CampagneA Milano un’installazione, molto più simile a un happening, mette in moto la macchina promozionale di House of the Dragon

A Milano un'installazione, molto più simile a un happening, mette in moto la macchina promozionale di House of the Dragon

iniziative per promuovere house of the dragon

Per promuovere la serie HBO avrebbe speso milioni di dollari: una delle iniziative fa tappa anche in Italia, a Milano, facendo vivere – letteralmente – a fan e curiosi le atmosfere di House of the Dragon.

Le strategie di promozione di Game of Thrones, dai tour – non solo virtuali – di Westeros al real time marketing , dagli eventi agli happening, hanno contribuito senza dubbio al successo della saga. Qualcosa di simile si può già dire per il prequel, dal 21 agosto 2022 in onda, dedicato alle vicende dei Targaryen: per quanto ci fosse molta attesa, soprattutto tra i fan, anche questa volta HBO ha molto investito in iniziative per promuovere House of the Dragon.

Secondo alcune stime potrebbero essere oltre cento i milioni di dollari investiti per l’intera campagna di marketing[1]: una cifra non confermata che, se lo fosse, uguaglierebbe quella che è in genere la spesa per blockbuster. Certo da House of the Dragon non ci si aspetta di meno, almeno per quel che riguarda il pubblico, e qualche segnale incoraggiante proviene già dai numeri del primo episodio che infatti sarebbe stato visto da quasi dieci milioni di persone[2], trasformandosi immediatamente nella première più vista della storia di HBO, oltre che in uno dei pilot più chiacchierati su Twitter e dagli appassionati di second screen .

Le iniziative per promuovere House of the Dragon hanno per protagonista l’ambient marketing

Oltre ai classici investimenti in spot e passaggi sui principali network televisivi, per promuovere il prequel dedicato ai Targaryen HBO non ha rinunciato a format originali e inaspettati, come una speciale app su cui ciascun fan può “allevare” i propri cuccioli di drago.

Il vero protagonista tra le iniziative per promuovere House of the Dragon, però, sembra essere stato fin qui l’ ambient marketing . Speciali cartelloni 3D, molto più simili a vere e proprie installazioni che a semplice cartellonistica pubblicitaria, sono stati collocati in luoghi iconici come Time Square, a New York, dando l’impressione che la folla fosse minacciata da un attacco da parte dei draghi con tanto di fuoco e fiamme che uscivano dalle fauci.

@analienyc

House of the Dragon 3D Billboard in Times Square NYC #HouseOfTheDragon #GameOfThrones #HBOmax #GOT #Targaryen #TimesSquareNYC #NewYorkCity #TimesSquare #NYC #Manhattan @timessquare.nyc @gameofthrones @hbomax @hbo

♬ Game of tones (cinematic orchestration) – GhostWithin

Una foto che circola in Rete, poi, mostra una palina alla fermata di un autobus completamente liquefatta per via del passaggio di un drago, come lascia presagire quello che i fan riconosceranno subito come il simbolo della casata dei Targaryen.

manifesto house of the dragon liquefatto

Fonte immagine: Creative Bloq

Qualche giorno fa a Milano, a Piazza Gae Aulenti, erano comparsi prima un forziere bollente che teneva in caldo delle uova di drago e successivamente l’iconico trono di spade. Troppo facile, anche per i non fan della serie, indovinare che si trattasse di una delle iniziative per promuovere House of he Dragon, peraltro “fuori dai soliti schermi” (cioè con un’iniziativa di out of home advertising ), come ormai sempre più spesso accade per i prodotti cult del cinema e della TV.

forziere uova di drago milano house of the dragon

Fonte immagini: Sky

trono di spade installazione milano piazza gae aulenti

A Milano un’esperienza per immergersi nelle atmosfere di Westeros ai tempi d’oro dei Targaryen

Anche se prima che nel capoluogo lombardo l’happening aveva fatto tappa a Londra in occasione della première di House of the Dragon, mentre gli scatti della Fortezza Rossa in versione ridotta nel cuore di Milano diventavano virali, diveniva chiaro come non si trattasse di una semplice installazione, bensì di una vera e propria esperienza pensata da HBO – e da Sky e Now TV, dove in Italia è possibile seguire gli episodi della serie – per far immergere dal vivo fan e semplici curiosi nelle atmosfere di Westeros.

Per due giorni (3 e 4 settembre 2022) ad accogliere i passanti di Piazza Gae Aulenti ci sono stati figuranti che interpretavano gli abitanti dei Sette Regni. Dopo aver chiesto al passante di turno se si sentisse degno di essere il prossimo erede del trono di spade, questi lo invitavano a rispondere a domande sulla storia dei Targaryen: solo ottenendo un buon punteggio si veniva ammessi a sedersi – e a scattare una foto ricordo da condividere sui social e con gli amici – sul trono di spade, non prima di aver ricevuto un attestato di degno successore della casata.

Per mettersi ancor più nei panni di un vero Targaryen, chi ha visitato l’installazione nei due giorni dell’evento ha potuto farsi realizzare da parrucchieri professionisti acconciature simili a quelle che nella serie distinguono i membri della famiglia.

A documentare il tutto Sky e Now TV hanno chiamato influencer e content creator, tra quelli con un buon seguito e con community appassionate di serie TV e fenomeni cult. L’obiettivo? Poter contare su un racconto “dal vivo” dell’iniziativa e, forse soprattutto, poterla trasformare in un happening anche digitale, di cui restasse memoria e che fosse più facilmente notiziabile. Come quelle di Game Of Thrones, anche le iniziative per promuovere House of the Dragon sembrano, del resto, amplificate nei risultati dal fatto di poter godere di sicura copertura mediatica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA È vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Resta aggiornato!

Iscriviti gratuitamente per essere informato su notizie e offerte esclusive su corsi, eventi, libri e strumenti di marketing.

loading
MOSTRA ALTRI