campagna Rakuten
Domenica 16 Dicembre 2018
Agenda EventiOneMorePack 2017: creatività e innovazione a servizio del packaging

OneMorePack 2017: creatività e innovazione a servizio del packaging

La premiazione di OneMorePack 2017 ha avuto luogo in una suggestiva location e ha visto trionfare la creatività.

OneMorePack 2017: creatività e innovazione a servizio del packaging

Nella suggestiva cornice del Complesso Monumentale di Santa Maria la Nova, a Napoli, l’8 giugno 2017 si è svolto OneMorePack 2017, la quarta edizione del primo premio italiano di Creative Packaging Design, nato con l’intento di promuovere innovazione e, soprattutto, creatività nel settore del packaging cartotecnico.

Dopo una visita guidata all’interno del complesso, in cui è stato possibile ammirare chiesa – con tutti i particolari che la contraddistinguono – e chiostro, ha avuto inizio la manifestazione che, nella giornata conclusiva, ha visto l’assegnazione dei premi per la categoria Studenti e per quella Professionisti.OneMorePack 2017: creatività e innovazione a servizio del packaging

L’importanza del packaging

La vera e propria cerimonia di consegna è stata preceduta dall’intervento “Designing the Difference. Creating and building successful brands” di Drew Smith, dell’agenzia Smith Lumen e presidente di giuria. Il relatore ha sottolineato l’importanza dell’idea che sta dietro all’effettiva realizzazione di un packaging di successo in una strategia di marketing. Non ricerche di mercato, dunque, ma idee, creatività ed anche relazioni umane – in sostanza il concetto espresso dal relatore – poiché ciò che conta è creare valore per le persone, riuscendo a rimanere nella mente del consumatore anche a primo impatto. A questo serve, appunto, il packaging.

Dopo aver presentato alcune case history riguardanti la sua azienda, Smith ha portato al pubblico un esempio personale, a dimostrazione di quanto il packaging giochi un ruolo fondamentale nella prima impressione con il consumatore: il relatore ha raccontato di aver ricevuto dalla figlia il profumo “Bleu de Chanel” (mostrato al pubblico) e di essere rimasto impressionato dapprima dallo scatolo – estremamente lineare – e, successivamente, dalla boccetta, incredibilmente pesante, e dal tappo, che all’apertura e alla chiusura produce un piacevole – a detta dello speaker – rumore, quasi rilassante. «Avrebbero potuto risparmiare sulla confezione e invece hanno creato ciò perché è bello – ha sottolineato Smith – perché non si tratta di vendere qualcosa, ma di far sì che le persone si sentano bene». Quale migliore esordio per un premio riservato alla creazione di packaging?

OneMorePack 2017: la premiazione e i vincitori

Dopo l’interessante introduzione di Drew Smith, la conduttrice di OneMorePack 2017, accompagnata da Iole Preziosi, Responsabile Marketing di Grafica Metelliana, ha dato il via alle premiazioni. La prima categoria premiata è stata quella degli Studenti che quest’anno ha visto la partecipazione di oltre 120 ragazzi, tra cui una studentessa originaria della Libia e una dell’Azerbaijan. A differenza dei Professionisti, hanno lavorato su un tema assegnato e cioè la progettazione di un packaging per una bottiglia di vino – a dimostrazione di quanto importante sia il packaging nel settore food –, insieme all’etichetta della stessa, di un’azienda campana che chiedeva un progetto che fosse rappresentativo, appunto, dell’azienda ma al contempo anche del territorio. Sul palco sono saliti di volta in volta i primi tre classificati:

  • ad aggiudicarsi il primo posto è stata Marta Valentini dell’Università della Repubblica di San Marino;
  • secondo posto, invece, per Lucia Tonelli dell’Università della Repubblica di San Marino;
  • il terzo classificato è stato Luca Segato del Nuovo Istituto Design di Perugia.

Successivamente è stata la volta dei Professionisti. I premi assegnati a questa sezione di OneMorePack2017 sono stati ben otto, in base a diverse categorie:

  • categoria Food: il premio è andato all’azienda sannita Autore;
  • categoria No Food: il primo classificato è stato Roberto Scaramuzza di A. Torino;
  • categoria Visual: la vincitrice del premio è Laura Gorlato di La Furia studio di Trieste;
  • categoria Label: il premio è stato assegnato a Mario Cavallaro, Stefano Marra, Annamaria Varallo e Simonetta Pagliuca di Nju Comunicazione di Eboli;
  • premio Miglior Sostenibilità: ritirato da Iglis David Riggi di Torino;
  • premio Miglior Funzionalità: ritirato da Nju Comunicazione, che si è quindi aggiudicata ben due premi nel corso di OneMorePack2017;
  • premio Miglior Innovazione: ritirato da Andrea Basile di Basile ADV di Bonito;
  • premio Miglior Creatività (assegnato dal web): ritirato da Piervito De Carlo e consegnato da noi di Inside Marketing, in quanto media partner dell’evento.

Nel corso della serata ha preso parola anche Marco Fiorillo, art director del premio, che ha ribadito l’importanza del packaging per un brand: “La confezione è sempre più un medium determinante nell’affermazione della marca; un artefatto indispensabile che viene a completare il contenuto di valore dell’offerta, divenendo parte integrante del sistema-prodotto. Il packaging diventa un oggetto del design e si mescola con il prodotto avvalendosi di effetti di senso».

La location e l’ospitalità

Al termine delle premiazioni, dopo i ringraziamenti di rito, gli organizzatori di OneMorePack 2017 hanno invitato i presenti al momento conclusivo della serata e cioè un ricco buffet allestito nel chiostro del complesso monumentale che è stato dimostrazione dell’ospitalità e della cordialità degli organizzatori che lavorano di anno in anno alla realizzazione di questo premio. Sulle mura della struttura erano presenti i lavori realizzati dai partecipanti al contest, cosa che ha consentito di calarsi maggiormente nel contesto originario anche in un momento di convivialità e networking come, appunto, la cena.

Per un evento dedicato all’originalità e alla creatività non poteva non essere scelta come location una struttura immersa nell’arte, un piccolo gioiello nel centro di Napoli. D’altronde gli organizzatori per queste quattro edizioni hanno cercato sempre di scegliere ad hoc luoghi “speciali” del nostro territorio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Articoli sull'argomento

×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

loading
MOSTRA ALTRI