Glossario Marketing e Comunicazione ≫ definizioneSocial network

Social network cosa sono e differenza con social media

Significato di Social network

social network cosa sono Con l’espressione Social network si fa riferimento a reti sociali e nel linguaggio della Rete a "social network sites", ossia piattaforme web-based che abilitano forme di socialità online, ma non solo: rispetto agli albori, i SNS negli anni hanno acquisito sempre più la funzione di media, rientrando nel più ampio spettro dei social media.

Social network: cosa sono

Riuscire a dare una univoca definizione di social network non è semplice, poiché, oltre alla sovrapposizione che spesso viene fatta con il concetto di social media, l’espressione sarebbe utilizzata nel contemporaneo per far riferimento a due concetti: da un lato quello di “rete sociale” e dall’altro quello di “social network sites” (indicati anche con l’abbreviazione SNS) e quindi essenzialmente sito di social network.

Definizione di social network come reti sociali

Nel primo caso, l’espressione social network, con il significato di rete sociale (così come proposta già nel 1956 da J.A. Barnes[1] verrebbe utilizzata per indicare una rete di individui connessi tra loro, sulla base di un interesse di qualche tipo, attraverso dei legami di tipo sociale. Un social network, quindi, sarebbe una rete costituita sulla base di nodi e legami, con i nodi che rappresentano i singoli individui e i legami che rappresentano le relazioni tra questi. Appare chiaro come in questo caso non vi sia un riferimento alla dimensione della Rete ossia di Internet, poiché quello di rete sociale è un concetto che travalica la digitalizzazione della società e può svilupparsi in qualunque contesto (famiglia, lavoro, tempo libero).

Intesi in questo senso i social network sono divenuti oggetto di studi in particolare nelle scienze sociali dove è nata l’analisi delle reti sociali o social network analysis (indicata anche con l’acronimo SNA), approfondita mediante la teoria dei grafi. Chiaramente anche questa tipologia di analisi può riguardare gli ambienti digitali, poiché in Internet si sviluppano reti sociali, proprio a partire dai social media .

Definizione di social network come siti di social network

Nel far riferimento ai social network significato e definizioni spesso includono anche il concetto di siti di social network, ossia piattaforme online nate allo scopo di abilitare relazioni sociali e quindi reti di relazione, online. Oggigiorno l’espressione “social network” ha finito per essere utilizzata principalmente in sostituzione di “social network sites” (SNS), sia nel linguaggio comune, sia da professionisti del marketing e della comunicazione. In realtà i concetti di “reti sociali” e “social network sites” non sono poi così distanti, perché tali piattaforme abilitano pratiche sociali e relazionali, dando così vita a reti sociali che potrebbero sembrare solo online ma in realtà, come la letteratura sul tema chiarisce da tempo, vi è sempre più una coalescenza tra mondo online e mondo offline.

In alcuni primi lavori focalizzati sui social network sites, studiose e studiosi internazionali, come danah boyd e Zizi Papacharissi o italiani come Giovanni Boccia Artieri, nel far riferimento a piattaforme come Facebook, Twitter, ecc. hanno utilizzato l’espressione “social network sites” o “siti di social network”, quindi affiancando il sostantivo “sites/siti” all’espressione che richiama il concetto di “reti sociali”.

All’interno di un loro studio dal titolo “Social Network Sites: Definition, History and Scolarship“, pubblicato nel 2007, boyd e Ellison si soffermano proprio sulla definizione di social network sites, specificando che

«we define social network sites as web-based services that allow individuals to (1) construct a public or semi-public profile within a bounded system, (2) articulate a list of other users with whom they share a connection, and (3) view and traverse their list of connections and those made by others within the system. The nature and nomenclature of these connections may vary from site to site[2]».

Dunque, come emerge da questa definizione, i social network sites sarebbero servizi web-based che consentono agli individui di creare un profilo, avere una lista di utenti con cui entrare in connessione (e instaurare delle relazioni) ed entrare a conoscenza delle connessioni degli altri, con cui si è già in contatto.

Le studiose nel medesimo articolo hanno posto in evidenza un ulteriore aspetto o, meglio, un’ulteriore differenziazione, ossia quella tra sito di social network e sito di social networking:

«while we use the term “social network site” to describe this phenomenon, the term “social networking sites” also appears in public discourse, and the two terms are often used interchangeably. We chose not to employ the term “networking” for two reasons: emphasis and scope. “Networking” emphasizes relationship initiation, often between strangers. While networking is possible on these sites, it is not the primary practice on many of them, nor is it what differentiates them from other forms of computer-mediated communication (CMC). What makes social network sites unique is not that they allow individuals to meet strangers, but rather that they enable users to articulate and make visible their social networks. […] On many of the large SNSs, participants are not necessarily “networking” or looking to meet new people; instead, they are primarily communicating with people who are already a part of their extended social network».

Tale differenziazione pone l’accento sulla non esclusività dell’attività di istituzione di relazioni (spesso tra sconosciuti) all’interno dei SNS, dove infatti secondo le studiose gli utenti non hanno come obiettivo principale quello di “fare rete” e le piattaforme non si basano esclusivamente su questa attività.

È necessario però precisare che rispetto ai primi contributi sul tema, ossia quando sono nate le prime piattaforme di social network o anche quando queste hanno affrontato la prima fase e la seconda fase di espansione, così come individuate dalla studiosa italiana Nicoletta Vittadini[3], anzitutto le piattaforme si sono evolute, aggiungendo sempre maggiori funzioni e consentendo agli utenti di intraprendere diverse operazioni e azioni. Secondariamente, gli studi sul tema, che ricadono sotto il nome di social media studies, hanno cominciato a focalizzarsi non soltanto sulle reti di relazioni, quindi sulle connessioni tra individui (utenti), sulle performance del sé e sulla possibilità di avere un’audience, ma su aspetti più culturologici, mediologici e tecnologici, economici e sociali in senso più ampio.

La social network society

Studiosi come Giovanni Boccia Artieri hanno sottolineato, diversi anni fa, la nascita di una social network society[4], ossia una nuova configurazione sociale – nata dall’evoluzione del concetto di network society elaborato da Manuel Castells[5] – in cui un ruolo determinante è ricoperto dalle tecnologie di Rete e dalle pratiche da queste abilitate, ma anche e soprattutto dai pubblici, che danno vita a pratiche partecipative in Rete e ricoprono una centralità sempre maggiore.
L’aggettivo “social” affiancato all’espressione “network society” vuole così puntare a rendere evidente un nuovo «modo di pensare e fare società» definito dalla Rete che «rappresenta in definitiva un framework che attraverso le proprietà di connessione espresse, tra vincoli e possibilità, flessibilità e rigidità, autonomia ed eterodirezione, sta mutando in maniera costitutiva il modo di pensare e fare società»[6] contribuendo al mutamento sociale accennato.

Come sottolinea ancora Boccia Artieri, tale nuova configurazione sociale pone in evidenza

«la pervasività di una logica: quella del networking, che si fa linguaggio diffuso, forma di rapporto privilegiato, principio di connessione emergente, che caratterizza il sistema dei media e le forme organizzative della società. La (Social) Network Society diventa il punto di vista da cui osservare il mutamento delle forme simboliche e il loro diffondersi e consolidarsi»[7].

Social network vs social media

Nel parlare di social network e social media differenze e similitudini, significati e concettualizzazioni, tra punti in comune e divergenze, sono sempre più discussi e sempre più al centro dell’attenzione di esperti, studiosi, addetti ai lavori, professionisti del settore. Come anticipato, concettualmente le espressioni dovrebbero essere utilizzate per far riferimento a concetti leggermente diversi, ma oggigiorno vengono utilizzati per far riferimento spesso alla stessa questione.

Acclarato che oggi e soprattutto in alcuni settori si utilizza l’espressione social network con il chiaro intento di far riferimento ai social network sites, la differenza tra social network e social media potrebbe risiedere nel fatto che mentre i primi indicherebbero principalmente la possibilità di costruire legami di tipo sociale e relazioni, i secondi potrebbero indicare media che, riprendendo quanto sostenuto da Vittadini (2018, p. 97), «attivano relazioni comunicative e sociali che si basano sulla pubblicazione, ma soprattutto sullo scambio e condivisione di contenuti. È infatti soprattutto la condivisione di post, immagini, video che alimenta i flussi di conversazioni nei social media»[8].

La studiosa (2018, p. 9) sottolinea anche che

«attraverso i social media si sviluppa una galassia di reti e di flussi di conversazioni che coinvolgono diversi tipi di soggetti e più piattaforme. La complessità di questa galassia è tale che alla definizione di social network si va sostituendo quella di social media. Mentre la prima definizione fa riferimento soprattutto alle reti di relazioni tra persone che si costruiscono attraverso le piattaforme digitali, l’espressione social media evidenzia come queste piattaforme ospitino la pubblicazione di veri e propri contenuti mediali (testi, immagini, video) realizzati sia dai singoli individui sia da organizzazioni e istituzioni con diversi livelli di professionalità. Il raggio d’azione dei social media non è limitato alla sfera delle relazioni interpersonali (pubbliche o private), ma si contamina con processi sociali più ampi come – per fare solo un esempio – la costruzione delle rappresentazioni sociali della realtà, sempre più co-costruite e condivise».

Argomenti correlatisocial media
Note
  1. Barnes J.A. (1956), “Class and Committees in a Norwegian Island Parish”, in «Human Relations: The first 10 years, 1947–1956», 7(1), 39-58.
  2. boyd d., Ellison N.B. (2007), Social Network Sites: Definition, History and Scolarship, in «Journal of Computer-Mediated Communication», 13(1), pp. 210–230
  3. Vittadini N. (2018), Social Media Studies. I social media alla soglia della maturità: storia, teorie e temi, FrancoAngeli, Milano
  4. Boccia Artieri G. (2012), Stati di connessione. Pubblici, cittadini e consumatori nella (Social) Network Society, FrancoAngeli, Milano.
  5. Castells M. (1996), The rise of the Network Society, Blackwell, Oxford.
  6. Boccia Artieri G. (2012), op. cit., p. 31
  7. Boccia Artieri G. (2012), op. cit., p. 32
  8. Vittadini N. (2018), op. cit.

© RIPRODUZIONE RISERVATA È vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Cerca nel Glossario
Resta aggiornato!

Iscriviti gratuitamente per essere informato su notizie e offerte esclusive su corsi, eventi, libri e strumenti di marketing.

loading
MOSTRA ALTRI