MarketingIl Mobile Couponing: il futuro dell’m-commerce

Il Mobile Couponing: il futuro dell'm-commerce

Il mobile couponing può rivelarsi un driver di successo del promettente mercato degli acquisti su dispositivi mobile.

Il Mobile Couponing: il futuro dell'm-commerce

Una cena giapponese per due, una giornata in una Spa a tutto relax o – perché no! – la pulizia dei denti a prezzi stracciati: alzi la mano chi non è caduto almeno una volta nel vortice di tentazioni dei coupon on-line e ha navigato alla ricerca del deal del giorno per combinare qualche buon affare.

 

Il fenomeno dei gruppo d’acquisto online è arrivato in Italia a partire dal 2010 ed è esploso successivamente attraverso il successo di siti come Groupon, Groupalia, LetsBonus, Glamoo; i dati congiunturali lasciano presagire un futuro più che roseo.

 

Tre sono i fattori che spingono a scommettere sul successo del social couponing in Italia per i prossimi anni: innanzitutto, la crescita a due cifre del mercato degli e-commerce nel biennio 2011-2012, con il raggiungimento di un volume di affari pari a 12,8 miliardi di euro, come rilevato dall’Eurispes; in secondo luogo, l’affermazione di un nuove abitudini di acquisto che vede il processo di acquisto definirsi attraverso specifiche fasi di sviluppo, dalla ricerca di informazioni, all’analisi delle recensioni, all’acquisto vero e proprio con un’attitudine decisamente multi-device. In ultima analisi, va considerata la crescita dell’acquisto in mobilità: ben il 20% degli utenti affezionati al proprio smartphone o tablet ha anche acquistato prodotti on-line.

È in un simile scenario che può delinearsi il promettente mercato dell’m-commerce, costituito da un interessante 6,8% degli utenti internet italiani, in cui un ruolo decisivo sarà svolto da una nuova forma di social couponing.

 

Il rapporto 2013 di Business Insider Intelligence mette in evidenza il trend di crescita del mercato dei mobile coupon, una versione mobile dei tradizionali coupon scaricabili da smartphone o da tablet, con un volume di affari mondiali pari a 53,3 milioni all’anno e una crescita in prospettiva, entro il 2013, pari al 15% della quota dell’intero comparto del mercato e-commerce.

 

È il modello strategico il vero punto di forza del mobile couponing, grazie alle potenzialità offerte dalle interazioni tra geomarketing – rese più immediate e spontanee dall’utilizzo di dispositivi mobile – Social Network e l’irresistibile appeal del deal del giorno. Basti pensare allo sviluppo di un’app che incentivi la diffusione di coupon che non si limitino a veicolare genericamente sconti online ma che avvicinino i potenziali clienti al punto vendita con offerte mirate, raccolga dati di rilievo sugli utenti e tracci un quadro esaustivo su abitudini di acquisto on/offline. In una simile prospettiva, è lecito pensare che il mobile couponing possa rivelarsi non semplicemente un buono diffuso attraverso smartphone o tablet ma come un nuovo e promettente canale di comunicazione di contenuti e promozione in grado di consolidare l’esperienza tra utenti, brand e piccole e medie imprese.

 


Gerardo Grasso
A cura di: Gerardo Grasso Autore Inside Marketing
© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Corsi Formazione

Tutti i corsi
Le vostre Opinioni