Martedi 18 Settembre 2018
Comunicazione“Film” è anche ciò che avviene dietro le quinte: lo spiega una campagna

"Film" è anche ciò che avviene dietro le quinte: lo spiega una campagna

La campagna "Io Faccio Film" mira a rilanciare l'industria del cinema italiano valorizzando tutte le figure che ne fanno parte.


A firma di: Carla Panico Contributor

«Chi ama il cinema non lo tradisce». Questo lo slogan alla base della nuova campagna Io Faccio Film – promossa da ANICA (Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche Audiovisive e Multimediali), FAPAV (Federazione per la Tutela dei Contenuti Audiovisivi e Multimediali), MPA (Motion Picture Association EMEA) e UNIVIDEO (Editoria Audiovisiva Media Digitali e Online) – che punta a valorizzare l’industria del cinema italiano.

Un esperimento interessante che, attraverso una serie di video, racconta il mondo che si cela dietro lo schermo cinematografico. La magia dei film, che per uno spettatore dura all’incirca 90 o 120 minuti, in realtà comporta un grande sforzo e una grande quantità di risorse umane e professionali da mettere in campo, per cui è necessario attendere circa un anno (e a volte anche di più) di lavoro per assistere al prodotto finito.

Dall’intuizione del soggetto, alla stesura della sceneggiatura, per arrivare poi alla produzione, alla realizzazione e alla postproduzione dell’opera, fino alla promozione e all’uscita nelle sale cinematografiche, un film intraprende un viaggio lunghissimo prima di giungere sul grande schermo per essere goduto dai suoi spettatori. Il processo creativo e l’attenzione ai dettagli che stanno alla base di un prodotto audiovisivo meritano, sicuramente, di essere messi in luce da una campagna come Io Faccio Film, un nome che è anche un’affermazione di stato per tutti coloro che operano nell’industria cinematografica italiana, ma sono offuscati dal bagliore della celebrità di attori e attrici, sempre in primo piano.

Probabilmente il non conoscere cosa si cela dietro le quinte – senza contare la crisi economica degli ultimi anni – ha diminuito la percezione del valore del prodotto cinematografico da parte dello spettatore, dando il via a fenomeni illeciti come quello della pirateria.

Ma – come sottolinea prontamente lo slogan della campagna – chi ama il cinema, non lo tradisce, perché lo conosce, potremmo aggiungere. E per farlo conoscere anche agli altri, è importante ricorrere anche a strumenti come l’advertising e la promozione. Per Io Faccio Film il regista Marco Spagnoli ha realizzato degli spot che mostrano il lavoro svolto da tutte quelle figure mai davanti alla macchina da presa, come la parruccaia, l’elettricista, il doppiatore, la stuntwoman, il fonico, il compositore, tutti fieri alla fine – come mostra il video – di poter affermare “Io faccio film“, perché il cinema è anche questo.

E se non avete idea di che faccia un integrated VFX supervisor sul set di un film, allora questo è il momento di andare a scoprirlo.

La campagna è stata lanciata sui principali social network: da Facebook a Twitter, fino ad Instagram e YouTube.

© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Potrebbe interessarti

×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.