenda EventiCambiare veste ma non contenuto: è quello che ha fatto Cibiamoci Festival 2018

Cambiare veste ma non contenuto: è quello che ha fatto Cibiamoci Festival 2018

Location diversa, tavolo degli esperti, salottino con le interviste di Romanelli: solo alcune delle novità di Cibiamoci Festival 2018.

Cambiare veste ma non contenuto: è quello che ha fatto Cibiamoci Festival 2018

Da Pistoia a Firenze, da un vivaio a una sala congressi, da tre sale di speech in contemporanea a una plenaria e workshop a pagamento: sono questi alcuni dei principali cambiamenti rispetto all’edizione precedente che hanno caratterizzato Cibiamoci Festival 2018.

Una location diversamente bella

Cibiamoci Digital & Marketing Food Festival – questo il nome completo dell’evento di formazione per produttori dei settori food, wine e ristorazione – si è svolto, infatti, il 21 novembre 2018 al Palazzo degli Affari di Firenze, location che si trova in una zona molto centrale della città, vicina alla stazione di Santa Maria Novella e ben servita, quindi, dai vari mezzi di trasporto.

Alcune delle piante di allestimento di Cibiamoci Festival 2018

A chi ha partecipato alla scorsa edizione questo cambio location sarà sembrato sicuramente molto strano, una scelta agli antipodi. Nel 2017 l’evento si era svolto nel vivaio Mati, con una completa immersione nel verde e nella natura, in una zona di Pistoia raggiungibile praticamente solo in auto; la scelta fatta per Cibiamoci Festival 2018 pur perdendo un po’ dell’aspetto esperienziale e sensoriale che aveva connotato la scorsa edizione è stata, invece, sicuramente più funzionale dal punto di vista logistico. È da sottolineare, però, il tentativo da parte degli organizzatori – grazie anche a una partnership con lo stesso vivaio Mati – di preservare un legame dell’evento con territorio e natura: sono stati collocati all’interno della sala plenaria, infatti, piantine e degli alberi.

La presenza di quattro schermi di proiezione delle slide dei relatori che si avvicendavano sul palco al centro della sala plenaria, una funzionale sala per i workshop a pagamento sullo stesso piano (il primo del Palazzo Affari) di un piccolo bar e un’area degustazione al pian terreno, dove trascorrere la pausa pranzo ad assaggiare prodotti locali e confrontarsi con aziende del territorio toscano, sono stati tutti elementi che hanno contribuito a rendere diversamente bella la location scelta per Cibiamoci Festival 2018.

dal tavolo degli esperti al salottino di romanelli

Novità introdotte dal direttore generale, Pietro Fruzzetti – che, tra l’altro, si è riconfermato un presentatore competente, in grado di stare sul palco in modo molto naturale e piacevole –, hanno riguardato anche gli aspetti organizzativi dell’evento.

Il tavolo dei esperti di Cibiamoci Festival 2018.

È stato costituito, ad esempio, il tavolo degli esperti, composto da Gilberto Bertini, Claudiana di Cesare e Bernardo Mannelli, ai quali è spettato il compito di “mettere alla prova” i relatori della giornata, con domande alla fine di ogni speech. Una novità molto apprezzata, perché ha fatto sì che si indagassero aspetti più specifici di ciascun argomento esposto comunque già in maniera abbastanza approfondita dai relatori.

Il direttore artistico di Cibiamoci Festival 2018, inoltre, è stato Leonardo Romanelli, gastronomo, sommelier e giornalista che aveva preso parte a una tavola di discussione della scorsa edizione, parlando, tra le altre cose, di foodtelling.

Un’ulteriore novità, targata Romanelli, introdotta nella giornata formativa è stato il salottino “Le Delizie di Leonardo”, un momento di interviste condotte dal direttore artistico ad alcuni personaggi di spicco dell’ambito food, wine e ristorazione. Nello spazio dedicato al salottino sono stati ospitati, così, Umberto Montano (ideatore e fondatore del Mercato Centrale), Fabio Picchi (Chef fiorentino e proprietario del ristorante Cibrèo) e Carlotta Gori (presidente del Consorzio Chianti Classico).

LA Parola d’ordine di Cibiamoci festival 2018: formazione

«Una delle poche occasioni che ci sono in Italia per parlare di comunicazione del cibo e del vino, ma anche di cibo e di vino, in una maniera molto professionale e veramente utile. Non si fa intrattenimento, il concetto quindi non è quello di venire ad ascoltare la star di turno da un punto di vista mediatico, ma ascoltare chi nei media ci lavora, anche attraverso i social. Quindi, grandi contenuti, grandi capacità di creare elementi di curiosità e spunti per individuare possibili sviluppi della propria attività.»

È con queste parole che Leonardo Romanelli ha definito Cibiamoci Festival 2018 ai nostri microfoni in un racconto a due voci con Pietro Fruzzetti. E noi, che abbiamo partecipato all’evento come media partner, concordiamo senza dubbio con questa descrizione.

Il fine formativo, di focalizzazione sui contenuti accendendo la curiosità dei partecipanti e fornendo interessanti spunti, è stato decisamente raggiunto, anche grazie alla scelta dei relatori della giornata.
Nella Cibiamoci Hall, ovvero nella sala plenaria, sono stati toccati tantissimi aspetti della comunicazione del cibo e del vino. Si sono succeduti sul palco:

L’evento si è chiuso ma Cibiamoci continua

Pietro Fruzzetti e Mariachiara Cheli sul palco di Cibiamoci Festival 2018 in una foto del fotografo ufficiale dell’evento.

In conclusione, possiamo dire che Cibiamoci Festival 2018, pur con alcune differenze rispetto alla scorsa edizione, ha riconfermato qualità dei contenuti e competenza degli organizzatori, tra i quali non si può non menzionare Mariachiara Cheli, punto di riferimento essenziale nel pre-evento e anche durante lo svolgimento. Proprio Mariachiara è salita sul palco insieme a Pietro Fruzzetti per la consegna dei Cibiamoci Awards, i premi dedicati alle aziende che si sono distinte nella comunicazione online (Pasticceria Bonci, All’Antico Vinaio e Vignamaggio).

L’edizione 2018 si è così conclusa, ma la cultura del digital marketing nel settore food, wine e ristorazione no: infatti, a partire da gennaio 2019 Cibiamoci si trasformerà in Academy.

Libri di approfondimento

  • Food marketing. Creare esperienze nel mondo dei foodies
    Food marketing. Creare esperienze nel mondo dei foodies

    In "Food marketing" Carlo Meo analizza i principali trend che hanno letteralmente sconvolto in questi anni il settore enogastronomico.

    Leggi
  • Digital food marketing: guida pratica per ristoratori intraprendenti
    Digital food marketing: guida pratica per ristoratori intraprendenti

    Strategie di food marketing declinate da Nicoletta Polliotto in ottica digital e dedicate agli imprenditori del mondo della ristorazione.

    Leggi

VIDEO Cibiamoci Festival 2018

  • Cibiamoci Festival 2018 | Pietro Fruzzetti e Leonardo Romanelli
    Cibiamoci Festival 2018
    Pietro Fruzzetti e Leonardo Romanelli
  • Il progetto Mercato Centrale | Umberto Montano
    Il progetto Mercato Centrale
    Umberto Montano
  • Come gestire un gruppo dedicato al food&wine marketing? | Tommaso Cattivelli
    Come gestire un gruppo dedicato al food&wine marketing?
    Tommaso Cattivelli
  • Video marketing e food porn | Nedo Baglioni
    Video marketing e food porn
    Nedo Baglioni
  • Strategie di performance marketing nel food | Valerio Ronchi
    Strategie di performance marketing nel food
    Valerio Ronchi
  • Perchè affidarsi a un food photographer professionista? | Giulia Scarpaleggia e Tommaso Galli
    Perchè affidarsi a un food photographer professionista?
    Giulia Scarpaleggia e Tommaso Galli
  • Come migliorare la brand awareness su Instagram | Francesco Mattucci
    Come migliorare la brand awareness su Instagram
    Francesco Mattucci
© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Iscriviti alla newsletter! Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e recensione libri
Potrai anche usufruire di offerte esclusive per libri, eventi e corsi.

Iscriviti

Articoli sull'argomento

×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

loading
MOSTRA ALTRI