Italiani e social network: ecco l'utilizzo delle varie piattaforme nel 2016

Qual è il social più utilizzato dagli italiani? La risposta ci viene fornita dal 49° Rapporto Censis su italiani e social network.

Italiani e social network: ecco l'utilizzo delle varie piattaforme nel 2016

I social network sono, da qualche anno, diventati parte integrante delle nostre vite, tant’è che se ne parla, ormai periodicamente, anche nei rapporti sulla situazione sociale del paese elaborati ogni anno dal Censis, noto istituto di ricerca socio-economica. Recentemente è stato, infatti, pubblicato il 49° Rapporto sulla situazione sociale del Paese/2015, dove è possibile trovare, all’interno del capitolo dedicato alla comunicazione e ai media, un quadro sullo stato attuale del rapporto tra italiani e social network, con tutti i dati relativi alla penetrazione dei principali social all’interno del nostro Paese.

Italiani e social network: qual è l’utilizzo delle diverse piattaforme nel 2016?

Dai dati raccolti è emerso che, ancora una volta, il social network più utilizzato dagli italiani è Facebook (50.3%), seguito da YouTube (42%), Twitter (10.1%), Instagram (9.8%). Fanalino di coda è, invece, Linkedin (5%), che non riesce ancora a trovare spazio nel nostro Paese.
DMH1
Confrontando gli ultimi dati su italiani e social network con quelli del rapporto elaborato nel 2013, è evidente l’esponenziale crescita di utilizzo di Instagram, che solo due anni fa era utilizzata appena dal 4.3% degli italiani iscritti ai social network. Twitter, invece, stenta a decollare nel nostro Paese; nel 2013 soltanto il 9.6% degli italiani iscritti ai social network utilizzava Twitter, ciò dimostra, che in due anni, vi è stata una crescita del suo utilizzo fin troppo modesta (+0.5%).
Dmh2
La ricerca, inoltre, fornisce anche dati molto specifici, relativi, in particolare, alla penetrazione dei vari Social Network tra le diverse fasce d’età.
Gli iscritti a Facebook:
– nella fascia d’età compresa tra i 14 e i 29 anni sono pari al 77.4%, rivelando una crescita del +1.8% rispetto al 2013;
– nella fascia d’età compresa tra i 30 e i 44 anni sono pari al 71.8%; un dato sicuramente molto interessante, in quanto vi è stata una notevole crescita degli iscritti rispetto al 2013 (+9.3%);
– nella fascia d’età compresa tra i 45 e i 64 anni sono pari al 37.6%; in questo caso la crescita di iscritti rispetto al 2013 è pari al +9.4%;
– nella fascia d’età compresa tra i 65 e gli 80 anni, infine, sono pari al 14.3%, con una crescita del +5.1% rispetto al 2013.
dmh3
Le persone iscritte a YouTube, invece, appartengono soprattutto alla fascia d’età compresa tra i 14 e i 29 anni (72.5%) e a quella compresa tra i 30 e i 44 anni (60.4%).
dmh4
Confrontando i dati per fasce d’età, la più grande delusione ci arriva da Twitter, dove il numero di iscritti, con un’età compresa tra i 14 e i 29 anni, alla piattaforma di microblogging è addirittura diminuito rispetto al 2013. Nel 2015 risulta iscritto a Twitter il 19.1% dei giovani italiani, nel 2013, il numero iscritti, appartenenti alla suddetta fascia d’età, era pari al 20.2%. Cresce, invece, l’utilizzo della piattaforma tra gli utenti con un’età compresa tra i 45 e i 65 anni(7.1%) e tra i 65 e gli 80 anni(2.3%).
dmh5
La più grande sorpresa, poi, arriva da Instagram, il social network fotografico, proprietà di Facebook, che in appena due anni ha visto quasi triplicare il suo utilizzo tra gli utenti con un’età compresa tra i 14 e i 29 anni (+15,3%).
dmh6
Infine, Linkedin, purtroppo non ci riserva nessuna sorpresa; la fascia d’età in cui risulta essere maggiormente utilizzato è, infatti, quella compresa tra i 30 e i 44 anni (8.3%).
dmh7


A firma di: Floriana Russo Contributor
© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Corsi Formazione

Tutti i corsi
Le vostre Opinioni
MacroambienteItaliani e social network: ecco l’utilizzo delle varie piattaforme nel 2016