Tool e serviziMonitorare entrate e uscite aziendali: cos’è il cash flow e come gestirlo al meglio

Monitorare entrate e uscite aziendali: cos'è il cash flow e come gestirlo al meglio

software cashflow

Tra i software che permettono la gestione del cash flow con l'automazione di alcuni processi c'è Cashflow, una web app intuitiva e semplice da utilizzare.

Ascolta la versione audio dell'articolo
Monitorare entrate e uscite aziendali: cos'è il cash flow e come gestirlo al meglio
/ 00:00

Ogni azienda è tenuta a monitorare quotidianamente i flussi di cassa e, quindi, a tenere traccia in modo preciso di tutte le entrate e le uscite. Questo compito, in passato, veniva svolto manualmente mentre oggi le nuove tecnologie permettono di semplificare e automatizzare controlli, rendiconti e allineamenti contabili.

Le aziende che hanno deciso di adottare strumenti di automazione per la gestione del cash flow hanno potuto godere di una serie di vantaggi operativi tra cui l’ottimizzazione delle attività di gestione della liquidità aziendale, rese più semplici e accurate. 

È possibile, infatti, adottare diversi miglioramenti per semplificare la gestione del cash flow grazie a soluzioni innovative, su misura per le aziende.

Cash flow: cos’è?

Il flusso di cassa, ovvero il cash flow, corrisponde alla differenza tra i flussi monetari in entrata e quelli in uscita, in un preciso periodo di tempo, oppure per un determinato progetto. Si tratta, quindi, di uno degli indicatori più importanti che permettono una valutazione accurata della stabilità aziendale.  

Quando l’azienda ha un cash flow positivo significa che, grazie alla sua disponibilità finanziaria, è capace di sostenere spese di diverso tipo.

Al contrario, un cash flow negativo costituisce un campanello di allarme, poiché indica, grossomodo, che la gestione dell’esercizio assorbe più risorse di quante l’impresa sia stata in grado di generare. Proprio per tali ragioni, l’azienda incontrerà delle difficoltà nel fronteggiare spese di varia natura, per esempio nel pagamento dei fornitori.  

Va precisato, inoltre, che, sebbene i due concetti siano spesso confusi tra loro, c’è differenza tra utile d’esercizio e flusso di cassa. L’utile d’esercizio, infatti, si riferisce all’emissione di fatture dei ricavi e a quella delle fatture per costi: più precisamente, l’utile d’esercizio commerciale corrisponde alla differenza tra le due voci relative ai costi di produzione e al valore della produzione. 

A cosa serve?

Come già accennato, invece, il flusso di cassa fa riferimento alle le variazioni positive o negative della liquidità aziendale, circoscritte in un arco temporale ben definito. Nel gergo tecnico questo dato è noto anche come flusso primario dopo le imposte e si ottiene calcolando la differenza tra entrate (cash in-flow) e uscite (cash out-flow).

Questo calcolo permette di quantificare l’ammontare di denaro liquido di cui l’azienda dispone in un particolare periodo di attività, un valore che verrà poi inserito in contabilità generale. 

Il cash flow, dunque, è la misura delle capacità dell’azienda di finanziare attività di crescita senza ricorrere all’indebitamento. La sua utilità, dunque, è molteplice perché da un lato permette di tener traccia della gestione finanziaria dell’azienda, mentre, dall’altro, consente di agire qualora dovessero figurare deficit di liquidità.

Come gestire il cash flow?

La gestione del cash flow non è un obbligo. Si tratta piuttosto di un’opportunità per le aziende più attente alla crescita e con lo sguardo volto verso il futuro degli affari. 

Trattandosi di un’attività di controllo e rendicontazione, infatti, permette di allineare tutti i flussi economici dell’azienda e di identificare, prima che sia troppo tardi, l’eventualità di errori, trascrizioni maldestre o discrepanze. 

Per una gestione ottimale, ovviamente, occorre valutare alternative decisamente più efficienti della tradizionale gestione manuale. A oggi, infatti, sono numerosi gli strumenti digitali che permettono di ottimizzare questi processi. Uno tra i più interessanti è, per esempio, il software italiano Cashflow, una web app intuitiva e semplice da utilizzare che permette di amministrare in maniera precisa i conti aziendali. 

Il software dispone di una dashboard intuitiva e personalizzabile, grazie alla quale muovere i primi passi sarà un’operazione rapida e alla portata di tutti i collaboratori, inclusi quelli meno avvezzi alla tecnologia. 

I vantaggi per la pianificazione del business sono oggettivi: controllare in real time la liquidità aziendale, elaborare delle proiezioni sul cash flow, sincronizzare le fatture, allineare la contabilità con gli estratti conti bancari in tempo reale. 

Attraverso un’unica piattaforma, quindi, è possibile non solo monitorare e analizzare i flussi monetari dell’azienda, ma soprattutto avere sempre sotto controllo tutti i soggetti più importanti (banche, sistema di fatturazione e previsionale di cassa) che concorrono a una corretta gestione dal punto di vista economico e finanziario.

Sullo stesso argomento
Altre notizie su:

© RIPRODUZIONE RISERVATA È vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Resta aggiornato!

Iscriviti gratuitamente per essere informato su notizie e offerte esclusive su corsi, eventi, libri e strumenti di marketing.

loading
MOSTRA ALTRI