Enti e Imprese“Innovazione Sostantivo Femminile” è il bando della Regione Lazio che punta a sostenere le donne imprenditrici

"Innovazione Sostantivo Femminile" è il bando della Regione Lazio che punta a sostenere le donne imprenditrici

Innovazione Sostantivo Femminile 2022

Il nuovo bando "Innovazione Sostantivo Femminile" è stato promosso dalla Regione Lazio per sostenere le donne imprenditrici con progetti innovativi e mette a disposizione un totale di tre milioni di euro.

La Regione Lazio ha lanciato la quinta edizione del bando “Innovazione Sostantivo Femminile 2022“, destinato esclusivamente alle donne imprenditrici. Il bando mette a disposizione tre milioni di euro per contributi a fondo perduto, prevedendo un importo massimo di 30mila euro per ciascun progetto.

Gli obiettivi del bando “Innovazione Sostantivo Femminile 2022″

L’intento di “Innovazione Sostantivo Femminile” è favorire le MPMI (micro, piccole e medie imprese) femminili che svolgono le proprie attività nella regione in questione. In particolare, lo scopo del bando è sostenere imprese femminili per l’adozione di nuove tecnologie digitali e processi innovativi per l’azienda, in maniera conforme alla “Smart Specialization Strategy (S3)” della Regione.

Come anticipato, il bando del 2022 mette a disposizione tre milioni di euro e prevede l’assegnazione di un massimo di 30mila euro per ogni progetto. Inoltre, il 20% della dotazione totale è riservato ai progetti destinati a uno dei comuni appartenenti alle “aree di crisi complessa” della Regione.

Ciascuna impresa può proporre un solo progetto e questo – come precisato sulla pagina dedicata al bando del sito della Regione Lazio – deve riguardare «processi e sistemi di automazione industriale, tecnologie digitali, soluzioni tecnologiche per elaborare, memorizzare e archiviare dati, processi e sistemi produttivi flessibili e di fabbricazione digitale».

I beneficiari e i requisiti per partecipare al bando

Il bando è rivolto a donne imprenditrici, MPMI iscritte al Registro delle Imprese, lavoratrici autonome con partita IVA, società, di persone o di capitali, con maggioranza di quote rosa.

È necessario, poi, tenere presente, come si legge più dettagliatamente nel bando, riguardo ai costi ammissibili che sono considerati tali quelli necessari a realizzare il progetto, come costi di progetto da rendicontare (importo non inferiore a 20mila euro; costi del personale forfettari (pari al 15% dei costi di progetto da rendicontare; costi indiretti forfettari (pari al 7% dei costi di progetto da rendicontare)

È possibile partecipare al bando presentando la domanda sulla piattaforma GeCoWEB Plus di Lazio Innova fino al 16 giugno 2022. I progetti saranno poi selezionati sulla base di criteri consultabili sul sito della Regione Lazio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA È vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Resta aggiornato!

Iscriviti gratuitamente per essere informato su notizie e offerte esclusive su corsi, eventi, libri e strumenti di marketing.

loading
MOSTRA ALTRI