Giovedi 17 Gennaio 2019
MarketingGeneratore di nomi di dominio: come scegliere il dominio giusto

Generatore di nomi di dominio: come scegliere il dominio giusto

Il generatore di nomi di dominio può rivelarsi uno strumento molto utile per la propria attività. Ecco come utilizzarlo.


Redazione
A cura di: Redazione
Generatore di nomi di dominio: come scegliere il dominio giusto

Il generatore di nomi di dominio è uno strumento molto utile per chi ha scelto di aprire un eCommerce e sta per realizzare il proprio progetto online. Scegliere il giusto dominio è importante perché questo rappresenta il proprio futuro brand, il proprio marchio e permette a chi raggiunge il proprio eCommerce di capire in poco tempo di cosa ci si occupi.

La ricerca del giusto dominio all’inizio potrebbe risultare complessa, ma bisogna considerare che oggi esistono vari strumenti che aiutano a comprendere quale dominio può aiutare a distinguersi dagli altri e, soprattutto, avere anche dei consigli per la sua realizzazione. Uno strumento molto utile per gli eCommerce è sicuramente il generatore di nomi di dominio di Shopify. Può risultare utile, allora, approfondire il funzionamento dello strumento messo a disposizione da questa piattaforma.

Generatore di nomi di dominio: come funziona?

Il generatore di nomi di dominio permette a tutti coloro che stanno per aprire un eCommerce di scoprire innanzitutto quali nomi sono già “occupati”. Infatti, bisogna considerare che è impossibile “occupare” il nome di un dominio già preso da qualcun altro, ma non solo: è una mossa anche controproducente. Infatti, se si intende creare un brand che si distingua dalla massa, si ha bisogno di un nome di dominio funzionale ma al contempo unico.

Il generatore di nomi di dominio, quindi, offre la possibilità di inserire in una barra di ricerca il nome del dominio che si intenderebbe utilizzare. Avviando la ricerca, poi, è possibile scoprire se questo esiste già e, se non esiste, è possibile venire a conoscenza delle varianti o delle estensioni disponibili. Inoltre, è possibile scoprire anche innumerevoli suggerimenti in base al nome principale inserito.

Il generatore di nomi di dominio è dunque molto semplice da utilizzare. Bisogna comprendere, però, in che modo scegliere il giusto dominio.

shopify

Come scegliere il giusto dominio per un eCommerce?

Nonostante il generatore di nomi di dominio possa aiutare nella decisione, per scegliere il dominio giusto per un eCommerce è necessario pensare prima almeno a grandi linee al nome del proprio brand e di conseguenza del negozio online.

Scegliere il nome di un’attività può essere complesso, perché bisogna considerare vari fattori come, per esempio, che tipo di attività si sta per aprire, quali sono i nomi già utilizzati dalla concorrenza, come distinguersi dagli altri e infine quale nome può rimanere impresso nella mente dei futuri utenti e clienti.

Libri sul tema
strategie SEO per l'eCommerce: una guida per ogni tipo di piattaforma Strategie SEO per l'eCommerce: una guida per ogni tipo di piattaforma

Le principali strategie SEO per l'eCommerce, raccolte in un libro da Lucia Isone, da utilizzare per arrivare tra i primi risultati dei motori di ricerca.

LEGGI

Una volta che si è risposto a queste domande, è possibile stilare almeno cinque o sei nomi che si ritiene possano andar bene per la propria attività. Dopo aver stilato la lista si può utilizzare il generatore di nomi di dominio per verificare che siano liberi e che nessun altro abbia avuto la stessa idea.

Svolgere ricerche prima di scegliere il nome

Un altro modo per scegliere il nome del dominio è fare una ricerca per controllare la concorrenza e capire anche quali domini funzionano meglio e quali meno. Ad esempio, è possibile sfruttare la barra di ricerca di Google, inserire il nome del proprio settore e vedere i domini che si posizionano meglio.

Questa ricerca serve per comprendere se possa funzionare meglio un nome più lungo o uno più corto, quali parole chiave è possibile inserire o quali sono già state sfruttate dai propri competitor. Inoltre, si potrebbe fare una ricerca di settore sfruttando i social network. Quindi, se si ha un account Twitter o Facebook si potrebbe creare un sondaggio per comprendere quali tra i nomi scelti per il proprio brand attirino maggiormente potenziali utenti e clienti.

Come scegliere l’estensione per il dominio?

Infine, per scegliere un buon dominio per un eCommerce bisogna pensare anche all’estensione per il dominio. L’estensione viene inserita dopo il punto del nome del dominio. Ad esempio, le più conosciute sono sicuramente “.it” e “.com” e sono anche i più consigliati per chi apre un negozio online.

L’estensione .it” si consiglia a chi intenda lavorare con l’eCommerce principalmente in Italia, mentre se si desidera aprirsi anche in futuro non solo a un pubblico italiano ma anche internazionale potrebbe risultare più efficiente un’estensione come “.com”.

Infine, è possibile trovare anche delle estensioni diverse dal solito come la “.boutique”, “.shop”, “.computer”, ecc. Le nuove estensioni possono essere molto utili nel momento in cui si apre un negozio online di nicchia e si vuole far capire subito alla propria clientela di cosa tratta il proprio eCommerce e qual è il target a cui ci si rivolge.

Cross-border eCommerce: come sfruttarlo per vendere online in Cina

Ricorda che il dominio è il tuo bigliettino da visita

Infine, un consiglio che può sembrare banale ma che è sempre bene tenere a mente è che il dominio è un po’ come il bigliettino da visita. Le persone quando vedono il nome di un eCommerce devono essere in grado di ricordarlo, di comprendere ciò che intende esprimere e soprattutto cosa si vende. Quindi, bisogna prendere tutto il tempo necessario per scegliere il dominio, sfruttando le funzionalità del generatore di nomi di dominio e infine comprarlo solo nel momento in cui si è sicuri che quello sia il nome che si intende dare al brand.

Libri sul tema
E-commerce con meno di 1.000 euro. Come aprire un sito e renderlo redditizio E-commerce: come aprire un sito e renderlo redditizio

E-commerce i trucchi per farsi pubblicità, le trappole da schivare, le risorse "smart" per fare di più con meno.

LEGGI
© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Articoli sull'argomento

×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

loading
MOSTRA ALTRI