campagna Rakuten
Venerdi 14 Dicembre 2018
Risorse e guideGoogle Analytics: come utilizzarlo al meglio e sfruttarne tutto il potenziale

Google Analytics: come utilizzarlo al meglio e sfruttarne tutto il potenziale

Dall'importanza della contestualizzazione, alle metriche e i report: alcune parole chiave relative a Google Analytics.


Gerardo Grasso
A cura di: Gerardo Grasso Autore Inside Marketing
Google Analytics: come utilizzarlo al meglio e sfruttarne tutto il potenziale

Google Analytics è l’indispensabile alleato di ogni webmarketer per trasformare rapidamente e in maniera efficace gli insight in azioni. Ma quali sono le best practice per rendere più veloce l’analisi e l’ottimizzazione di un sito web attraverso Google Analytics? Partiamo da un check-up completo del proprio account Google Analytics.

Un primo accorgimento consiste nel controllare se tutti i tag per il tracciamento sono aggiornati: gli aggiornamenti sono sempre più frequenti, soprattutto per quanto riguarda l’analisi dei dati demografici degli utenti e assicurarsi un update costante del tracciamento è il primo, indispensabile, passo per esser certi di non perdersi preziose informazioni. La programmazione della reportistica è un altro fattore spesso trascurato: Google Analytics permette di schedulare l’invio via mail di report settimanali (anche personalizzati) che consentono anche ai più indaffarati web marketer di avere sempre una visione completa sul flusso di visitatori e in generale sulle performance del sito aziendale.

L’importanza della contestualizzazione

Una delle parole chiave per sfruttare al meglio il potenziale di Google Analytics è contestualizzare: non ha senso guardare le statistiche mensili senza effettuare gli opportuni confronti temporali – la comparazione aggiunge valore agli insight – così come è essenziale documentare ogni cambiamento effettuato sul sito, in modo da poterne monitorare le performance prima e dopo: in questo modo è possibile verificare i risultati concreti apportati da qualsiasi modifica fatta al sito, non solo in termini di visualizzazione ma anche dal punto di vista del bounce o della durata della visita. Le annotazioni di Google Analytics hanno la funzione di un vero e proprio giornale di bordo, che consente di ricostruire una vera e propria cronistoria del proprio sito, anche in relazione ad attività quali campagna pubblicitarie off/on-line, lancio di nuovi prodotti o comunicati stampa.

Le metriche di Google Analytics e i report

A proposito di metriche: Google Analytics offre una così vasta quantità di variabili che è davvero facile perdersi: per questo occorre selezionare solo i dati che davvero interessano, compatibilmente con gli obiettivi del sito: il tasso di conversione, certo, ma anche il tempo di visita o il tasso di abbandono sono alcune delle metriche indispensabili per valutare in maniera efficace le performance di un sito. Allo stesso modo, le sorgenti di traffico e l’analisi degli accessi in base ai device offrono una panoramica esaustiva sul comportamento e le abitudini di navigazione degli utenti.

Una conoscenza approfondita delle metriche più rilevanti consente di creare dei report customizzati ad hoc in base a specifici obiettivi di marketing –  vendite, lead generati, conversioni – o di contenuto e visibilità – keyword che generano traffico organico, sorgenti di traffico Social, sezioni di contenuti maggiormente consultate.

La personalizzazione raggiunge livelli estremi applicando a ciascun profilo specifici filtri che consentono di rimuovere dai report traffico non rilevante – basti pensare a tutto il traffico proveniente dal proprio IP quando si effettuano test – in modo da ottimizzare la presentazione delle statistiche con dati decisamente più attendibili.

Parola d’ordine: aggiornamento continuo!

Infine, non smettere mai di aggiornarsi: è questa la regola principale per sfruttare sempre al meglio tutti gli strumenti messi a disposizione da Google Analytics. Oltre a una vasta letteratura, webinar e articoli disponibili in Rete, è bene iscriversi al canale ufficiale You Tube di Analytics  per conoscere in tempo reale tutte le novità sul mondo di Analytics. Sarebbero da tener d’occhio, inoltre, la Analytics Academy. Al momento non è più possibile ottenere la certificazione per il corso di Digital Analytics Fundamentals ma tutti i materiali del corso sono ancora disponibili, così come le lezioni ed i video esplicativi.
In fondo, conoscere Google Analytics significa, al di là dei report e dei numeri, entrare a fondo nel comportamento di navigazione degli utenti e comprendere i bisogni che si celano dietro ogni accesso o visita.

Libri di approfondimento

  • web-marketing-per-le-pmi-seconda-edizione
    Web Marketing per le PMI – seconda edizione

    Web Marketing per le PMI: Seo, email, app, Google, Facebook & Co. per fare business

    Leggi
  • seo e sem guida avanzata al web marketing
    SEO e SEM Guida avanzata al web marketing 4 edizione

    L'arte del posizionamento nei motori di ricerca non è una scienza esatta, solo l'esperienza sul campo, i test e lo studio permettono una buona SEO.

    Leggi
© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Potrebbe interessarti

×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

loading
MOSTRA ALTRI