Venerdi 20 Settembre 2019

B2c

Significato di B2c

B2c è l'acronimo dell'espressione "business-to-consumer", utilizzata per descrivere il modello di business e gli scambi commerciali che prevedono che un'azienda venda prodotti o servizi direttamente al consumatore finale. L'espressione B2C è particolarmente usata in riferimento alle transazioni avvenute online tra azienda e consumatori.


B2C: caratteristiche e differenze rispetto al modello B2B

Il modello business-to-consumer corrisponde alla vendita di beni e servizi, da parte di un’azienda, ai clienti per uso personale, a differenza di quanto avviene con le aziende business-to-business.

Il processo di acquisto  nel B2C tende a essere più breve e meno complesso rispetto a quello delle transazioni tra aziende, che difatti di solito implica la realizzazione di diversi incontri e riunioni prima che il cliente-azienda proceda all’acquisto. Nell’ambito del business-to-consumer, invece, il consumatore è invitato ad acquistare immediatamente.

Tra le principali differenze tra B2B e B2C vi è il tipo di comunicazione, poiché il target, ovviamente, è diverso se ci si rivolge a un’azienda o a un consumatore e, dunque, anche le relative aspettative e bisogni cambiano. Un’azienda che si rivolge a un’altra azienda, spiegherà in che modo quest’ultima potrà soddisfare i bisogni dei suoi clienti utilizzando i prodotti o i servizi proposti. Nel caso del B2C, con un tono spesso più informale, l’azienda si rivolge ai consumatori che utilizzeranno il prodotto in prima persona, facendo leva su elementi come il prezzo e usando delle tecniche come l’up selling e il cross selling oppure ricorrendo a strategie atte a coinvolgere i consumatori a livello emotivo, richiamando la loro attenzione verso l’esperienza di consumo e facendo uso di strategie come lo storytelling e la stimolazione sensoriale.

Il feedback da parte dei clienti nel mercato business-to-consumer tende a essere più immediato, consentendo così alle aziende di apportare più facilmente delle modifiche ai prodotti e di adeguarsi più velocemente alle richieste dei consumatori. I social media, poi, hanno consentito al consumatore di prendere parte in maniera sempre più attiva al processo di ideazione e di perfezionamento di prodotti e servizi.

Nel B2C marketing puntare su mezzi di comunicazione di massa come la TV, la radio, i social network e le testate risulta essenziale per raggiungere un gran numero di individui; nel b2b , invece, le aziende puntano maggiormente su riviste o eventi di settore per presentare il proprio business.

Esempi di business to consumer

Esempi di B2C sono i supermercati, i ristoranti, i parrucchieri, i negozi di abbigliamento, le profumerie e qualsiasi negozio di vendita al dettaglio.

Ovviamente la stessa azienda può vendere i propri prodotti sia direttamente al consumatore, stabilendo dei rapporti business to consumer nei propri punti vendita o usando il proprio sito – si pendi ad aziende tecnologiche come Samsung o Apple e ai loro store ufficiali –, sia ad altre aziende, stabilendo contemporaneamente dei rapporti B2B (un esempio è rappresentato dai negozi di elettronica che vendono ai propri clienti computer e cellulari acquistati da Apple e Samsung).

© RIPRODUZIONE RISERVATA
© Inside Marketing 2013 - 2019 è un marchio registrato ® P.iva 07142251219
×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

loading
MOSTRA ALTRI