Domenica 24 Giugno 2018
MacroambienteLe competenze più ricercate dalle aziende: nascono le soft skills digitali

Le competenze più ricercate dalle aziende: nascono le soft skills digitali

Le nuove figure professionali ricercate dalle aziende risentono di tutti gli effetti della digitalizzazione: le competenze digitali sono le più ricercate


A firma di: Annalia Luprano Contributor
Le competenze più ricercate dalle aziende: nascono le soft skills digitali

Da quando la rivoluzione digitale ha cambiato la nostra quotidianità anche il mondo delle Human Resources ha subito dei mutamenti. Le nuove figure professionali ricercate dalle aziende, infatti, risentono in maniera particolare di tutti gli effetti della digitalizzazione.
Lo scenario delineato dall’ Osservatorio HR Innovation Practice della School of Management del Politecnico di Milano mette in evidenza il mutamento prodotto  sul mondo del lavoro dall’avvento della digitalizzazione, attraverso un’indagine condotta sugli uffici risorse umane di aziende medio-grandi.
Quali sono le figure più ricercate?

Lo studio della School of Management afferma che il 47% dei direttori del personale nel 2015 inserirà nuove professionalità e competenze per far fronte alla trasformazione digitale.
Le aree aziendali che risentono maggiormente delle conseguenze della digitalizzazione sono il Marketing (48%), l’IT (47%) e la Direzione risorse umane (47%), seguite da settori come gli uffici legali, della qualità, della sicurezza e uffici acquisti.
Le figure professionali più introdotte nelle aziende sono l’eCRM & Profiling Manager,  per migliorare l’efficacia della relazione con la clientela, il Digital Marketing Manager, figura che ha il compito di gestire e ottimizzare le interazioni digitali con consumatori e prospect attraverso i canali social, web e mobile, il Chief Innovation Officer, che propone modelli innovativi per il business dell’impresa per sfruttare al meglio la rivoluzione digitale.
Cosa sono le soft skills digitali ?

“Sono competenze trasversali lette alla luce dell’evoluzione digitale”, spiega Mariano Corso, “cioè le capacità di relazione e le attitudini di comportamento che consentono alle persone di utilizzare efficacemente i nuovi strumenti digitali”.
Dunque, si ricercano profili professionali altamente specializzati, ma le competenze digitali sono necessarie anche per chi in azienda non si occupa di svolgere mansioni prettamente tecnologiche. Per sviluppare le soft skills digitali dei propri dipendenti le aziende utilizzano generalmente corsi di formazione interni, mentre per i nuovi dipendenti queste competenze sono ricercate già in fase di selezione.
La selezione del candidato ideale avviene, infatti, attraverso una revisione in chiave digitale delle Soft Skills, competenze che consentano di utilizzare il digitale per cogliere nuove opportunità e migliorare produttività e qualità dell’azienda.

© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti
Iscriviti alla newsletter!

Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e recensione libri
Potrai anche usufruire di offerte esclusive per libri, eventi e corsi.
Cosa aspetti?!

Iscriviti