ComunicazioneIl quadrato semiotico dell’ informazione

Il quadrato semiotico dell’ informazione

Con l’ avvento dei social network l’ editoria è cambiata. Scopriamo come con il quadrato semiotico dell'informazione.

Il quadrato semiotico dell’ informazione

Il quadrato semiotico dell’ informazione online, redatto da Andrea Girolami, staff editor e senior video producerillustra cosa è successo quando i giornali hanno incontrato i social network. Per venire a conoscenza delle ultime news, che riguardino la politica piuttosto che l’ attualità, i social network sono ormai il mezzo più diffuso: questo spesso ha fatto sì che il mondo mediatico si conformasse a quello dei social, assomigliandogli ed evolvendosi secondo lo schema di quest’ ultimi.

Passiamo ora ad analizzare nello specifico il quadrato semiotico sopra citato. Dalla foto possiamo capire, passo dopo passo, il senso del grefico: l’ asse orizzontale è la prima discriminante, il tempo. A differenza dell’ uscita del giornale cartaceo, che ha un tempo preciso, il Web è considerato atemporale. L’ aggiornamento delle notizie avviene continuamente e basta un clic per essere aggiornati in qualsiasi momento e su qualsiasi tipo di news. E’ importante la velocità con la quale si pubblica una notizia, ma altrettanto importante il cosidetto “tempo di Internet” dove il presente è “un’ opinione e si vive in un eterno fermo immagine in cui gli argomenti più gettonatati sono sempre gli stessi”.

Sull’ asse verticale troviamo l’ appartenenza che evidenza quanto sia importante la dimensione quantitativa più che qualitativa. Mi spiego meglio: l’obiettivo sta nel rendere efficace il processo attraverso il quale qualcosa che è prodotto altrove possa essere trasformato “in pane per i propri denti”. La bravura sta nel saper maneggiare le novità multimediali facendo ricorso, quando e se necessario, al tradizionale giornale cartaceo.

Al centro si trova la zona valle della morte, per tutti quei contenuti che non risultano veloci, interessanti, di approfondimento e possibili nel suscitare curiosità. Online diventerebbero soltanto materiale superfluo.

Riassumendo il quadrato semiotico e focalizzando la differenza fra le varie aree possiamo affermare che i due quadrati della parte superiore sono rappresentativi delle diverse tipologie di formati editoriali online, mentre la parte inferiore è invece quella che identifica i meccanismi tecnologici e il linguaggio del social network.

Da quanto detto emerge che l’ importanza dello scoop deve essere affiancata all’ originalità. Più che veloci bisogna essere creativi.


A firma di: Martina Eboli Contributor
© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Corsi Formazione

Tutti i corsi
Le vostre Opinioni