Giornale di marketing,
comunicazione e cultura digitale
Resta aggiornato:
Inside Marketing
MacroambienteL’Iran lancia Hamdam, l’app di stato pensata per incoraggiare i matrimoni

L'Iran lancia Hamdam, l'app di stato pensata per incoraggiare i matrimoni

Promuovendo i valori della famiglia tradizionale, l'Iran lancia Hamdam, un'app definita da molti come una specie di "Tinder di Stato", presentata come l'unica piattaforma di dating approvata dal governo.

Immagine di presentazione della nuova app di dating iraniana. Iran lancia Hamdam

«Scelta consapevole, matrimonio duraturo!» è la frase che accompagna la descrizione della nuova app di dating presente nell’app store Myket[1]. Così l’Iran lancia Hamdam, una piattaforma ideata per aiutare i giovani single a trovare un coniuge e quindi a incentivare i matrimoni nel Paese.

Come funziona l’app di dating Hamdam?

L’app Hamdam (che può essere tradotta con il termine “compagno” o “partner“) è stata progettata e sviluppata dal Tebyan Cultural Institute, organizzazione educativa e culturale legata al governo, e il suo scopo è aiutare i giovani a trovare il “coniuge ideale“, attraverso dei contenuti al suo interno ideati per fornire un aiuto nel processo di scelta del partner. Le coppie unite tramite Hamdam riceveranno, poi, una consulenza matrimoniale fino ai quattro anni successivi al matrimonio.

Come diverse altre app, anche Hamdam sfrutta algoritmi di intelligenza artificiale per realizzare un match tra due utenti compatibili“, ma per evitare la creazione di profili falsi viene richiesta una verifica attraverso l’upload di un documento di identità.

Per registrarsi, comunque, gli utenti devono effettuare un test di valutazione psicologica. Inoltre, come si legge in un articolo di The Washington Post, un ulteriore aspetto che la rende diversa delle altre app di dating è il mancato caricamento di foto su Hamdam poiché ritenute potenzialmente manipolatorie e spesso non rispondenti alla realtà.

L’app in questione è aperta a tutti, anche alle persone già sposate in precedenza, ed è pensata principalmente per utenti monogami alla ricerca di un matrimonio permanente, come si legge all’interno della sezione di domande frequenti relative alla piattaforma.

Schermata dell'app di dating dedicata a musulmani. Iran lancia Hamdam

Fonte: Myket.ir

La piattaforma è stata inaugurata e presentata in conferenza stampa da Mohammad Baqer Qalibaf, presidente del parlamento iraniano, il 12 luglio 2021. Il politico ha dichiarato che la scelta di sposare qualcuno va presa con razionalità e consapevolezza e che la piattaforma in questione punta a incoraggiare i valori della famiglia tradizionale e a rispettare i principi legati al credo islamico.

L’Iran lancia Hamdam puntando così anche alla crescita demografica

In un Paese in cui il contatto tra uomini e donne, che non hanno alcun grado di parentela, è fortemente limitato, il governo ha sentito il bisogno di incoraggiare i matrimoni, sfruttando per questo i nuovi canali di comunicazione a disposizione, anche questi severamente limitati dalla Repubblica islamica dell’Iran: in effetti, anche se molti utenti trovano modi alternativi per accedervi, diverse app come Tinder, Facebook, Telegram, Twitter e YouTube sono bloccate dal governo iraniano[2].

Come si evince dalla descrizione presente all’interno dello store Myket, la creazione dell’app rappresenta il tentativo di adeguarsi alle nuove modalità di comunicazione, imponendo tuttavia il rispetto delle leggi islamiche in vigore nel Paese. La decisione del governo iraniano, però, potrebbe essere inoltre una risposta al calo, registratosi negli ultimi anni, dei tassi di natalità e del numero di matrimoni e all’aumento di divorzi, come fatto notare nell’articolo di The Washington Post già menzionato.

L’app in questione non è l’unica piattaforma pensata per un target di religione islamica: infatti, dal suo lancio nel 2015 l’app di dating Muzmatch ha ottenuto un grande successo [3]. Anche quest’ultima è stata pensata per far incontrare musulmani single, incoraggiando in particolar modo la ricerca di un partner da sposare.

In Iran, tuttavia, l’app Hamdam è stata presentata come il «primo software di incontri iraniano ufficiale e legale», come si legge nella descrizione dell’app su Myket, e quindi tutte le altre piattaforme simili non sarebbero autorizzate dallo Stato, come ha dichiarato Ali Mohammad Rajabi, capo della polizia iraniana che si occupa del controllo del web[4].

© RIPRODUZIONE RISERVATA È vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Resta aggiornato! Ricevi gratuitamente le ultime news e le offerte esclusive per corsi, eventi e libri in ambito marketing e comunicazione.

ISCRIVITI ai nostri canali:

© Inside Marketing 2013 - 2021 è un marchio registrato ® P.iva 09229251211
loading
MOSTRA ALTRI