Mercato unico digitale per la crescita europea

Il mercato unico digitale europeo contribuirà a migliorare la competitività dell'Europa nell'economia digitale.

Mercato unico digitale per la crescita europea

Il mercato unico digitale o digital single market è una delle priorità su cui l’Unione Europea sta lavorando da un anno e che dovrebbe diventare realtà entro la fine del 2016. Si tratta di una strategia che punta alla creazione di un mercato unico digitale europeo in grado di unire i 28 Stati membri in uno spazio comune di crescita, portando l’Europa ad essere leader mondiale dell’economia digitale.

Il digital single market offre tante opportunità ai cittadini, ma soprattutto a imprese e startup emergenti. È garantita, infatti, la libera circolazione online di persone, servizi e capitali. Questo significa che gli individui e le aziende potranno accedere ad attività online ed esercitarle senza soluzione di continuità in un contesto concorrenziale equo. Allo stesso tempo saranno però promossi sistemi per la protezione dei dati personali e la sicurezza online, indipendentemente dalla nazionalità o dalla residenza degli utenti.

Attualmente in Europa esistono ancora forti barriere che ostacolano il decollo di un’economia digitale europea. Ad esempio, si stima che solo il 15% dei cittadini europei effettua acquisti online da un altro stato membro e solo il 7% delle imprese riesce a commercializzare i propri prodotti oltre frontiera. Se tutti i Paesi membri dell’Unione adottassero le stesse regole per l’eCommerce, il 57% delle aziende potrebbe avviare o aumentare le proprie vendite online in tutta Europa. Inoltre, i consumatori potrebbero risparmiare fino a 11,7 miliardi di euro se potessero scegliere tra più servizi e beni durante lo shopping online.

Con il piano strategico del mercato unico europeo si vogliono, perciò, incoraggiare le imprese e i cittadini ad utilizzare maggiormente le tecnologie che, se gestite in maniera adeguata, possono contribuire alla crescita economica del continente. In un mercato unico digitale, in cui è assicurata la libera circolazione di ogni bene, i consumi aumenterebbero di circa 18 miliardi di euro e si verificherebbe una crescita comunitaria annua per 415 miliardi di euro, con la creazione di centinaia di migliaia di nuovi posti di lavoro.

La Commissione Europea sta lavorando anche per incrementare l’uso della tecnologia e, in particolare, dell’analisi dei big data nell’ambito dei processi produttivi. La libera circolazione dei dati e l’analisi di questi ultimi, inoltre, contribuirebbe ad incrementare il PIL europeo di 1,9% entro il 2020.

La strategia del digital single market potrebbe rivelarsi una grande opportunità per l’Europa, con un impatto positivo sia per i consumatori sia per le imprese. I consumatori potrebbero avere, infatti, più occasioni di acquisto a prezzi convenienti, mentre le aziende avrebbero accesso a un mercato più esteso con meno barriere per la vendita di prodotti e servizi.


A firma di: Giovanna D'Urso Contributor
© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Corsi Formazione

Tutti i corsi
Le vostre Opinioni
MacroambienteMercato unico digitale per la crescita europea