Lavoro online. Quando è bene non fidarsi.

Come riconoscere un'offerta di lavoro online sospetta. Vademecum per non incappare in spiacevoli truffe.

Lavoro online. Quando è bene non fidarsi.

Chiunque, negli ultimi tempi, abbia cercato lavoro online si sarà imbattuto nei numerosissimi annunci di un’azienda che si spaccia per multinazionale pur non avendo un sito italiano e, meno che mai, inglese. Le offerte sono le più disparate: account manager, project manager, promoter, agent, marketing specialist, seller. Abbastanza perché la maggior parte dei giovani disoccupati, laureati e non, abbocchino.  Sorpresa delle sorprese: poco dopo l’invio della propria candidatura si riceve una telefonata per fissare un colloquio nella sede più vicina. La centralinista parla confusamente e si riesce a capire soltanto che si tratta di un’azienda che si occupa di marketing e risorse umane.

Il colloquio si tiene in un ufficio situato in un ottimo punto della città di turno. Curiosamente alcune stanze sono inagibili perché in fase di ristrutturazione e la sala d’attesa sembra arredata dalla sera alla mattina. Niente da ridire sui mobili Ikea ma l’impressione di trovarsi in un posto che oggi c’è e domani chissà è molto forte.

A ricevere il candidato è un giovane straniero rampante, nel mio caso un ragazzo con un marcato accento inglese che però decide di conversare in un pessimo italiano. Ricerche su internet confermano che quando il candidato è un uomo viene ricevuto da una donna. La caratteristica dell’incomprensibilità ritorna, a volte la lingua è lo spagnolo ma il risultato non cambia: una volta fuori dall’edificio si è piuttosto confusi sull’azienda in questione e su ciò che si dovrà fare nella “giornata di prova”. Ciò che di sicuro non ci si aspetta, perché di tutto meno che di questo si è parlato, è di ritrovarsi a suonare decine di campanelli nel tentativo di far sottoscrivere degli abbonamenti telefonici. Ancora una volta: niente contro il dignitoso mestiere di venditore porta a porta, basterebbe che tutto fosse trasparente dal principio.

Offerte-Lavoro-Online

 

Come riconoscere un possibile annuncio-specchietto per allodole:

  • Arriva con una email indesiderata, da mittente sconosciuto.
  • L’offerta è anonima e non si riesce a risalire al nome dell’azienda.
  • Nell’annuncio non è chiaro il lavoro che si svolgerà una volta assunti.
  • Non si parla espressamente di stipendio.
  •  Non si fa riferimento alle competenze che il candidato ideale dovrebbe avere.
  • Si richiede di sostenere una spesa iniziale per qualsivoglia ragione.

Per evitare di incappare in una truffa la regola aurea cui attenersi è informarsi sull’azienda, attraverso il sito internet della stessa oppure cercando su google. Del resto ormai i responsabili delle risorse umane sbirciano i nostri profili Facebook prima di assumerci. Informarci sul lavoro per cui ci stiamo candidando è un diritto e chi oppone resistenza non merita la nostra fiducia.


A firma di: Sabrina Colandrea Contributor
© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti
Le vostre Opinioni
MacroambienteLavoro online. Quando è bene non fidarsi.
Iscrizione Newsletter Settimanale

Vuoi essere sempre aggiornato su ciò che avviene nel mondo del marketing e della comunicazione? Iscriviti alla newsletter di Inside Marketing

Acconsento ed ho letto Privacy Policy

Grazie per esserti registrato!

A breve riceverai una mail di conferma per attivare la tua registrazione.

Se non ricevi la mail di conferma, controlla nella cartella "posta indesiderata" ed aggiungi insidemarketing.it ai mittenti attendibili

In caso di problemi puoi contattarci all' indirizzo redazione[at]insidemarketing.it