Venerdì 03 Aprile 2020
MacroambienteCosì le iniziative per #iorestoacasa provano a fermare contagi e paura da coronavirus

Così le iniziative per #iorestoacasa provano a fermare contagi e paura da coronavirus

Dai musei che mettono a disposizione i propri cataloghi alle challenge con cui gli utenti si sfidano a trovare passatempi: tutte le iniziative per #iorestoacasa.


Virginia Dara
A cura di: Virginia Dara Autore
Così le iniziative per #iorestoacasa provano a fermare contagi e paura da coronavirus

La notizia è che il crowdfunding dei Ferragnez a sostegno della terapia intensiva del San Raffaele di Milano ha già raccolto in poche ore oltre tre milioni di euro. È però solo una delle tante iniziative per #iorestoacasa con cui, on e offline, autorità, influencer e aziende stanno provando a fare rete e affrontare su più piani l’emergenza coronavirus.

Le iniziative per #iorestoacasa e il crowdfunding “vip” firmato Ferragnez

A dare il via alla campagna hashtag gli account social del Ministero della Salute che ha chiesto ad artisti e personaggi famosi di condividere con i propri fan e la propria community buone ragioni – e, perché no, qualche consiglio – per restare a casa in via precauzionale, già prima che il decreto del 9 marzo 2020 estendesse a tutto il territorio italiano le misure previste per le zone rosse. Da Fiorello a Tiziano Ferro, passando per Ligabue, Piero Pelù, Giuliano Sangiorgi dei Negramaro, in molti avevano raccolto l’appello e partecipato alle iniziative per #iorestoacasa con post o Storie su Instagram in cui raccontavano la nuova routine casalinga.

View this post on Instagram

Le immagini di tutte quelle persone che ieri scappavano da Milano e assalivano l’ultimo treno che li avrebbe ripotati a casa, dai propri affetti, sono ancora impresse nella mia mente… Cucino il ragù della domenica, fingo che sia tutto normale , come sempre. Giro e rigiro quel sugo, che stella ama tanto. Smetto, lo faccio riposare e penso che ho del tempo per mettere nero su bianco i miei pensieri e, magari, ho il tempo pure di cantarli, prima di riprendere la cura del mio ragù. Sento che è giusto condividere queste parole nuove con voi, scritte per voi, per me… per capire o per cercare almeno di farlo. La musica, tante volte, mi ha aiutato a comprendere, a comprendermi. Tante canzoni, quelle rimaste nel cassetto, ma vi assicuro, mi hanno aiutato tanto, anche senza essere pubblicate, senza essere dei successi. Questa no, voglio dedicarvela, per annullare le distanze e per sentirvi in questa stanza tutti. Torno al mio ragù e vi aspetto, aspetto che tutto torni a girare nel senso giusto come questo mio ragù, come questa mia canzone… Restiamo a casa Sono giorni che ci penso… Vorrei incontrarti, ma non si può. Sono ore, lunghe ore passate solo ad aspettare che qualcuno sappia dire qualcosa che faccia sperare, che questa maledetta storia sia sul punto di finire e insieme, finalmente, noi domani torneremo a uscire A incontrarci per le strade come un tempo in un locale, con un sogno e una birra in mano e una strana gioia, qui, nel cuore, che è difficile da capire perchè sembra sia normale. Ma da questi giorni qui tutto sarà un po’ speciale E intanto noi restiamo a casa, così… In quel cassetto ho molti libri e un bel film Facciamo finta che là fuori piove e che quel sole tarda ad arrivare Ma è solo tempo da rispettare. Che ne dici, potremmo fare l’amore? Approfittiamone per ricordare quanto è importante la vita insieme. È poco tempo! C’è solo da aspettare! Ti giuro torneremo a fare l’amore… Per ora resta casa qui con me. Per ora resta a casa. Fallo per te e per me E per noi! #iorestoacasa

A post shared by Giuliano Sangiorgi (@giulianosangiorgi_official) on

Anche Chiara Ferragni aveva chiesto allora ai propri fan di provare, insieme, a «cambiare le abitudini», raccontando come avesse dovuto rinunciare in prima persona a numerosi impegni lavorativi e ricordando come il rischio legato all’alta contagiosità del nuovo coronavirus sia la principale ragione per cui serve evitare occasioni e contatti sociali.

View this post on Instagram

E’il momento di fare la differenza

A post shared by Chiara Ferragni ✨ (@chiaraferragni) on

Come in molte altre occasioni il messaggio dell’influencer aveva dato adito a polemiche dai toni a tratti anche molto accesi. Polemiche che però non sono riuscite a fermarla dall’intento di dare, insieme al marito Fedez, una mano concreta: una donazione a uno degli ospedali milanesi più coinvolti nell’emergenza, destinata a rafforzare il reparto di terapia intensiva, a cui associare appunto una campagna di crowdfunding aperta a tutti e a cui tutti potessero partecipare.

Non è un mistero, del resto, che quella dei Ferragnez sia tra le coppie più influenti sui social. E in questo caso – più di quando si è trattato di commercializzare una bambola Trudi contro il cyberbullismo o di schierarsi contro fat e body shaming – il risultato è stato virtuoso: non è stata raggiunta e superata infatti solo la cifra obiettivo della campagna, ma di simili sulle diverse piattaforme di crowdfunding ne sono nate diverse e  dedicate ad altri ospedali italiani.

Dalla charity alle iniziative di responsabilità sociale: così brand e aziende provano a limitare i danni (economici) del coronavirus

Molte delle iniziative per #iorestoacasa hanno preso, soprattutto nei primissimi giorni, la forma di donazioni e charity. Così hanno fatto, per esempio, diverse firm di moda di lusso – da Dolce&Gabbana a Bulgari, passando per Armani – che hanno donato cifre più o meno consistenti agli ospedali. Lo stesso hanno fatto società sportive come l’Inter. Dal mondo della gdo , invece, vengono iniziative come quella di Esselunga che ha coinvolto anche i clienti più affezionati nell’impegno ad affrontare l’emergenza coronavirus: a questi è data la possibilità di donare completamente o in parte i punti accumulati sulle proprie carte fedeltà, trasformandoli di fatto in donazioni per gli ospedali.

Altri brand , più in accordo con la propria missione e con il tipo di prodotto o servizio offerto, hanno scelto la via della «solidarietà digitale» (così il Ministero per l’ innovazione Tecnologica e la Digitalizzazione ha deciso di riferirsi a una serie di iniziative per #iorestoacasa dall’animo decisamente tech) offrendo a istituzioni e professionisti più colpiti dall’emergenza tool e strumenti per provare a continuare le normali attività lavorative e limitare, così, i futuri danni economici dell’emergenza coronavirus. Sono brand come Microsoft che ha messo gratuitamente a disposizione di PMI, freelance e PA i propri consulenti che li aiutino a trovare soluzioni sicure ed efficaci per lo smart working . Anche numerose compagnie telefoniche, allo stesso scopo, hanno offerto servizi per la connettività e dati mobili gratuiti o a prezzi agevolati.

Da La Stampa a la Repubblica passando per Prime Video, molti fornitori di contenuti hanno optato, poi, per rendere disponibili gratuitamente abbonamenti alle versioni digitali dei propri cataloghi.

Così sui social è partita la sfida a chi passa più tempo a casa e nei modi migliori

Molte delle iniziative per #iorestoacasa, infatti, hanno provato a rispondere a questioni decisamente più soft ma non per questo meno prioritarie: come passare un’intera giornata a casa, soprattutto quando non si è abituati a farlo o si hanno bambini piccoli alla costante ricerca di stimoli? Se dalle istituzioni è arrivato un appello a più cultura in televisione e sui media generalisti, decisamente più efficaci nell’intrattenere giovani millennials e giovanissimi di Gen Z e Gen Alpha sembrano essere iniziative digitali e più in linea con abitudini e consumi mediatici di questa fetta di popolazione. Come molti science influencer hanno lavorato di inventiva nelle primissime fasi dell’epidemia di coronavirus – e continuano a farlo – per spiegare in maniera creativa quali precauzioni igienico-sanitarie fossero davvero utili, molti influencer e micro influencer culturali hanno sfruttato visibilità e credibilità di cui godono presso la propria community per segnalare risorse e contenuti disponibili in Rete e gratuitamente. #ioleggoacasa è, per esempio, l’hashtag con cui su Instagram numerosi book blogger stanno condividendo non solo consigli di lettura, ma anche e soprattutto i recapiti dei numerosi librai che in tutta Italia si stanno organizzando per le consegne a domicilio.

Di hashtag collegati alle iniziative per #iorestoacasa, insomma, ce ne sono tanti: per farsi un’idea, basta cercare su Instagram o TikTok #stiamoacasa, #iononesco e via di questo passo. Sono hashtag che sembrano aver convinto anche chi non frequenta assiduamente la Rete, e potrebbe essere estraneo per questo alle sue dinamiche, che si può stare vicini anche sfidandosi a colpi di film, serie TV, libri e passatempi, qualche volta creativi e qualche volta davvero improbabili.

#IoLoFaccioACasa, per esempio, è l’hashtag che ha chiamato a raccolta il mondo degli influencer: a loro il compito di dare consigli e tip pratici per continuare a fare nella propria abitazione tutto quello che normalmente si faceva a scuola, in palestra, in ufficio e, perché no, per rendere partecipi i propri follower e contatti di questa nuova routine. Ogni giorno il palinsesto è ben definito (e annunciato in anticipo sull’omonima Pagina Facebook e dall’account Instagram associato all’iniziativa) e prevede come ospiti volti ben noti e piccole star del Web che hanno già sfidato e intrattenuto le community a suon di #IoMiAllenoACasa, #IoMiDivertoACasa, #IoSuonoACasa, eccetera.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

La musica, per evadere e guardare oltre, in modo positivo🎧 Grazie a @matteo.markus.bok_official per averci regalato questo momento #iolofaccioacasa #iosuonoacasa

Un post condiviso da #IoLoFaccioACasa (@iolofaccioacasa) in data:

Se c’è una cosa che questa imprevista disponibilità di (tanto) tempo libero ha già dimostrato, del resto, è che l’intrattenimento è sempre più on demand, non tanto nei tempi e nelle modalità di fruizione quanto nella produzione. In altre parole? La maggior parte di utenti sembra desideroso di creare da sé i propri contenuti ludici e d’intrattenimento e la dimostrazione più evidente è, forse, il grande numero di dirette Instagram, sui più disparati argomenti e organizzate tanto da account ufficiali e verificati quanto da account di utenti comuni e con piccolo seguito, che si alternano in questi giorni. Da Instagram sembrano essersene accorti, tanto da aver reso disponibile uno speciale adesivo Io Resto A Casa da usare all’interno delle Storie, perché le stesse possano finire in un canale appositamente dedicato ai contenuti postati dagli utenti in quarantena.

iniziative per #iorestoacasa adesivo Instagram

L’adesivo sembra essere disponibile solo se connessi al WiFi, con ogni probabilità come piccolo contributo da parte della piattaforma per assicurarsi il rispetto delle regole da parte degli utenti, e ogni utente vedrà sul canale solo le storie degli utenti che segue già, con l’intento di avvicinare di più soprattutto le persone che prima della pandemia trascorrevano del tempo insieme.

Se dirette e Storie su Instagram sono qualcosa di sempre più simile alla nuova televisione, c’è chi ha pensato così di recuperare e adattare ai linguaggi social anche un format tradizionale della pubblicità all’Italiana: #caroselloisback è l’appuntamento quotidiano, all’ora che fu quella del Carosello degli anni Sessanta, in cui in diretta Instagram Giovanni Boccia Artieri e Paolo Iabichino parlano di pubblicità e comunicazione aziendale e chiamano, “in codino” proprio come in un vero Carosello, una realtà aziendale italiana – da Barilla a Parmigiano Reggiano, passando per startup come Loquis – a raccontare la propria esperienza e come, con attività di comunicazione soprattutto, stiano provando ad affrontare l’emergenza coronavirus.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Ogni giorno alle 19,45 andiamo in diretta con una specie di carosello contemporaneo. @gboccia e @iabicus parleranno di advertising, social media e cultura digitale. Una pausa, in questo tempo sospeso, tutta dedicata alla pubblicità, proprio come quando si andava in onda in tv. Noi invece siamo su Instagram, ogni giorno per 15/20 minuti. Lo facciamo per tutti gli studenti e le studentesse alle prese con giorni complicati, lo facciamo anche e soprattutto per chi come noi ama questo mestiere. #caroselloisback è l’hashtag per chiunque voglia contribuire con post, annunci, video, tweet e qualsiasi altra amenità pubblicitaria troviate in giro. Che vi piaccia o meno. Grazie a quant* riusciranno a essere con noi. Ogni giorno alle 19,45.

Un post condiviso da Carosello is Back (@carosello_is_back) in data:

Naturalmente, il surplus cognitivo di queste settimane si è trasformato anche in una galleria di meme divertenti o ironici con cui provare a sdrammatizzare paure e ansie del momento o, perché no, eleggere nuovi sex symbol come il Presidente Conte.

iniziative per #iorestoacasa meme morgan

Tra i post taggati #iorestoacasa non mancano neanche meme che provano ad affrontare l’emergenza coronavirus con un po’ di leggerezza.

iniziative per #iorestoacasa meme Conte

Da BeUnsocial l’idea di una vera e propria challenge dedicata a chi proprio non riesce a rinunciare ai social: #25giorniacasa è l’occasione ideale per scoprire davvero cosa c’è oltre la propria finestra, rileggere il proprio libro del cuore, provarsi ai fornelli con piatti particolari, recuperare finalmente quel TED interessante.

25 giorni a casa challenge

Chi accetta la sfida è chiamato soprattutto a condividere con amici e follower e con la comunità di BeUnsocial momenti di serendipità come questi che possono venire anche semplicemente stando sul divano; la challenge dei 25 giorni a casa sembra però anche il tentativo di restituire un po’ di quotidianità a feed intasati in questi giorni dall’ infodemia da coronavirus.

Dai toni decisamente più intimistici, invece, la sfida con cui @zeldawasawriter ha coinvolto la propria community su Instagram. Più tempo a casa può voler dire anche e soprattutto più tempo da dedicare a se stessi o a cambiare aspetti del proprio carattere e abitudini che non piacciono più: questi giorni di quarantena forzata, così, possono trasformarsi in un’occasione per fare o scoprire #almenoCINQUEcose (questo il titolo della sfida) nuove, positive per sé e per gli altri.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Quando il gioco si fa duro, i duri iniziano a giocare ❤️ #AlmenoCINQUEcosenuove sarà un invito quotidiano a fare qualcosa di inconsueto, sia per puro divertimento, sia per sviluppare la nostra sensibilità creativa inconscia. Ecco qui il primo compito di oggi. Scrivere un messaggio pieno di ottimismo e colore per i vostri condomini. Se non vi piace aspettate quello di domani. Se vi incuriosisce provateci, senza ansia da prestazione, senza la paura di essere giudicati. È un momento difficile e anche quelli che non lo dimostrano muoiono dalla voglia di essere oggetto delle vostre coccole. Scatenatevi, dunque ❤️ Usate il tag #almenoCINQUEcoseDAY1 per lanciare i vostri messaggi al più grande condominio del mondo, quello del web 😘 Corro a fare il mio 😍 #zeldawasawriter #andratuttobene #iorestoacasa

Un post condiviso da Camilla Ronzullo (@zeldawasawriter) in data:

Il mondo della cultura e le iniziative per #iorestoacasa

Mentre anche l’industria musicale e dello spettacolo cerca soluzioni perché lo show possa andare avanti (così il Teatro Biondo di Palermo, per esempio, è stato tra i primi a reagire alla chiusura delle strutture culturali-ricreative mettendo a disposizione su YouTube la prima dello spettacolo “Viva la vida!” dedicato a Frida Kahlo), si sperimentano formule per show in streaming e grandi eventi digitali: “L’Italia chiamò” è, per esempio, il titolo della maratona che racconterà su YouTube (il 13 marzo 2020) le storie di un Paese che prova ad andare avanti e a reagire alla crisi.

Tra i primi a rispondere alla necessità di continuare ad assicurare l’accesso alla cultura, però, sono stati soprattutto i musei italiani, da sempre tra le migliori best practice nostrane quando a digitalizzazione.

Nell’ambito di un’altra campagna hashtag, #ilbelcontagio, è stato organizzato un tour virtuale delle proprie sale o messo a disposizione liberamente online i propri cataloghi. La Triennale di Milano ha invitato performer e artisti a trasferirsi nelle sale vuote dello spazio espositivo e, come in una versione 2.0 del “Decameron” di Boccaccio, a dare vita a opere narrative multimediali da rendere disponibili online.

Gli Uffizi di Firenze stanno utilizzando soprattutto dipinti e opere ispirate alla mitologia, come la “Nascita di Venere” di Botticelli, per raccontare la storia dell’arte e lanciare allo stesso tempo un messaggio positivo e incoraggiante.

View this post on Instagram

#Botticelli, #Venere, da una lastra su vetro di inizio XIX secolo, Archivi degli #Uffizi. Esiste un tempo fatto per pensare. Accade nei tempi di crisi, nel momento di rottura di un equilibrio preesistente, nel brusco passaggio da uno stato ad un altro, da una condizione ad una ulteriore. La parola crisi in realtà non ha un significato negativo. È un momento di transizione. Deriva dal verbo greco κρίνω (krino) nel senso di pensare, discernere, valutare. Indica l’attività del pensiero di “separare”, “scegliere”, “giudicare”. Ripensando talvolta alle abitudini che fanno le nostre sicurezze. Un buon momento di sosta – #iorestoacasa – Dal verbo greco nascono le parole di lingua italiana: “critica” o ”criterio”. La Critica è quell'operazione del pensiero che cerca di analizzare un concetto, operando una separazione tra ciò che è secondo ragione e ciò che non lo è. «La critica è un invito alla ragione ad assumersi di nuovo il più grave dei suoi compiti, la conoscenza di sé, e di erigere un tribunale che garantisca le sue pretese legittime e condanni quelle prive di fondamento» #Kant. Forse da “krino” deriva anche “crinale”, il punto più alto di una montagna, dove “sguardo” e “pensiero” si aprono oltre ogni confine. #RinascimentoOggi. • 🌎E N G: Botticelli, glass plate from the early 1900s, Uffizi's Archive. There is a time to think. It happens in times of crisis, in the very moment of breaking a pre-existing balance, in the abrupt passage from one state to another, from one condition to another. Indeed, the word “crisis” has a positive meaning. It comes from the Greek verb κρίνω (krino), which means thinking, discerning. It indicates the activity of thought, when a thinking mind separates, chooses, judges thus reconsidering all those habits our previous certainties used to lay on. – An important moment of break – From the Greek verb many English words come too: “critique”,"criticism", etc. Criticism is that operation of thought aimed at analyzing a concept, discriminating between what is according to reason and what is not as German philosopher Immanuel Kant says in his Critique of Pure Reason. #Waiting4Spring #RenaissanceNow

A post shared by Gallerie degli Uffizi (@uffizigalleries) on

Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli – MANN ha dato il via a un video-progetto, “Antico Futuro”, che consiste di cinque cortometraggi disponibili su YouTube e in diverse lingue, ispirati alle opere in esposizione ma in grado di raccontare il presente. A Roma il Parco Archeologico del Colosseo, complice la concomitanza delle iniziative per la Festa della Donna 2020, organizza una passeggiata virtuale ma a 360 gradi tra le rovine e in ricordo delle mitologiche donne che hanno fatto la storia romana. Anche realtà più piccole come il Palazzo Ducale di Urbino, però, stanno donando arte e compagnia alle proprie community (non a caso la campagna si chiama proprio #laGalleriatifacompagnia) aprendo le porte di depositi e magazzini e dando l’inedita possibilità di vedere, così, opere mai viste.

Libri di approfondimento

  • Fenomenologia dei social network. Presenza, relazioni e consumi mediali degli italiani online
    Fenomenologia dei social network. Presenza, relazioni e consumi mediali degli italiani online

    "Fenomenologia dei social network" prova a descrivere, con sguardo qualitativo e in profondità, cosa fanno gli italiani sui social network.

    Leggi
© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Iscriviti alla newsletter! Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e recensione libri
Potrai anche usufruire di offerte esclusive per libri, eventi e corsi.

Iscriviti

Altre notizie

© Inside Marketing 2013 - 2020 è un marchio registrato ® P.iva 07142251219
×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

loading
MOSTRA ALTRI