Libri da colorare per adulti: che uso ne fanno i brand?

I libri da colorare per adulti sono ormai un fenomeno editoriale. I brand hanno iniziato ad utilizzarli per coinvolgere i consumatori. Come?

Libri da colorare per adulti: che uso ne fanno i brand?

Quando si pensa ai libri da colorare il rimando alla propria infanzia è automatico, ma negli ultimi due anni sono diventati un vero e proprio caso editoriale nel Regno Unito e negli Stati Uniti soprattutto. Il motivo? I libri da colorare vengono proposti a persone adulte come rimedio per ridurre lo stress ed allo stesso tempo come metodo per allenare il cervello, prestando attenzione ai dettagli, alla scelta del colore da utilizzare, agli abbinamenti, al non dover uscire fuori dai bordi. Visto, quindi, il grande successo riscosso dei libri da colorare per adulti numerosi brand hanno iniziato a rilasciare prodotti in licenza attraverso editori del settore nel tentativo di coinvolgere ancora di più i propri consumatori o eventualmente di acquisirne di nuovi attraverso il prodotto.

LIBRI DA COLORARE: LA NASCITA DI UN FENOMENO EDITORIALE

La scelta dei libri da colorare per adulti è vastissima: ci si può imbattere in quelli che riguardano saghe cinematografiche, opere d’arte e paesaggi, ma secret-gardenanche in quelli su Jean-Claude Van Damme. I primi, comunque, risalgono agli anni ’70, ma probabilmente il successo lo si deve alla Laurence King, casa editrice scozzese, che chiese (nel 2013) all’illustratrice Johanna Bradford di realizzare un album da colorare per bambini; ella però notò che molte delle sue produzioni, che consistevano in etichette per bottiglie di vino e profumi, venivano spesso colorate dai clienti e così propose all’editore di produrre un libro da colorare per adulti. Nacque così “Il giardino segreto“, un testo capace di vendere più di 10 milioni di copie in tutto il mondo, restando in testa alle classifiche per molto tempo. Di fronte a questo boom, brand e celebrità non sono rimasti a guardare e si sono istantaneamente lanciati in questo mercato.

COME SI MUOVONO I GRANDI BRAND?

I grandi brand che godono di una numerosa fanbase hanno tra i tanti focus anche quello di coinvolgere quanto più possibile la propria utenza. L’aumento esponenziale di domanda e offerta di libri da colorare, quindi, ha spinto diverse aziende ad entrare in questo mercato, vista l’elevata possibilità di intercettare il proprio target di riferimento. L’utente appassionato di fantascienza o di serie televisive fantasy, che già acquista articoli appartenenti a questi generi, sarà sicuramente più propenso a comprare un prodotto a lui più affine e in grado di coinvolgerlo maggiormente. La concessione d’utilizzo del marchio, a tal proposito, ha segnato una svolta importante sia per il settore editoriale sia per chi concede l’uso delle proprie proprietà intellettuali. L’attività di licensing, infatti, è fondamentale per alimentare il mercato del merchandising che può aiutare il brand ad espandersi e ad aumentare la propria visibilità. 

IL TRONO DA COLORARE

got-book

Fonte: Forbes

L’emittente televisiva statunitense HBO ha recentemente rilasciato sul mercato il libro da colorare della famosa serie TV Game of Thrones. A parlare è stato il Vice President del Global Licensing della HBO, Josh Goodstadt, che ha spiegato come una tale operazione commerciale sia in sostanza un espediente nuovo e divertente per parlare dello show e promuoverlo in un modalità che non ha precedenti in questo business. È possibile dare anche un’altra chiave di lettura a questa decisione: la compagnia ha come scopo quello di mantenere alto il nome del brand anche durante la pausa tra una stagione e l’altra ed il rilascio di questo genere di prodotti può aiutare senz’altro.
Un’altra azienda che ha deciso di testare questo business è Crayola che, dopo essersi dedicata per un secolo esclusivamente ai bambini, ha deciso di pubblicare libri da colorare per adulti. Il motivo viene spiegato in un’intervista alla rivista Forbes in cui il Responsabile Marketing dell’azienda ha spiegato che la decisione di approdare in questo mercato è stata presa dopo aver letto di alcuni studi che correlano la diminuzione dello stress in soggetti adulti con l’attività ludica del libro.

LE CIFRE DEL TREND

Nielsen ha condotto una ricerca in negli Stati Uniti per osservare le cifre di questo fenomeno negli anni 2014 e 2015: il 2014 ha registrato vendite per 1 milione di copie, mentre il 2015 ben 12 milioni, rilevando, quindi, un sostanziale aumento.

vendite-libri-adulti

Come ha reagito l’industria culturale statunitense? Se nel 2014 sono stati pubblicati 300 libri, nel 2015 il numero di album è salito a 2000.

Fonte: Nielsen

Per capire meglio la portata del trend è sufficiente inserire “adults coloring books” come query su Google Trends: il grafico mostra come quasi nessuno abbia mai effettuato una ricerca del genere, ma nella prima parte del 2015 qualcosa cambia: aumenta l’interesse e nel periodo natalizio del 2015 la ricerca raggiunge il valore 100, che indica la maggiore frequenza di ricerca del termine per poi stabilizzarsi nel periodo successivo sul valore 25.

trend-libri-adulti

Quelli sopracitati sono classici esempi di come i brand approfittino del trend del momento per attirare e coinvolgere il proprio target.
Sfruttare le tendenze per fidelizzare ed acquisire nuova utenza non è, comunque, una novità per il settore. Il rischio, però, è che i ricavi di tipo economico non siano poi così tanto soddisfacenti, considerando che potrebbe trattarsi di una moda passeggera.


Giuseppe Petrellese
A cura di: Giuseppe Petrellese Autore Inside Marketing
© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

VIDEO: Inbound Strategies 2017

Inbound Strategies 2017
Ivan Cutolo | La SEO per l'eCommerce
Ivano Di Biasi | Acquisire informazioni per il web semantico
Matteo Zambon | Google Tag Manager e gestione dei referral
Andrea Saletti | Usare il neuromarketing per ottimizzare i siti web
Inbound Strategies | Giovanni Le Coche e Pierfrancesco Rizzo
Inbound Strategies | Alex Cannava e Franz Amalfitano
Inbound Strategies | Valentina Viganò
Inbound Strategies | Christian Baraldo
Inbound Strategies | Fulvia Viglione
Inbound Strategies | Mirko Nevi
Inbound Strategies | Elisa Gerardis
Valentina Turchetti | Quali sono i contenuti che convertono?
Antonella Apicella | eCommerce: come creare una scheda prodotto efficace
Eleonora Rocca | Content marketing per le strategie B2B
Le vostre Opinioni
MarketingLibri da colorare per adulti: che uso ne fanno i brand?
Iscrizione Newsletter Settimanale

Vuoi essere sempre aggiornato su ciò che avviene nel mondo del marketing e della comunicazione? Iscriviti alla newsletter di Inside Marketing

Acconsento ed ho letto Privacy Policy

Grazie per esserti registrato!

A breve riceverai una mail di conferma per attivare la tua registrazione.

Se non ricevi la mail di conferma, controlla nella cartella "posta indesiderata" ed aggiungi insidemarketing.it ai mittenti attendibili

In caso di problemi puoi contattarci all' indirizzo redazione[at]insidemarketing.it