Enti e ImpreseObservatoryZed: obiettivi e comitato scientifico dell’osservatorio sulla Generazione Z

ObservatoryZed: obiettivi e comitato scientifico dell’osservatorio sulla Generazione Z

ObservatoryZed Comitato Scientifico

È stato presentato il comitato scientifico di ObservatoryZed, osservatorio sulla Generazione Z, composto da accademici, ricercatori, studiosi, giornalisti, imprenditori e manager.

È nato con l’obiettivo di studiare e osservare le caratteristiche dei nativi digitali, in particolare della Generazione Z, prevedere tramite la raccolta di dati e insight trend futuri e produrre dei report l’osservatorio ObservatoryZed, che è parte dell’azienda CreationDose.

Cosa fare l’osservatorio ObservatoryZed

Comportamenti, gusti, peculiarità delle nuove e future generazioni saranno così studiate soprattutto da un punto di vista economico e socio-culturale dall’associazione insieme al contributo di un comitato scientifico composto da professionisti di diversi ambiti, e dei partner associati, oltre a quello dei fondatori CreationDose e DoseTalent.

I materiali che saranno prodotti grazie all’ObservatoryZed saranno ideati e strutturati soprattutto per favorire il contatto e la relazione tra brand e consumatori/pubblico di riferimento, aiutando i brand a conoscere nel modo più approfondito possibile le nuove generazioni e produrre contenuti in linea con i loro interessi e abitudini, utilizzando il tono di voce e lo stile più adatti e diffondendoli attraverso i canali e sulle piattaforme che più frequentano.

L’osservatorio, va precisato, nonostante il nome incentrato sulla Gen Z., ha l’intento di analizzare anche generazione alpha e millennials «per creare – come si legge nella nota stampa diffusa – un parallelismo tra le diverse fasce d’età delle Nuove Generazioni».

L’associazione, inoltre, non organizzerà soltanto questionari, sondaggi e focus group online e offline per e con le nuove generazioni, ma anche webinar ed eventi sia fisici che digitali, per creare momenti di discussione, confronto e condivisione di conoscenza.

Il comitato scientifico di ObservatoryZed

Attualmente (al 22 giugno 2022), il comitato scientifico dell’osservatorio è composto da 20 membri, ma aperto a nuove candidature. Come ha infatti affermato Marco Dodaro, presidente di ObservatoryZed e founder & chairman di DoseTalent: 

«La condivisione e la collaborazione sono i concetti cardine dell’Osservatorio: da qui la decisione di coinvolgere professionisti, professori e imprenditori per creare report di valore e distribuirli alle aziende che vogliono approcciarsi alla Gen Z. Assieme al Comitato Scientifico e ai Partner associati, attiveremo una vera e proria lente d’ingrandimento per fornire una panoramica completa sull’identità delle nuove e future generazioni».

Alessandro La Rosa, vice presidente di ObservatoryZed e founder & CEO di CreationDose, ha aggiunto:

«Il comitato scientifico è uno spazio aperto a tutti i professionisti che vogliono contribuire ai nostri processi di analisi e ricerca apportando le proprie conoscenze e know-how. Unendo l’expertise del Comitato alle tecnologie proprietarie messe a disposizione da CreationDose – tra cui un sistema di Face Recognition e di Text Analysis – siamo in grado di ottenere insight verificati e precisi, permettendo così di divulgare informazioni relative al rapporto tra le nuove generazioni e i loro interessi, mettendo in contatto tutti i player del settore e creando importanti opportunità di business».

Chi sono i membri del comitato scientifico dell’osservatorio sulla generazione Z

I 20 membri che compongono il comitato scientifico di ObservatoryZed sono:

  • Giovanni Boccia Artieri (professore e direttore Dipartimento di Scienze della comunicazione, Studi umanistici ed internazionali all’Università di Urbino);
  • Davide Bennato (professore di Sociologia dei media digitali all’Università di Catania);
  • Nicola Cucari (ricercatore all’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” ed esperto in imprenditorialità e management dell’ innovazione );
  • Stefano Denicolai (professore di ​​Innovation Management all’Università di Pavia);
  • Rosario Faraci (professore di Business Economics & Management all’Università di Catania);
  • Jacopo Ierussi (avvocato e professore di Elementi di diritto della Games Industry);
  • Paolo Iervolino (assegnista di ricerca all’Università di Palermo);
  • Cristina Mele (professoressa di Economia e gestione delle imprese all’Università di Napoli),
  • Serena Pelosi (ricercatrice ICAR, CNR di Napoli);
  • Francesco Sordi (imprenditore e professore di Marketing Planning allo IUSVE;
  • Pierluigi Vitale (professore di Information Design all’Università di Salerno e social media analyst);
  • Massimo Canducci (CIO di Engineering);
  • Stefano Chiarazzo (digital reputation senior advisor Pubblico Delirio);
  • Gianluca Diegoli (marketing advisor);
  • Alexandre Levy (brand marketing lead Accenture Song);
  • Jacopo Mele (vice presidente di Aurora Fellows);
  • Antonio Pavolini (business analyst & digital media TIM);
  • Paolo Privitera (EVP corporate development Events.com);
  • Andrea Santagata (direttore generale Mondadori Media);
  • Luca Tremolada (giornalista al Sole24Ore).

© RIPRODUZIONE RISERVATA È vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Resta aggiornato!

Iscriviti gratuitamente per essere informato su notizie e offerte esclusive su corsi, eventi, libri e strumenti di marketing.

loading
MOSTRA ALTRI