Lavoro, con il mercato digitale trasferirsi all'estero non è necessario

Con le nuove professioni, diventa normale lavorare a distanza con pc e smartphone e una ricerca chiarirà quali sono le competenze che le aziende richiedono ai professionisti

Lavoro, con il mercato digitale trasferirsi all'estero non è necessario

Il 90% dei giovani è convinto che sia necessario lasciare l’Italia per trovare opportunità di lavoro adeguate. Mollare tutto e partire non è però una decisione facile da prendere, tanto più se la prospettiva è quella di trasferirsi in una nazione dove ne’ il clima ne’ il cibo sono così invitanti come quelli del Belpaese.

Se l’orientamento attuale dei giovani è quello di andare all’estero per cercare un’occupazione decorosa, nell’era di Internet ci sono d’altra parte dei cambiamenti di scenari che sono destinati a rivoluzionare anche il modo di concepire il lavoro, e che potrebbero indurre un’inversione di tendenza, specialmente nelle nuove professioni:

Molte di quelle attività che un tempo erano vincolate all’ufficio, adesso possono essere svolte con un pc ed uno smartphone da qualunque luogo in cui vi sia una buona connessione di rete – osserva Nicola Bernardi, presidente di Federprivacy ed essendo ormai diventato normale lavorare a distanza, non è detto che cambiare fisicamente nazione rappresenti sempre la soluzione ideale. Più che su un eventuale trasferimento all’estero, i giovani potrebbero avere maggiori possibilità di realizzare i loro obiettivi professionali puntando sulle competenze che richiedono multinazionali ed altre grandi realtà, ad esempio quelle necessarie per cogliere le opportunità del mercato digitale. Inoltre, è proprio in Italia che stiamo vedendo gli sviluppi più interessanti, con i lavori in corso per arrivare alla pubblicazione di una norma UNI che definirà i profili dei professionisti della privacy in modo trasparente e in linea con le reali esigenze del mercato.”

Dopo l’indagine preliminare conclusasi con successo nel mese di giugno, lo scorso 8 settembre la Commissione Centrale Tecnica UNI ha infatti approvato la creazione del nuovo Gruppo di lavoro GL 5 “Tecnologie e tecniche per la protezione della Privacy e dei dati personali” (UNI/CT 510/GL 5), che svolgerà l’attività di sviluppo e di manutenzione di norme nazionali e internazionali relative agli aspetti tecnologici e alle tecniche in materia di protezione della Privacy e dei dati personali. Il nuovo GL opererà ad interfaccia nazionale degli organi tecnici “Privacy management in products and services” (CEN/CLC/JWG 8)  e “Identity management and privacy technologies” (ISO/IEC JTC 1/SC 27/WG 5).

Un importante contributo che sarà presentato ai tavoli di UNI, e che costituirà anche un aiuto concreto per i giovani che devono orientarsi nel mondo del lavoro, verrà dalla ricerca condotta da Federprivacy su un campione di 1.000 aziende con sede in Italia che sono direttamente interessate ad avere specialisti della data protection nel loro organico.

P.s. Il problema della riconoscibilità delle professioni digitali possibile soluzione?  la certificazione delle professioni a livello europeo

© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Corsi Formazione

Tutti i corsi
Le vostre Opinioni
MacroambienteLavoro, con il mercato digitale trasferirsi all’estero non è necessario