IntervisteCosa intende Giorgio Taverniti con “Google Liquido”?

Cosa intende Giorgio Taverniti con “Google Liquido”?

Google sempre più come ecosistema e sempre meno "semplice motore di ricerca": lo afferma Giorgio Taverniti parlando di "Google liquido".

L'intervista a:

Cosa vuole dire che Google è “liquido”? Lo abbiamo chiesto a Giorgio Taverniti al WMF! 2022 e ha spiegato ai nostri microfoni qual è il concetto che ha voluto esprimere con la metafora cognitiva scelta come titolo del suo libro “Google Liquido”.

«Siamo molto abituati a pensare che quando cerchi qualcosa nei risultati di ricerca trovi le immagini, i video, le notizie, ecc., che provengono da zone di Google dove Google le estrapola e le mette là, come se fossero dei compartimenti stagni, separati tra di loro». La verità, però, è che «Google si è fatto liquido», è cioè molto più simile a un ecosistema e sempre meno un motore di ricerca come comunemente inteso; un ecosistema in cui non si ha più il controllo di ciò che si carica (per esempio, un’immagine) perché il contenuto viene distribuito ovunque e non in compartimenti definiti.

Questo comporta diversi cambiamenti. Innanzitutto, ha sottolineato Taverniti, in questa visione è importante che a cambiare sia non solo la fruizione da parte dell’utente, ma anche la produzione dei contenuti al suo interno e diventa strategica l’importanza delle immagini per fare content marketing.

Altre notizie su:

© RIPRODUZIONE RISERVATA È vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Resta aggiornato!

Iscriviti gratuitamente per essere informato su notizie e offerte esclusive su corsi, eventi, libri e strumenti di marketing.

loading
MOSTRA ALTRI