Venerdi 19 Ottobre 2018
MacroambienteDal Google I/0 2017 alle novità di Telegram: le notizie tech dal 14 al 20 maggio 2017

Dal Google I/0 2017 alle novità di Telegram: le notizie tech dal 14 al 20 maggio 2017

Dall'ambiente AI alla conferenza annuale di Google, fino ai video-messaggi di Telegram: quali le principali notizie tech della settimana?


Giuseppe Petrellese

A cura di: Giuseppe Petrellese Autore Inside Marketing

Dal Google I/0 2017 alle novità di Telegram: le notizie tech dal 14 al 20 maggio 2017

Nuovo appuntamento con la nostra rubrica “Le notizie tech della settimana”, dedicata alle principali novità in ambito digital, tech e innovazione. Protagonista in questi sette giorni è stata Google che ha annunciato diverse novità dall’evento I/O. Notizie interessanti, poi, anche dalle piattaforme social e dal mondo dell’intelligenza artificiale.

Di seguito le news del periodo che va dal 14 al 20 maggio 2017.

DOMENICA 14 MAGGIO – L’ALGORITMO CAPACE DI SINTETIZZARE UN TESTO

Salesforce, compagnia statunitense che si occupa di cloud computing, ha ideato un algoritmo che grazie al machine learning è in grado di riassumere dei testiCome riportato da The Verge, ogni persona durante quest’anno passerà metà della propria giornata a leggere messaggi di posta elettronica, articoli e post sui social. L’azienda californiana ha quindi sviluppato un algoritmo che sfrutta l’apprendimento automatico della macchina per la produzione di sintesi testuali sorprendentemente coerenti ed accurate, secondo il MIT. In che modo, però, vengono sintetizzati questi testi? In due modalità, cioè estrazione o astrazione. Con la prima il computer può disegnare e sfruttare una configurazione già presente in un testo, quindi poco flessibile; la seconda, invece, consente alla macchina di generare nuove parole per sintetizzare al meglio e con una certa coerenza il testo. Naturalmente questo strumento deve prima comprendere del tutto il pezzo originale per poi introdurre nuovi termini.

LUNEDÌ 15 MAGGIO – ParlAI: FACEBOOK TRA CHATBOT E A.I.

ParlAI

Facebook ParlAi

Ci si ritrova spesso ad utilizzare assistenti digitali come Siri o Alexa, ma raramente ci si concentra sull’aspetto conversazionale dell’applicazione. Ci si limita, infatti, esclusivamente a chiedere informazioni sul meteo o a segnare appuntamenti sul calendario proprio perché l’aspetto che riguarda più propriamente la conversazione è ancora poco contemplato dall’utente, a causa anche della sterilità delle interfacce vocali. Facebook, però, ci sta lavorando ed ha annunciato un nuovo strumento di ricerca capace di allenare un’intelligenza artificiale conversazionale. Il nuovo tool, chiamato ParlAI, viene descritto dalla compagnia come uno strumento in grado di rendere meno meccanica l’interazione con i chatbot e, contemporaneamente, renderli sempre più intelligenti.

MARTEDÌ 16 MAGGIO – NOVITÀ PER INSTAGRAM

Tra le notizie della settimana vi è sicuramente quella relativa a Instagram che ha aggiornato la propria applicazione con una nuova feature: otto nuovi filtri in realtà aumentata – simili a quelli presenti su Facebook e che riprendono lo stile di quelli di Snapchat – sono disponibili per gli utenti dell’app. Per utilizzarli, però, è necessario utilizzare la fotocamera e selezionare l’icona apposita presente nell’interfaccia dell’app oppure cliccare la nuova icona nell’angolo in basso a destra. Oltre a questo, gli utenti possono ora aggiungere anche i cosiddetti “hashtag stickers” a video o foto nella sezione “Stories”. Chi guarda, poi, ha la possibilità di cliccarci su e vedere tutte le storie catalogate sotto quel tag.

MERCOLEDÌ 17 MAGGIO – TUTTE LE NOVITÀ DEL GOOGLE I/O 2017

Mercoledì a Mountain View si è tenuto l’evento di inaugurazione della conferenza annuale di Google: l’I/OCome prevedibile, la compagnia ha confermato come elemento principale della propria strategia il sistema operativo mobile Android, anche grazie ai risultati ottenuti. Il numero dei dispositivi attivi che utilizzano l’OS del robottino verde è salito a 2 miliardi e tutti sfruttano i servizi offerti da Big G.

Quali, comunque, le principali novità annunciate all’evento?

  • Android O: durante la conferenza è stata rilasciata la seconda Developer Preview del nuovo software.
    Android-O

    Android O

    Una delle feature confermate da Google è il “picture-in-picture”, che permette l’utilizzo del dispositivo mentre un’altra app è in esecuzione.
    Vitals è invece la vera novità di O: un nuovo programma che si focalizzerà sulla sicurezza (Google Play Project), l’ottimizzazione e la creazione di nuovi strumenti per gli sviluppatori.

  • Android Go: si tratta di una versione Lite del classico sistema operativo, ideato per i mercati emergenti e per essere installato, quindi, su smartphone di fascia bassa, in particolare su dispositivi con meno di 1 GB di memoria RAM, display HD e poca memoria interna.

    android-go

    Android Go

  • Google Lens: è un nuovo metodo di ricerca per immagini che sarà presto implementato sia in Assistant, l’assistente digitale Google, che in Foto. Lens sfrutta la realtà aumentata e l’intelligenza artificiale per ottenere informazioni su ciò che viene inquadrato attraverso la fotocamera dello smartphone.
  • Assistant: l’assistente digitale di Mountain View è ora disponibile anche per i dispositivi di casa Apple. Oltre alle nuove funzionalità introdotte con Lens, ora è possibile effettuare traduzioni in real time grazie all’integrazione dell’app Translate.

GIOVEDÌ 18 MAGGIO – NUOVA SCHERMATA INIZIALE PER MESSENGER

fb-messenger

Facebook Messenger

Tra le notizie di questi giorni, anche quella che riguarda la schermata iniziale del servizio di messaggistica di Facebook che si è rifatta il look: da oggi, infatti, le conversazioni sembrano essere tornate in primo piano. L’applicazione durante la settimana ha subito un processo di aggiornamento su Android ed iOS che ha rinnovato e semplificato l’interfaccia del servizio ponendo maggiore attenzione alla messaggistica. La versione continuerà ad offrire sezioni come quella relativa alle storie, ai giochi, ai bot e alle telefonate, ma per gli utenti che vogliono esclusivamente utilizzare la piattaforma per le conversazioni, Facebook ha rilasciato una versione Lite dedicata esclusivamente alle chat.

VENERDÌ 19 MAGGIO – TELESCOPE: I VIDEOMESSAGGI DI TELEGRAM

telescope

Video messaggi su Telegram

Settimana ricca di novità per Telegram: dopo aver aggiornato il client desktop con l’introduzione delle telefonate, l’applicazione mobile è stata rinnovata con l’aggiunta di nuove interessanti feature tra cui la possibilità di creare video-messaggi.
La procedura d’invio della clip video è simile a quella per i messaggi audio: per passare alla modalità video, infatti, basterebbe semplicemente toccare l’icona dell’invio di audio. I video, poi, possono anche essere resi pubblici grazie a Telescope: quelli caricati sulla piattaforma, però, hanno una durata massima di un minuto e possono essere fruiti da tutti, pur non possedendo l’app, tramite URL.

SABATO 20 MAGGIO – OpenAI, ROBOT E REALTÀ VIRTUALE

Per concludere la carrellata di notizie del periodo che va dal 14 al 20 maggio 2017, il gruppo di ricerca di OpenAI, il sistema di intelligenza artificiale ideato da Elon Musk, ha rivelato sabato un nuovo metodo per insegnare ai robot in che modo eseguire determinate operazioni grazie all’utilizzo di un dispositivo VR, in questo caso HTC VIVE. In che modo? L’uomo indossa il visore e può mostrare, grazie ai pad, come il robot deve agire per portare a compimento un’azione. Nel video, ad esempio, l’uomo mostra come afferrare ed impilare delle scatole. I dati vengono registrati e memorizzati dal robot che, in una fase successiva, imita il processo nella vita reale.

Robots that Learn

We’ve created a robotics system, trained entirely in simulation and deployed on a physical robot, which can learn a new task after seeing a human do it in VR once.Details: https://blog.openai.com/robots-that-learn/

Pubblicato da OpenAI su martedì 16 maggio 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Articoli sull'argomento

×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.