Venerdì 18 Ottobre 2019

Body shaming

Significato di Body shaming

Body shaming

Con Body shaming si intende la pratica, ampiamente diffusa sul web e sui social network, di giudicare il corpo di qualcuno, dalla taglia a ogni presunto difetto fisico, causando vergogna nell'interlocutore.


Body shaming: cos’è

L’espressione inglese significa letteralmente “far vergognare” qualcuno, in questo caso per le sue caratteristiche fisiche, criticando o comunque facendo riferimento a questioni come il peso, l’altezza, ma anche la peluria corporea o i tatuaggi, per esempio. Si tratta quindi di deridere qualcuno per il suo aspetto fisico ed è una pratica che colpisce sia uomini che donne di ogni età, anche se gli adolescenti tendono a essere un pubblico particolarmente vulnerabile dinanzi a queste forme di violenza psicologica, specie in Rete.

Il body shaming, allora, può essere visto anche come una forma di bullismo, dato che può comportare in alcuni casi delle pesanti conseguenze a livello psicologico per le vittime che sentono di non riuscire ad adeguarsi agli irrealistici standard di bellezza imposti dalla società e fomentati dai mass media.

Gli hashtag per combattere il problema: #theysaid, #bodyshaming e #bodypositive

«“Continua a mangiare così e diventerai una palla”. Lo ha detto mio padre quando avevo 12 anni. Per piacere retweetta e condividi un commento di body shaming. #Theysaid»: è uno dei tanti brevi e commoventi tweet di ragazze e di donne che, usando gli hashtag #theysaid e #bodyshaming, raccontano quelle volte in cui, nel corso della vita, sono state vittime di body shaming.

https://twitter.com/oiselle_sally/status/867768961718517762?ref_src=twsrc%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7Ctwterm%5E867768961718517762%7Ctwgr%5E393039363b636f6e74726f6c&ref_url=https%3A%2F%2Fwww.huffpost.com%2Fentry%2Fpowerful- hashtag -highlights-the-body-shaming-comments-women-hear-in-a-lifetime_n_592ed613e4b0540ffc836bf8

L’hashtag #bodypositive invece è rappresentativo dell’impegno di molti utenti (e anche di diverse celebrità e brand ) nel promuovere una visione più realistica e più positiva del corpo, ossia priva di giudizi e di critiche e caratterizzata invece dall’accettazione del proprio fisico così com’è.

Un esempio rappresentativo di attivismo volto a promuovere una comunicazione più positiva in questo ambito è quello di Chiara Ferragni. Dopo che un noto giornale italiano aveva definito le sue amiche – presenti in una foto del suo addio al nubilato – “rotonde”, l’ influencer si è schierata contro questo tipo di comunicazione, aggiungendo in un post rivolto ai suoi fan l’hashtag #bodyshamingisforlosers.

Anche se la testata giornalistica ha successivamente cambiato l’aggettivo “rotonde” in “atletiche”, l’episodio è servito a diffondere notevolmente l’hashtag sopracitato tra i fan dell’influencer, anche lei diverse volte vittima di body shaming sui social network per i suoi presunti difetti fisici” (dall’essere “troppo magra” all’avere il “seno troppo piccolo”, in base ai commenti degli utenti). Anche per questa ragione Chiara Ferragni ha deciso di prendere parte attivamente a questa causa; l’influencer, tra l’altro, è ormai nota anche per la lotta al cyberbullismo e per la promozione di un messaggio positivo e di incoraggiamento alle donne e alle ragazze che spesso crescono con poca fiducia in se stesse a causa della pressione sociale subita.

Brand come Barbie, che hanno come target appunto le bambine, non possono restare indifferenti a questo tipo di problematiche e per questo Mattel ha deciso di rivedere i propri prodotti che per anni hanno in qualche modo contribuito a definire gli standard di bellezza ai quali aspirare. Con la collezione #TheDollEvolves, infatti, il brand ha iniziato a introdurre bambole con diverse altezze e silhouette

Esempi di body shaming

Purtroppo però le critiche all’aspetto fisico altrui spesso si spingono ben oltre, arrivando a generare commenti offensivi su dettagli fisici collegati a malattie. Proprio per questa ragione, un’artista, ispirata dalla lotta della modella Winnie Harlow contro il body shaming, ha deciso di creare una Barbie con la vitiligine.

View this post on Instagram

This is beautiful #VitiligoBarbie

A post shared by CampusLATELY.com (@campuslately) on

La modella Nike e quei peli tanto criticati

Purtroppo, come fatto notare, i commenti e i casi di body shaming riguardano i più svariati argomenti e non solo aspetti come il peso o l’altezza. Come si evince da una campagna Nike, che ha suscitato la reazione degli utenti in Rete, infatti, il body shaming può riguardare anche argomenti come i peli femminili.

View this post on Instagram

Big mood @annahstasia.

A post shared by Nike Women (@nikewomen) on

Nel post Instagram di Nike Women la modella Annahstasia Enuke mostrava i peli delle ascelle, generando per questa ragione numerosi commenti negativi, tra emoticon che mostrano disgusto a contenuti offensivi molto espliciti: «Che schifo i pelli sulle ascelle, siamo tornati alla prestoria», scrive un utente in lingua spagnola, mentre un altro commenta «Qualcuno vuole farci il piacere di depilare questa ragazza?».

Questa ondata di body shaming sui social del brand Nike dipende dalla figura stereotipata della donna che la società, appunto, vuole depilata e impeccabile nelle forme e nel fisico. A difendere la modella, e più in generale le donne, anche in questo caso sono diverse follower che hanno risposto ai commenti negativi, invitando gli altri utenti a una maggiore apertura mentale e accettazione degli altri, senza giudizi e pregiudizi.

Iniziative positive che ricevono commenti negativi: il post di Zalando con la modella curvy per CK

Si è già detto che i commenti negativi in Rete, riferiti a qualunque tipo di iniziativa che cerca di uscire dagli stereotipi di bellezza ben consolidati nell’immaginario collettivo, non mancano mai.

A gennaio 2019 ciò è successo anche sulla pagina Facebook di Zalando, sotto a un post contenente tre foto di una campagna di intimo di Calvin Klein con modelle curvy.

Le offese sono arrivate sia da utenti di sesso maschile che femminile e sono stati talmente pesanti da portare i gestori della pagina a intervenire oscurandone alcuni, fornendo la seguente motivazione:

«A noi di Zalando piace rappresentare e RISPETTARE la bellezza autentica e la diversità delle persone. Allo stesso modo, rispettiamo opinioni e gusti diversi dai nostri e il diritto di esprimerli. Tuttavia, non accettiamo che la nostra pagina diventi un luogo per diffondere messaggi di odio, offesa o disprezzo: per questo motivo, siamo stati costretti a oscurare alcuni commenti».

Non ci sono in questo caso dati relativi alla vendita dei capi pubblicizzati nelle foto, ma c’è di sicuro un buon esempio da seguire su come gestire una crisi sui social, con utenti che scrivono commenti al vetriolo riferiti alle modelle e alla tipologia di donna che rappresentano. Se il trend è quello di una estetica del normale nel marketing, un trend che molti utenti non sono però disposti ad accogliere, decidere e sapere come gestire le conversazioni e le discussioni deve essere ben chiaro a ogni brand che scelga questa strada.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
© Inside Marketing 2013 - 2019 è un marchio registrato ® P.iva 07142251219
×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

loading
MOSTRA ALTRI