Eventi notizieWMF! 2022 – “We Make Future”: un evento dinamico, formativo, di incontri, intrattenimento e attivismo

WMF! 2022 - "We Make Future": un evento dinamico, formativo, di incontri, intrattenimento e attivismo

WMF 2022

Non solo un evento, ma una «piattaforma di costruzione del futuro»: così il WMF si è presentato al pubblico nel 2022, nella Fiera di Rimini, per tre giorni di formazione, intrattenimento, competizioni e tematiche sociali.

Il WMF! 2022 si è svolto dal 16 al 18 giugno, per il primo anno nella Fiera di Rimini, e, guardandolo anche solo da un punto di vista prettamente numerico, è stato un evento che ha puntato alla grandezza, con più relatori, più interventi in contemporanea e più momenti di intrattenimento rispetto alle edizioni precedenti: ha infatti coinvolto – come affermato da Cosmano Lombardo, ideatore dell’evento e CEO di Search On Media Group (azienda organizzatrice del WMF!) – oltre 600 relatori da tutto il mondo, 256 espositori, circa 1000 startup rappresentate da più soggetti provenienti da 26 paesi, per un totale di circa 35mila partecipanti in tre giorni.

wmf 2022 - we make future -

Il WMF! 2022 in un’ottica rivolta al futuro: “We Make Future”

Non solo numeri, comunque. Il vero obiettivo dell’evento, palesatosi in tutti gli aspetti della sua organizzazione, dalle competizioni agli argomenti portati sul main stage e nelle varie sale, fino ai momenti più ludici e di intrattenimento, è stato – questa la nostra sensazione, avendovi partecipato da media partner, in qualche modo confermata anche dalle parole di Cosmano Lombardo ai nostri microfoni – puntare i riflettori sull’ innovazione , sulla necessità di costruire il futuro insieme e, appunto, sulla condivisione.

Non a caso per il WMF!2022 è stata lanciata un’operazione di riposizionamento (dall’evento la definiscono di «rebranding»), espressa da un diverso scioglimento dell’acronimo rispetto agli anni precedenti: daWeb Marketing FestivalaWe Make Future“. Come ha sottolineato Lombardo:

«è un passo che in realtà avevamo fatto nel 2019 e dovevamo annunciarlo ufficialmente nel 2020. Dopodiché è arrivato il COVID, quindi ci siamo preoccupati nelle due edizioni del 2020 e anche nel 2021 di dar supporto esternamente alle varie realtà, non preoccupandoci di quello che poteva essere il rebranding. Ci siamo però iniziati a muovere come piattaforma di costruzione del futuro già da allora».

La volontà di identificare il tutto più come una «piattaforma» che non come semplice evento, per assurgere a quel «ruolo di acceleratore di innovazione, cultura e formazione per l’intero contesto internazionale» – come si legge nel comunicato stampa ufficiale rilasciato post evento –, trova in effetti riscontro nel «percorso – ricordato ai nostri microfoni da Cosmano Lombardo – tracciato già a inizio 2022 di diffusione dell’innovazione italiana in giro per il mondo attraverso i roadshow internazionali» (l’International Roadshow del WMF, che ha fatto tappa in Grecia e Croazia e la farà anche in Spagna e Canada).

WMF 2022 – Cosmano Lombardo

WMF 2022 - Cosmano Lombardo

Di cosa si è parlato al WMF! 2022

Inevitabile, così, che i temi trattati al We Make Future 2022 siano stati tanti, focalizzati sul digitale e sulle tecnologie e anche di una certa rilevanza sociale e basterebbe scorrere il fittissimo programma per rendersene conto.

Sul main stage del Festival, per esempio, la conduzione non è stata affidata solo  a Diletta Leotta e Danielle Frédérique Madam: insieme a Cosmano Lombardo, nella prima giornata, ci sono state Natasha Stefanenko e Anna Safroncik, la prima russa e la seconda ucraina, per lanciare un messaggio di pace rispetto alla guerra in corso.

La cerimonia di apertura, inoltre, è iniziata con Linda Sarsour, human rights activist, che ha ricevuto anche il WMF Award Human Rights & Activism“; il suo intervento, tra l’altro, non è stato neppure il solo tenuto da parte di attivisti all’evento: ci sono stati anche Savo Heleta e Siyabulela Mandela.

WMF 2022 main stage

Sono però stati 100 gli interventi e i momenti di show che si sono alternati sul palco, sia con ospiti nazionali che internazionali, su temi come l’intelligenza artificiale (per esempio con l’inventore del microprocessore 4004 Federico Faggin), l’innovazione (con, tra gli altri, Stefano Quintarelli), il metaverso e la robotica (anche con un’intervista al robot Sophia), e così via, nonché concerti e live set (con Irama, Roy Paci e Frankie hi-nrg mc).

wmf 2022 main stage

Momenti di puro intrattenimento anche nei diversi spazi del WMF! 2022, come per esempio lo spettacolo (d’impatto) tecnologico che ha visto un uomo innalzarsi sulle piscine della Fiera, come in un volo umano, con la Jet Suit di Gravity Industries.

Un intero padiglione della Fiera di Rimini, poi, è stato dedicato interamente al mondo delle startup, con gli eventi del World Startup Fest (manifestazione rivolta a startup, scaleup e investitori), la Startup Competition, spazi espositivi (nello Startup District, dedicato anche a incontri b2b ) e interventi a tema (un palco è stato dedicato alle startup e uno agli investitori).

In un’altra parte della Fiera, inoltre, si è tenuto il Digital Job Fair, con speed meeting, servizio di job placement, il WMF Youth (nel truck della Polizia Postale), l’Hackathon Europeans For Future e anche l’Innovation Film Fest.

Come sempre al WMF ci sono stati anche tantissimi momenti formativi, con più di 600 relatori che, nelle numerosissime sale tematiche predisposte, hanno tenuto interventi e presentazioni di libri su seo , social media (solo per nominare uno dei tanti speech, è possibile far riferimento a quello di Valentina Vellucci sulla “nuova normalità” del social media marketing), nft neuromarketing, sicurezza informatica (con lo speech di Vito Lucatorto su come prevenire le minacce informatiche per esempio), ecc. 

Le molte iniziative hanno sicuramente contribuito a dare una certa maestosità all’evento, ma non possiamo, avendovi preso parte come stampa, non evidenziare quanto il WMF! 2022 sia stato anche molto confusionario per i partecipanti, soprattutto perché organizzato su troppi padiglioni, in spazi troppi ampi anche solo da percorrere per provare a raggiungere le varie sale. 

Perché il futuro parte anche dalle imprese

Gli obiettivi preposti dagli organizzatori, però, sono stati perseguiti con determinazione e questo si è avvertito molto a partire dalla volontà di tentare l’impresa di creare insieme a tutti i partecipanti (imprenditori, startupper, studenti, pubblica amministrazione, professionisti) una rete per costruire il futuro.

Le imprese, insieme ad amministrazioni e non solo, possono avere un ruolo importante in questo processo, a condizione di prestare attenzione ai doveri. Come dichiarato con convinzione da Cosmano Lombardo nel corso della nostra intervista:

«credo che sia arrivato il momento di parlare di doveri. […] Probabilmente andando ad attivare una campagna nel senso del dovere sarebbe molto più facile avere molti diritti tutelati. Quando parlo di diritti tutelati parlo anche del pianeta, parlo anche delle persone che oggi non sono incluse, parlo della costruzione di comunità aperte […]. La convergenza non solo tra i temi ma anche tra differenti attori è sicuramente la base per costruire una società anche diversa».

Promuovere e spingere un futuro diverso – migliore, si spera – attraverso gli strumenti dell’innovazione tecnologica e digitale e grazie agli impatti sul sociale che questi stessi strumenti hanno è dunque possibile secondo il WMF! 2022. E il “We Make Future” sembra sottolineare che è possibile a condizione di puntare sull’attivismo e su una forte spinta propositiva e costruttiva.

© RIPRODUZIONE RISERVATA È vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Resta aggiornato!

Iscriviti gratuitamente per essere informato su notizie e offerte esclusive su corsi, eventi, libri e strumenti di marketing.

loading
MOSTRA ALTRI