Lunedi 15 Ottobre 2018
MacroambienteDa WhatsApp a Twitter: le notizie tech dal 24 al 30 settembre 2017

Da WhatsApp a Twitter: le notizie tech dal 24 al 30 settembre 2017

Quali le notizie tech della settimana che va dal 24 al 30 settembre 2017? Da WhatsApp a Twitter, ecco le più rilevanti.


Giuseppe Petrellese

A cura di: Giuseppe Petrellese Autore Inside Marketing

Da WhatsApp a Twitter: le notizie tech dal 24 al 30 settembre 2017

Torna la nostra rubrica settimanale “Le notizie tech della settimana”, dedicata alle principali novità che riguardano digitale, tecnologia e innovazione. Protagonista Twitter che ha lanciato, in fase ti test, una nuova versione Lite dell’applicazione mobile e ha raddoppiato il numero di caratteri utilizzabili per i tweet. Tra le notizie tech della settimana, poi, vi sono novità da Snapchat e Facebook che sta testando un sistema di riconoscimento facciale.

Di seguito le notizie tech principali del periodo che va dal 24 al 30 settembre 2017.

DOMENICA 24 SETTEMBRE – TWITTER LITE 

Molte piattaforme social hanno sviluppato nell’arco degli ultimi due anni la versione Lite delle proprie app più utilizzate. Le applicazioni “leggere” sono state testate per la prima volta da Facebook, con FB Lite e con Messenger Lite. Nell’aprile 2017, però, Twitter ha pubblicato una versione Lite del sito, dedicata ai paesi emergenti, così da permettere anche a chi non dispone di una connessione di un certo livello di utilizzare la piattaforma di microblogging. La novità degli ultimi giorni è la sperimentazione di una vera e propria applicazione nelle Filippine. La filosofia seguita è identica a quella del sito Lite: permettere a tutti di utilizzare Twitter anche se la velocità della rete è molto limitata. Perché le Filippine? Secondo un portavoce della compagnia, il territorio filippino è un posto ideale per sperimentare il nuovo servizio per l’elevato costo dei piani dati e le reti mobile molto lente.

LUNEDÌ 25 SETTEMBRE – SNAPCHAT: UN FILTRO PER SIMULARE TRAMONTI

Un nuovo filtro, che sfrutta la realtà aumentata, è stato rilasciato da Snapchat per smartphone iOS e Android: adesso, infatti, è possibile modificare il cielo che fa da sfondo in una foto applicando un filtro capace di riprodurre tramonti, cieli stellati, arcobaleni ed altro ancora.
Come riportato da TechCrunch, è possibile attivare i nuovi filtri Snapchat proprio come gli altri a patto che il software riconosca il cielo ripreso dalla fotocamera.

MARTEDÌ 26 SETTEMBRE – LA CINA HA BLOCCATO WHATSAPP cina whatsapp

I sistemi di crittografia introdotti da WhatsApp non piacciono alle autorità cinesi che hanno deciso di bloccare il sistema di messaggistica istantanea.
La piattaforma non ha mai funzionato al 100% nel paese ed infatti negli ultimi sei mesi è stato attuato prima il blocco dell’invio dei file multimediali e poi il blocco definitivo del servizio in questa settimana.

MERCOLEDÌ 27 SETTEMBRE – TWITTER A 280 CARATTERI

Tra le notizie tech della settimana spicca sicuramente quella che riguarda Twitter. La piattaforma, difatti, ha sorpreso tutti introducendo un’importantissima novità: i caratteri utilizzabili per un tweet raddoppiano, passando quindi da 140 a 280. Non si tratta di una decisione definitiva ma di un test considerando che, almeno per ora, questa modifica non è disponibile per l’intera utenza. La novità comprende tutte le lingue, eccetto quelle asiatiche poiché, secondo degli studi diretti dalla compagnia, il cinese, il giapponese ed il coreano consentono di esprimere dei concetti anche con 70 caratteri: solo lo 0,4% di tweet giapponesi raggiunge le 140 battute.

GIOVEDÌ 28 SETTEMBRE – RANSOMWARE: IL CYBERCRIMINE PIÙ GRAVE E DIFFUSO DEL 2017

Come sottolineato più volte, i ransomware rappresentano il cybercrimine più grave di questo 2017, ma anche uno dei temi tech più diffusi.
Secondo un’analisi di Europol – l’agenzia dell’Unione Europea che si occupa della lotta ai crimini internazionali, tra cui quelli commessi attraverso le nuove tecnologie – questo genere di malware ha eclissato gli altri tipi di virus proprio per la loro caratteristica principale che è quella di poter colpire chiunque, anche enti internazionali abbastanza importanti. Qual è la causa? Sicuramente, come dimostrato dal numero di computer infettati, c’è una scarsa attenzione verso i principi base della web security. Tuttavia, sfortunatamente, i ransomware non rappresentano l’unica minaccia della rete: stando al report di Europol, infatti, bisogna considerare anche altri pericoli, come le botnet, le darknet, le frodi nei pagamenti elettronici e le violazioni dei dati personali.

VENERDÌ 29 SETTEMBRE – FACEBOOK, RICONOSCIMENTO FACCIALE IN FASE DI TEST

Dopo il FaceID di Apple, anche Facebook ha sviluppato un sistema di verifica dell’identità attraverso il riconoscimento facciale, utile quando ci si trova impossibilitati ad effettuare un’autenticazione a due passaggi o se ci si dimentica la password della posta elettronica. La nuova feature ha quindi un’utilità in occasioni puramente d’emergenza, quando ci si trova in difficoltà con i classici metodi d’accesso all’account.

SABATO 30 SETTEMBRE – UNO SMARTPHONE CON IL DOPPIO SCHERMO ZTE AT&T

Da settimane circolano voci circa un accordo tra la casa produttrice di smartphone ZTE ed il colosso delle telefomunicazioni AT&T per la creazione di un nuovo smartphone dotato di un doppio display ad alta definizione: Axon Multy.
Android Authority ha mostrato quelle che dovrebbero essere le prime immagini dispositivo che sarà presentato il 17 ottobre a New York. Lo smartphone, secondo le specifiche trapelate da alcuni report, dovrebbe essere dotato di un display dual HD con una diagonale totale di 6.8 pollici, un processore Snapdragon 820, 4GB di RAM e 32 di memoria interna, una batteria da 3120 mAh ed una fotocamera da 20MP. Il prezzo? 650 dollari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Articoli sull'argomento

×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.