Giovedi 18 Ottobre 2018
MarketingInstagram marketing: perché è importante e come farne uso

Instagram marketing: perché è importante e come farne uso

Introdurre l'Instagram marketing nelle strategie aziendali può rivelarsi una mossa efficace, soprattutto seguendo precisi accorgimenti.


Angela Rita Laganà

A cura di: Angela Rita Laganà Autore Inside Marketing

Instagram marketing: perché è importante e come farne uso

Il segreto del successo di Instagram è frutto delle emozioni suscitate dall’universalità del suo codice linguistico. L’applicazione, nata nel 2010 per scattare foto e modificarle con dei filtri, ha trasformato le tecniche della fotografia – oltre alla fotografia stessa – da un modo per condividere un ricordo a un modo per condividere un momento. Questa trasformazione ha fatto leva sulla caratteristica principale delle immagini, ovvero trasmettere emozioni trascendendo le barriere linguistiche e il risultato sono gli oltre 700 milioni di utenti che, negli ultimi sette anni, hanno pubblicato 30 miliardi di foto e video. I dati relativi alle iscrizioni su Instagram sono in continua crescita: negli ultimi quattro mesi si è registrato un aumento di circa 100 milioni di utenti che non si arresta. La piattaforma, infatti, registra un tasso di engagement più elevato rispetto ad altri social e raggiunge pubblici più vari rispetto a Facebook o Twitter. Alla luce di questi numeri e di queste considerazioni diventa fondamentale, per le aziende che non lo hanno già fatto, iniziare a valutare di utilizzare Instagram nella propria strategia di comunicazione, facendo quindi dell’Instagram marketing un punto di forza.

Per avere successo su Instagram non serve pubblicare in maniera casuale foto e immagini d’impatto, al contrario è necessario avere una visione chiara degli obiettivi che si intendono raggiungere e su come il canale si possa inserire in una già consolidata strategia del brand.

Nel caso di un account di un negozio è importante che lo stesso diventi una sorta di vetrina che preannunci la visione di ciò che l’utente troverà fisicamente nello store e avviando una selezione anticipata. Allo stesso modo non bisogna limitarsi a fotografare il prodotto su uno scaffale, indossato da una modella o in set fotografici precostituiti: è importante mostrare come il prodotto viene utilizzato quotidianamente oppure sperimentare metodi alternativi. Quando si delinea una Instagram content strategy può essere utile prendere in considerazione l’idea di di mostrare tutte le persone che lavorano alla realizzazione dei prodotti e servizi del brand; dal capo all’editor, dalla sarta al magazziniere: un’azienda è una grande famiglia e va dato spazio a tutti. I follower saranno curiosi di scoprire le figure che si celano dietro al proprio brand preferito; inoltre ciò renderà il marchio molto più umano.

Una volta definiti obiettivi e strategia, arriva la fase della creazione di engagement. Instagram è nato come strumento di condivisione delle immagini, ma nel tempo ha consolidato maggiormente la sua natura di social network e così, non avendo l’approccio top/down tipico della comunicazione offline, per ottenere un minimo di visibilità è necessario partecipare alla community. Questo concetto per le aziende si trasforma in una ricerca di user generated content e monitoraggio delle conversazioni intorno al proprio brand partendo da un hashtag ufficiale. Quali sono i benefici che se ne traggono? Le aziende in questo modo possono monitorare il sentiment attorno al brand, cogliere interessanti input su ciò che il mercato richiede, fidelizzare i propri utenti fino a farli diventare clienti e ottenere dei contenuti visuali gratuiti da poter utilizzare per promuovere i propri prodotti.

Instagram marketing, quindi, è anche “comment marketing e con la recente chiusura di Instagress, il più famoso Instagram bot che commentava e interagiva con post simili a quelli pubblicati dell’azienda che lo utilizzava, è tornata in auge l’annosa questione della gestione automatizzata dei commenti. Il comment marketing, ovvero la strategia di digital marketing che il prevede il monitoraggio delle conversazioni e l’interazione, se effettuato attraverso l’utilizzo di bot non genera una reale community, di conseguenza è sempre meglio effettuare un’attività manuale e su misura dell’utente.

Instagram marketing: l’importanza dei follower…

Se il punto di partenza della propria strategia di Instagram marketing prevede la definizione di obiettivi e strategie, il passo successivo è sicuramente quello di capire a quale pubblico ci si vuole indirizzare e imparare a conoscerlo. «Prima di ogni cosa – afferma Francesco Mattucci in occasione del suo intervento al Cibiamoci Festival 2017è necessario studiare le persone che frequentano la zona dove è situata la vostra attività. L’approccio non deve essere “apro un bar e servo aperitivi” ma esattamente l’inverso: cosa piace ai clienti che vorrei? Cosa cercano?». In altre parole, cercare di capire quali sono gli interessi del proprio target e cercare di declinarli attraverso la realizzazione di contenuti visuali specifici. Il profilo Instagram aziendale richiede una chiara visione del contenuto che si vuole veicolare e degli argomenti che si vogliono trattare. Qualsiasi azienda, a prescindere dalle dimensioni e dal fatturato, deve condividere dei contenuti in cui si identifica e che rendano il suo profilo unico siano essi storie dei dipendenti, prodotti e i suoi possibili usi o momenti di vita aziendale.

Instagram marketing: perché è importante e come farne uso

Introdurre l’Instagram marketing nelle strategie aziendali può rivelarsi una mossa efficace, soprattutto seguendo precisi accorgimenti.

…E COME FARLI AUMENTARE

Instagram è un social basato sulle immagini e di conseguenza è proprio da quelle che bisogna partire per attirare l’attenzione.

I contenuti scelti per comunicare il giusto messaggio al proprio pubblico vanno studiati ad hoc e per citare Francesco Mattucci, presidente e co-founder di Garage Raw, «La foto per Instagram è una foto che sorprende l’utente e lo blocca un attimo. Se declini una foto in modo da renderla sorprendente, l’utente per un attimo si ferma e di conseguenza sei riuscito a intercettare la sua attenzione. Soltanto se avete intercettato la sua attenzione lui andrà a leggere quello che avete scritto, magari vedrà il profilo e comincerà a seguirvi».

Quando la foto non basta si può ricorrere a:

GLI HASHTAG CONSIGLIATI DA INSTAGRAM

A conclusione dell’intervento a Cibiamoci Festival, Francesco Mattucci ha fornito una serie di consigli per permettere alle aziende di farsi notare da Instagram. Settimanalmente, sul blog di Instagram dedicato al business vengono segnalati degli  hashtag che se utilizzati possono offrire una grande visibilità soprattutto se il contenuto viene repostato dall’account ufficiale. Eccone alcuni che possono risultare utili per la propria strategia di Instagram marketing:

  • #fromwhereistand: inquadratura dall’alto di cosa vede il fotografo. Con questo hashtag sono spesso condivise foto dei piedi;
  • #tinyhorizon: inquadratura in cui viene lasciato ampio spazio al cielo che occupa quasi due terzi della fotografia;
  • #onthetable: inquadratura molto utilizzata in ambito food e l’hashtag è noto come quello degli Instagrammer che mangiano tutto freddo;
  • #chasinglight: inquadratura che fa della luce il suo punto di forza con luce morbida, colori caldi e ombre lunghe;
  • #thingsorganizedneatly: inquadratura dall’alto di una composizione di oggetti. Una delle classiche fotografie condivise con questo hashtag è quella di tutto ciò che a breve verrà messo in valigia prima di un viaggio;
  • #notfakesymmetry: inquaratura di simmetrie reali e non ottenute con il riflesso software della foto;
  • #puddlegram: fotografie di riflessi nelle pozzanghere (e quando non piove si narra di Instagrammers che portano l’acqua da casa, ndr);
  • #TheWeekOnInstagram: cosa è successo durante la settimana su Instagram? I migliori scatti selezionati e repostati dal profilo ufficiale;
  • #BoomerangOfTheWeek: una volta la settimana Instagram pubblica un boomerang proveniente da un profilo che ha utilizzato questo hashtag;
  • #MyInstagramLogo: ogni settimana viene scelto un logo creato a mano dagli utenti e repostato sul canale ufficiale.

Instagram Hashtag

 

Libri di approfondimento

  • Instagram marketing. Strategie e regole nell'influencer marketing
    Instagram marketing. Strategie e regole nell’influencer marketing

    In che modo mettere a punto una efficace strategia di Instagram marketing? Ilaria Barbotti nel suo libro fa luce su alcuni aspetti essenziali

    Leggi
  • La pubblicità su Facebook. Solo i numeri che contano
    La pubblicità su Facebook. Solo i numeri che contano

    Una guida completa e pratica per intercettare i clienti e ottenere benefici attraverso la pubblicità su Facebook.

    Leggi
© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Articoli sull'argomento

×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.