Venerdi 20 Settembre 2019

Gdo

Significato di Gdo

GDO

Gdo è la sigla con cui si fa riferimento, nel moderno sistema della vendita al dettaglio, alla grande distribuzione organizzata, ossia a reti di supermercati e altri canali di vendita di diversa natura che si sono sostituiti, nel tempo, al tradizionale negozio.


COSA SIGNIFICA GDO E quali distinzioni ci sono al suo interno

Le dimensioni fisiche dell’area di vendita hanno finito per rappresentare una delle caratteristiche distintive della GDO. La stessa Treccani, del resto, dà una definizione di grande distribuzione organizzata che ha a che vedere con la vendita di beni di largo consumo, alimentari e non, «realizzata tramite la concentrazione dei punti vendita in grandi superfici (non minori di 200 mq ma che arrivano anche a superare 4000 mq) e la gestione a carico di catene commerciali che fanno capo a un unico marchio ».

Proprio gli aspetti gestionali, però, sono fondamentali per capire meglio alcune dinamiche tipiche del settore GDO, cosa significa davvero l’acronimo e, cosa non meno importante, la distinzione all’interno del macro-insieme della grande distribuzione organizzata tra la grande distribuzione (in sigla GD) e la distribuzione organizzata (DO).

La grande distribuzione (GD)

La cosiddetta GD è caratterizzata da una struttura fortemente centralizzata e con un’unica proprietà che gestisce direttamente punti vendita diversi, in genere con una diffusione capillare sul territorio. Si tratta, nel concreto, di grandi gruppi commerciali come il francese Auchan, che operano in qualche caso anche per mezzo di insegne diverse (nel caso specifico Simply, Spaccio Alimentare, Primo Prezzo, ecc.).

La distribuzione organizzata (DO)

La DO, spesso chiamata anche distribuzione associata, ha invece più l’assetto di un consorzio, un gruppo di acquisto, una sorta di associazione volontaria tra singoli esercenti, come avviene per esempio per Conad, Sigma o Crai.

H3: GDO e differenza con GDS

Per completezza, serve distinguere la GDO dalla cosiddetta GDS, ossia dalla Grande Distribuzione Specializzata. Anche in questo caso si fa riferimento a punti vendita medio-grandi, organizzati sotto un’unica insegna e spesso legati da accordi commerciali di varia natura. Al contrario di quanto avviene nella GDO, però, i beni commercializzati fanno capo a un unico settore merceologico, che sia quello dell’elettronica di consumo come avviene per Unieuro o quello dell’igiene della casa e della persona nel caso di Acqua & Sapone o, ancora, quello degli alimenti e prodotto bio di NaturaSì.

I vantaggi della GDO

Se i singoli dettaglianti si associano nei gruppi della distribuzione organizzata è, semplificando molto, per trarne vantaggi che hanno a che vedere con un maggiore potere contrattuale nei confronti dei fornitori per esempio ma anche con una maggiore riconoscibilità del brand ; senza contare che in non pochi casi viene fornita all’esercente anche assistenza fiscale in caso di necessità e un’adeguata formazione sia per il personale in negozio, sia per chi lavora in back office.

Nonostante la semplice DO sia stata per anni il modello tipico della vendita al dettaglio in Italia, negli ultimi anni un’inversione di tendenza ha portato i grandi gruppi della GD, anche internazionali, a dominare la scena della grande distribuzione organizzata. Le ragioni sono molteplici: basti considerare che i format di vendita nella distribuzione organizzata sono spesso molto vari e che ciò crea, oltre che una certa disomogeneità nella fruizione e nell’esperienza in store per il cliente finale, anche una certa difficoltà di gestione complessiva che non esiste, invece, nella grande distribuzione in virtù di una proprietà – e di un’amministrazione quindi – unica. Più in generale, comunque, la GDO ha vantaggi rispetto alla vendita al dettaglio tradizionale che hanno a che vedere con

  • una maggiore facilità di approvvigionamento e cioè una maggiore facilità nel trovare fornitori e gestire acquisti e scorte
  • spesso potendo far leva, tra l’altro, su un maggiore potere negoziale nei confronti di chi sta più a monte nella catena di distribuzione
  • o, ancora, con condizioni di affitto dei locali favorevoli
  • e particolari modalità di affitto o leasing di mobilio o macchinari
  • e con più generali economie di scala,
  • oltre che con aspetti decisamente più soft, legati a un brand più forte, meglio posizionato e più facilmente riconoscibile dal consumatore per esempio, oltre che alla possibilità di strutturare e gestire campagne di comunicazione di più ampio respiro.

GDO, retail, vendita al dettaglio: qualche precisazione

Quanto detto fin qua si trasforma, molto più pragmaticamente, in una serie di vantaggi per chi compra dalla GDO che vanno dal maggiore assortimento e possibilità di scelta a prezzi più competitivi, passando per la possibilità di approfittare di offerte e promozioni speciali che, a ben guardare, rappresentano proprio la proposta di valore specifica di gruppi della grande distribuzione organizzata come Lidl, per esempio. Il private labelling  – ossia la commercializzazione di prodotti a marchio proprio del supermercato o del gruppo in questione – è uno degli altri strumenti a disposizione della GDO per fidelizzare i clienti con un prodotto in tutto e per tutto paragonabile, quanto a qualità, ai prodotti di aziende e brand largamente noti, ma decisamente più conveniente nel prezzo.

Al di là delle precise indicazioni date da Nielsen per quanto riguarda le metrature del punto vendita che permettono di distinguere un ipermercato da un semplice supermercato o da una ancora più piccola superette, vale la pena fare in chiusura una precisazione su GDO e retail. Il termine inglese “retail” indica letteralmente la vendita al dettaglio, verso il consumatore finale, e quindi tutto ciò che sta a valle della catena distributiva, compresa la grande distribuzione organizzata appunto. Nell’uso comune, però, retail è diventato sinonimo più che altro del cosiddetto piccolo dettaglio, ossia di negozi di metratura inferiore ai 400 mq che non fanno capo a nessun gruppo o consorzio e che hanno proprietà singola, distinti appunto dal grande dettaglio, rappresentato invece da esercenti di catena e con smercio maggiore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli gdo

© Inside Marketing 2013 - 2019 è un marchio registrato ® P.iva 07142251219
×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

loading
MOSTRA ALTRI