ComunicazioneC’è la conferma di YouTube come piattaforma più utilizzata (e molto altro) nell’analisi di Blogmeter su italiani e social media

C'è la conferma di YouTube come piattaforma più utilizzata (e molto altro) nell'analisi di Blogmeter su italiani e social media

Italiani e social media 2022: i dati di Blogmeter

Con "Italiani e social media 2022" Blogmeter torna ad analizzare le abitudini digitali degli italiani, soffermandosi in particolare su che piattaforme prediligono e per che tipo di azioni e su temi come la sostenibilità.

Quali sono i social più utilizzati dagli italiani e a che scopo? Ci sono differenze anagrafiche o di genere tra le diverse piattaforme? Che rapporto gli internauti nostrani hanno costruito nel tempo con influencer e personaggi famosi in Rete? Come si approcciano online a grandi temi come quello della sostenibilità? Sono tutte domande a cui, come ogni anno, Blogmeter ha provato a rispondere con “Italiani e social media 2022”.

Piattaforme digitali: quali sono quelle preferite dagli italiani?

Anche l’edizione di quest’anno conferma YouTube come social più utilizzato dagli italiani (il 92% degli intervistati è iscritto e dice di utilizzarlo regolarmente). Seguono al secondo posto Facebook (88%) e al terzo Instagram (79%).

social più utilizzati dagli italiani 2022

Fonte: Blogmeter

Allargando l’analisi alle app di messaggistica istantanea, “Italiani e social media 2022” mostra chiaramente il vantaggio di WhatsApp sulle altre piattaforme: a utilizzarla regolarmente è il 97% degli italiani contro il 63% di Telegram, la seconda app per le chat più utilizzata in Italia.

È proprio Telegram comunque la piattaforma digitale che è cresciuta di più quest’anno, guadagnando cinque punti percentuali. C’entrano con ogni probabilità profili più avanzati per quanto riguarda sicurezza e privacy, ma anche minori vulnerabilità e bug rispetto a WhatsApp (l’ultimo WhatsApp down, del 25 ottobre 2022, è durato oltre due ore[1] causando disservizi a livello internazionale e danni di svariate migliaia di euro alle compagnie telefoniche).

Più in generale, guardando alle piattaforme che hanno continuato a crescere negli ultimi dodici mesi (LinkedIn +3%, Twitch +2%) e alle new entry tra social e app di messaggistica più utilizzati dagli italiani (come Discord), si ha un’immagine più chiara della “stagnazione” che sembrano vivere al momento le piattaforme più tradizionali, come quella di casa Meta soprattutto. In altre parole, il numero di iscritti non cresce più e questo incide anche sui ricavi, se non addirittura sulla cancellazione da parte degli utenti.

Per la prima volta quest’anno, non a caso, Blogmeter ha chiesto al proprio campione se e quali sono i social a cui era iscritto e da cui ha deciso recentemente di cancellarsi. La risposta più quotata è stata Twitter (da cui si sarebbe cancellato il 26% degli intervistati che in precedenza aveva un account). Il social dei cinguettii, protagonista in questi mesi di infinite trattative legate al passaggio di proprietà e di cambiamenti non meno radicali e non sempre graditi agli utenti della prima ora, è immediatamente seguito da Snapchat (-24%) e più a distanza da Tinder (che perde iscritti soprattutto tra i millennials , -18%).

Italiani e social media 2022: da Blogmeter un ritratto di chi usa di più i social

Quanto al profilo demografico degli utenti, “Italiani e social media 2022” conferma che non ci sono grandi differenze di genere: fanno eccezione solo Pinterest (dove le donne sono in più rispetto agli uomini di ventisei punti percentuali) e i social verticali dedicati al mondo del gaming come Twitch o Discord (dove c’è il 14% di uomini in più).

L’analisi di Blogmeter mostra invece chiaramente una distribuzione per piattaforma strettamente legata all’età.

Su Facebook, per esempio, c’è un’alta percentuale di Millennials (il 91% degli intervistati appartenenti a questa generazione ha un profilo e lo usa regolarmente) e baby boomers (88%); qualcosa di simile vale anche per LinkedIn (dice di usare il social professionale di casa Microsoft il 62% dei Millennials e il 46% dei Baby Boomers).

Piattaforme come YouTube, Instagram e Pinterest e più tipicamente TikTok e Twitch sono invece frequentate soprattutto dalla generazione z (il 51% dei genZer intervistati per lo studio dice di usare abitualmente TikTok e il 46% di passare del tempo su Twitch, contro percentuali di Millennials che sono rispettivamente del 42% e del 33%, di generazione x del 39% e del 12% e di Boomers del 23% e dell’8%).

che età hanno gli utenti dei social 2022

Cosa fanno gli italiani sui social media?

Restare in contatto con gli amici, guardare video di intrattenimento e più in generale svagarsi rimangono le ragioni principali per cui gli italiani utilizzano i social media . Non mancano, però, gli italiani che sfruttano le piattaforme digitali per fare networking e allargare le proprie cerchie di contatti lavorativi e non solo (è tra le attività svolte sui social dal 97% del campione di “Italiani e social media 2022”), né chi utilizza i social soprattutto per informarsi, tenersi aggiornato e condividere i principali fatti del giorno (96%) o per entrare in contatto con brand e aziende (92%).

Come si evolve il rapporto degli italiani con gli influencer

È anche e soprattutto grazie a influencer e content creator professionisti che i social si trasformano in ottimi touchpoint aziendali, da non ignorare al momento di strutturare la propria strategia e dare vita al proprio media mix.

Per la prima volta, però, quest’anno sembra calare il numero degli italiani che segue in Rete almeno un influencer, ossia il 41% secondo Blogmeter, tre punti percentuali in meno rispetto allo scorso anno. Si tratta perlopiù di donne (il 45% contro il 36% di uomini) e di giovanissimi della Gen Z (il 65% contro il 45% dei Millennials, il 32% della Gen X e il 22% dei Baby Boomers).

Instagram si conferma di gran lunga il social preferito sui cui seguire, interagire e costruire una relazione con gli influencer (così ha risposto il 73% del campione).

Conoscere nuovi prodotti (citata dal 61% dei rispondenti), farsi ispirare negli acquisti (53%) e sentire la loro opinione e non solo sulle novità in commercio (48%) sono tra le principali ragioni che spingono gli italiani a seguire gli influencer sui social.

Il risultato è che il 66% degli italiani almeno una volta nell’ultimo anno ha fatto acquisti su consiglio degli influencer e quasi un italiano su due (il 49%) ha provato o acquistato prodotti di cui non sapeva di aver bisogno.

Quanto agli influencer più seguiti dagli italiani, esclusi A-list influencer come Chiara Ferragni, Fedez e Gianni Morandi che rimangono i più citati nelle diverse edizioni dello studio di Blogmeter, sarebbero quest’anno Camihawke, Benedetta Rossi e Belen Rodriguez.

C’è anche la sostenibilità tra i temi di cui gli italiani parlano sui social

Tra i temi di cui si è più parlato sui social negli ultimi dodici mesi c’è infine, come si accennava all’inizio e come anche altri studi hanno evidenziato, la sostenibilità. Il 70% dei partecipanti a “Italiani e social media 2022” si sente investito di responsabilità nei confronti della salute del Pianeta, con posizioni che vanno dalla convinzione che «il cambiamento deve partire da ognuno di noi» a quella che anche istituzioni e governi devono fare la propria parte.

gli italiani parlano di sostenibilità sui social 2022

Mentre il 12% degli italiani (il 5% in più rispetto a solo lo scorso anno) adotta sistematicamente un’ampia gamma di comportamenti sostenibili, la maggior parte degli italiani (il 42%, il 4% in più rispetto allo scorso anno) prova più semplicemente a rendere a poco a poco più sostenibili le proprie normali abitudini quotidiane.

Note
  1. ANSA
Altre notizie su:

© RIPRODUZIONE RISERVATA È vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Resta aggiornato!

Iscriviti gratuitamente per essere informato su notizie e offerte esclusive su corsi, eventi, libri e strumenti di marketing.

loading
MOSTRA ALTRI