Le notizie tech della settimana: 9-15 aprile 2017

Dalle novità delle piattaforme social a quelle sull'A.I.: ecco le maggiori notizie del mondo tech della settimana che va dal 9 al 15 aprile.

Le notizie tech della settimana: 9-15 aprile 2017

Nuovo appuntamento con la nostra rubrica settimanale “Le notizie tech della settimanache raccoglie le principali novità degli ultimi giorni in ambito digitale, tecnologia e innovazione. Protagonista Google, che ha rilasciato Autodraw, oltre ad alcune news sullo sviluppo di intelligenze artificiali.


Di seguito le notizie del periodo che va dal 9 al 15 aprile 2017.

DOMENICA 9 APRILE – IL FUTURO DI TWITTER

Un potenziale acquirente di Twitter? I suoi utenti. Nell’autunno 2016, nel periodo in cui la società stava pensando ad una possibile cessione, un folto gruppo di utenti particolarmente attivi e amanti della piattaforma di microblogging, ha cominciato a raccogliere firme per una petizione che aveva come obiettivo la trasformazione di Twitter in una cooperativaPur essendo un’idea abbastanza inusuale per il settore tecnologico e digitale, la petizione ha riscosso così tanto successo che l’azienda ha deciso di rendere la questione all’ordine del giorno nell’annuale riunione con gli azionisti. Nonostante le 3500 firme raccolte, comunque, è altamente improbabile che questo accada soprattutto perché la compagnia di San Francisco si oppone.

LUNEDÌ 10 APRILE – AGGIORNAMENTO DELLE APP TRAMITE A.I.

Quando grandi compagnie tecnologiche devono migliorare ed aumentare l’efficienza dei propri software generalmente si servono di un processo centralizzato. Un esempio? Google e Apple sviluppano numerose app e quando devono lavorare agli aggiornamenti si servono di tutti i dati raccolti dai propri utenti in un unico file per poi operare successivamente utilizzando questi dati aggregati. Per quanto questo abbia funzionato fino ad oggi, si tratta comunque di un’operazione che necessita di molto tempo per ricevere un feedback oltre ad essere molto invasiva a livello di privacy degli utentiCon lo sviluppo di applicazioni che utilizzino l’intelligenza artificiale, Mountain View sta sperimentando un nuovo metodo per allenarle chiamato Federated Learning. Questo approccio è basato sostanzialmente sulla decentralizzazione del lavoro dell’A.I.: invece di raccogliere tutti i dati in un unico documento sui server della società, il processo di apprendimento avviene direttamente sul dispositivo dell’utente.

Fonte: Google


Attualmente questo metodo di apprendimento è utilizzato per la nuova tastiera Gboard: nella scrittura di un messaggio la tastiera ricorderà i suggerimenti che l’utente ha utilizzato e quali ha ignorato, per personalizzare l’algoritmo dell’applicazione direttamente sul dispositivo dell’utente.

MARTEDÌ 11 APRILE – FACEBOOK MESSENGER SUPPORTA I PAGAMENTI DI GRUPPO

messenger-pagamenti-gruppo

Fonte: Techcrunch

Dopo aver annunciato la scorsa settimana la possibilità per gli utenti di creare campagne di crowdfunding, la piattaforma di Mark Zuckerberg ha presentato in settimana una nuova feature per Messenger: la possibilità di inviare denaro nelle conversazioni di gruppo. Un utente che deve raccogliere del denaro per fare un regalo insieme agli amici presenti nella chat, può inoltrare una richiesta ai partecipanti specificando la quota da versare; a richiesta inviata potrà tenere traccia di chi ha già inviato il denaro e riceverli sul proprio conto entro 5 giorni lavorativi. Al momento questa feature è attiva esclusivamente sul territorio statunitense e non si hanno notizie di un possibile rilascio in altri paesi.

MERCOLEDÌ 12 APRILE – GOOGLE RILASCIA AUTODRAW

Google continua a lavorare su progetti dedicati all’intelligenza artificiale e dopo aver dato la possibilità agli utenti di duettare con un’A.I. attraverso il proprio computer, ora aiuta chi non è molto abile nel disegno a creare degli schizzi accettabili.
Il metodo individuato da Big G. è Autodraw, un esperimento di machine learning che fa parte del programma A.I. Experiment e sfrutta algoritmi di apprendimento automatico capaci di intuire cosa l’utente sta tentando di disegnare. Oltre i semplici schizzi, il software può essere utile per creare loghi (molto basilari), cartoline, avvisi ed anche inviti. È possibile utilizzare il web software Autodraw sia da desktop che da mobile.

GIOVEDÌ 13 APRILE – MACCHINE, PERSONE E APPRENDIMENTO

Una ricerca pubblicata da Science dimostra in che modo un sistema comune di intelligenza artificiale raccoglie tutti i pregiudizi razziali e di genere quando si trova ad apprendere il linguaggio analizzando un testo. Senza un controllo umano, un algoritmo associa automaticamente i nomi femminili a termini che hanno a che fare più con la famiglia che con la carriera.
Come afferma Megan Garcia, direttrice della filiale californiana di New America, «la lingua è un ponte verso nuove idee e molti algoritmi sono costruiti sul linguaggio utilizzato nel mondo reale. Quindi, a meno che un algoritmo non valuti esclusivamente dei numeri, questa scoperta si rivela estremamente importante».

VENERDÌ 14 APRILE – NUOVE MODIFICHE ALL’ALGORITMO DI FACEBOOK

Uno dei più grandi problemi che affligge in questo momento Facebook è la proliferazione di fake news e account falsi. A poco più di una settimana dalle elezioni in Francia, la società ha apportato delle modifiche tecniche in grado di rendere molto più semplice il riconoscimento di profili falsi ideati per lo spam. Shabnam Shaik, Protect and Care Team Manager di Facebook, attraverso un post sul proprio blog ha rivelato che adesso il social network potrà rilevare molto più efficacemente un account non conforme, anche quando questo risulti agli occhi di tutti autentico.
Menlo Park ritiene che eliminando questo tipo di profili riuscirà a limitare la diffusione di bufale sulla piattaforma. L’ultimo aggiornamento, però, potrebbe rendere complicata la vita delle aziende che acquistano like per incrementare le loro vanity metrics: queste imprese, infatti, sono solite collaborare con vere e proprie fabbriche di account, localizzate in paesi come Filippine e India, per aumentare il numero di follower. Più like hanno le pagine più l’algoritmo di Facebook le riconosce come popolari. Al momento le modifiche sembrano funzionare: in Francia sono stati eliminati circa 30 mila account fake.

SABATO 15 APRILE – ITALIANI POCO ATTENTI ALLA SICUREZZA INFORMATICA 

Un numero molto ingente di italiani, il 92% per l’esattezza, crede di essere immune e di non poter diventare vittima di frodi informatiche e per questo non installa software antivirus sui propri dispositivi fissi e mobile. Considerando che la percentuale mondiale è del 74% e che oggi ogni secondo vengono catalogate tre nuove minacce, il dato è da prendere seriamente in considerazione. Morten Lehn, General Manager di Kaspersky per l’Italia, ha dichiarato: «Purtroppo gli italiani si dimostrano ancora troppo poco attenti alla loro sicurezza online. Questo ha portato più di un utente su cinque a diventare vittima dei cyber criminali».


Giuseppe Petrellese
A cura di: Giuseppe Petrellese Autore Inside Marketing
© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Download White Paper

white paper heritage marketing
Le vostre Opinioni
MacroambienteLe notizie tech della settimana: 9-15 aprile 2017
Iscrizione Newsletter Settimanale

Vuoi essere sempre aggiornato su ciò che avviene nel mondo del marketing e della comunicazione? Iscriviti alla newsletter di Inside Marketing

Acconsento ed ho letto Privacy Policy

Grazie per esserti registrato!

A breve riceverai una mail di conferma per attivare la tua registrazione.

Se non ricevi la mail di conferma, controlla nella cartella "posta indesiderata" ed aggiungi insidemarketing.it ai mittenti attendibili

In caso di problemi puoi contattarci all' indirizzo redazione[at]insidemarketing.it