Il copywriting è una scienza o un’arte?

Qual è la maniera giusta per approcciarsi al copywriting? La creatività non è tutto, è necessario seguire una metodologia precisa. 

Il copywriting è una scienza o un’arte?

Il copywriting non è un’arte o, per essere più precisi, il copywriting efficace non è un’arte, è una scienza. L’approccio al copywriting dovrebbe essere simile a quello adottato da un ingegnere per la costruzione di un ponte o da un chirurgo nella preparazione di un intervento. È necessario, quindi, stabilire degli step da seguire di volta in volta, smettendo di cercare di impressionare se stessi.

Approcciarsi al “copywriting scientifico” vuol dire ammettere che la creatività non sempre è tutto e, anzi, talvolta va messa da parte: essere creativi senza avere un metodo non porterà, infatti, ad alcun risultato. Un sito web in cui vanno inseriti i testi va guardato come se si trattasse di un laboratorio in cui nulla può essere lasciato al caso: solo in questo modo è possibile ottenere delle conversioni.

Copywriting scientifico: il processo

Innanzitutto è necessario stabilire una metodologia a partire dalla propria idea creativa. Non c’è nessuna musa che scenderà dalla montagna per fornire un aiuto, così come non esiste alcuno spirito che sposterà le parole per comunicare correttamente il messaggio. Il copywriting deve essere visto come un processo collaudato, esattamente come l’impostazione di un esperimento.

Per creare una propria metodologia bisogna essere obiettivi, mettendo da parte la soggettività. Ogni brand ha, infatti, un proprio linguaggio, un proprio tono di voce e dei valori in cui è necessario immergersi.

Copywriting scientifico: le formule

Il titolo è la presentazione del testo, è quella parte che convince un utente ad andare avanti nella lettura. Dopo aver sperimentato vari registri linguistici ed aver trovato quello che funziona meglio, dovrebbe diventare abbastanza facile scriverne altri, partendo, dunque, da ciò che ha creato conversioni per avere una formula corretta. Perché smettere di usarlo se ha funzionato?

Se non si ha familiarità con la formulazione dei titoli, ecco alcuni punti per iniziare a sperimentare:

  • suscitare desiderio negli utenti senza accennare a qualcosa che possa risultare negativo;
  • creare un senso di urgenza, fornendo un lasso temporale limitato;
  • fare una promessa soltanto se si è in grado di mantenerla;
  • quando possibile, accennare alla possibilità di avere prodotti in maniera gratuita;
  • fornire informazioni da parte di un esperto;
  • essere diretti e specifici: li scienziati vivono di precisione;
  • dove possibile, fornire i numeri che possano avallare le tesi proposte nel testo.

copywriting

Non bisogna reinventarsi completamente ogni volta, ma è necessario semplicemente individuare un linguaggio pertinente e continuare su quella strada. Cercare di fare un collaudo ogni volta potrebbe rivelarsi solo una perdita di tempo.

Per quanto concerne il corpo testuale, invece, occorrerebbe fornire dei dettagli attraverso alcune prove, riportando il parere di un esperto e non tralasciando alcuna tematica da affrontare. In questo caso la psicologia corre in aiuto dei copywriter.

Copywriting scientifico: la psicologia

La psicologia fornisce armi per persuadere e influenzare gli utenti, ad esempio attraverso questi sei ‘principi fondamentali per la persuasione’:

  • Reciprocità;
  • Impegno;
  • Prova sociale;
  • Autorità;
  • Simpatia;
  • Scarsità.

Se ci si approccia per la prima volta al mondo del web e non si ha ancora una buona reputazione online, è necessario creare un’avversione alla perdita e avvalersi di una autorità per migliorare il giudizio di valore.

Un’altra tecnica per attrarre lettore, comunque, è quella del contrasto che consiste, ad esempio, nell’affiancare prezzi maggiori a prezzi minori. Sicuramente, però, le discussioni forniscono un grande aiuto in tal senso, così come un buon servizio di customer care.

Una volta appresa la scienza del copywriting allora, e solo allora, si può iniziare a pensare ad una content strategy che spinga le vendite. L’improvvisazione non porterà mai da nessuna parte.


A firma di: Annette Palmieri Contributor
© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Download White Paper

white paper lusso e moda
Le vostre Opinioni
MarketingIl copywriting è una scienza o un’arte?
Iscrizione Newsletter Settimanale

Vuoi essere sempre aggiornato su ciò che avviene nel mondo del marketing e della comunicazione? Iscriviti alla newsletter di Inside Marketing

Acconsento ed ho letto Privacy Policy

Grazie per esserti registrato!

A breve riceverai una mail di conferma per attivare la tua registrazione.

Se non ricevi la mail di conferma, controlla nella cartella "posta indesiderata" ed aggiungi insidemarketing.it ai mittenti attendibili

In caso di problemi puoi contattarci all' indirizzo redazione[at]insidemarketing.it