Aziende da sogno: per quali vorrebbero lavorare i giovani?

Entrare nel mondo del lavoro è sempre più difficile, ma è concesso sognare: quali sono le aziende per cui i giovani vorrebbero lavorare?

Aziende da sogno: per quali vorrebbero lavorare i giovani?

In un periodo di incertezza come quello attuale trovare un’occupazione non è sicuramente semplice; ogni anno molti sono i giovani che muovono i primi passi nel mondo del lavoro e non tutti, al primo tentativo, riescono a trovare l’impiego perfetto. Se i giovani avessero la possibilità di scegliere l’azienda per cui lavorare, quale sarebbe quella più gradita? La risposta a tale quesito ci viene fornita da alcune indagini condotte negli ultimi mesi da diversi istituti di ricerca.

YouGov (Istituto di Ricerca Internazionale con sede a Londra), ad esempio, ha stilato una classifica delle dieci aziende per cui i giovani, con un’età compresa tra i 18 e i 34 anni, sognano di lavorare. Il primo posto di questa particolare classifica, con il 57,9% delle preferenze, se lo aggiudica Google. Alle spalle della più grande azienda di servizi online troviamo, rispettivamente, al secondo e terzo posto Amazon.com (una delle più grandi aziende di eCommerce) e Netflix (società leader nel servizio di streaming online e noleggio di Dvd o videogame via internet). Tra le altre aziende presenti nella top-ten, poi, ci sono: YouTube, Microsoft, Samsung.
Difficile da credere ma Apple  uno dei brand che, attualmente, è tra i più amati e desiderati tra i giovani – conquista solo la decima posizione di questa classifica, ottenendo il 41,9% delle preferenze degli intervistati.
aziende-dove-lavorare
Dall’indagine condotta da YouGov emerge un dato molto interessante: ben sette delle aziende presenti nella classifica provengono dal settore hi-tech e sono in qualche modo legate alla rete. Si tratta di un dato significativo, in quanto le risposte fornite dagli intervistati non fanno altro che evidenziare alcune delle principali caratteristiche del campione stesso (costituito prevalentemente dai cosiddetti “Millennials“) ovvero la forte propensione all’utilizzo delle tecnologie digitali e la capacità di renderle parte integrante della propria vita.

In merito al tema dei giovani e del lavoro dei propri sogni, lo studio commissionato da Randstad all’Istituto belga ICMA, condotto in ben 25 paesi, fornisce dati molto interessanti. L’indagine, condotta su un campione di oltre 200.000 persone con un’età compresa tra i 18 e 65 anni, ha come scopo principale quello di misurare il livello di attrattività percepita da eventuali dipendenti; seppur non completamente rivolta ad un target giovane, offre diverse sezioni dedicate alle differenti fasce d’età prese in esame.

Quali sono le aziende per cui sognano di lavorare i giovani e soprattutto quali sono le caratteristiche del lavoro perfetto?

In un paese come il Giappone, ad esempio, i giovani tra i 18 e 24 anni sognano, soprattutto, di fare carriera all’interno di aziende  internazionali del settore tecnologico. Il lavoro dei sogni, secondo i giapponesi, dovrebbe innanzitutto gratificare economicamente il dipendente; in secondo luogo è fondamentale che sia presente un’atmosfera piacevole all’interno del luogo di lavoro; infine, è importante la sicurezza che comporta un lavoro con un contratto a lungo termine.
Per il target preso in esame, le migliori aziende dove lavorare, in ordine di maggiori preferenze, sono: la Sony Corporation (azienda di intrattenimento), la All Nippon Airways Company, Limited (compagnia aerea giapponese) e la Suntory Holdings Limited (azienda prodottrice di bevande alcoliche).

I giovani (tra i 18 e 24 anni) intervistati in Gran Bretagna, invece, desiderano un lavoro che sia in grado di far crescere e migliorare le proprie abilità, ma che allo stesso tempo sia flessibile. Gli inglesi sognano di poter fare carriera all’interno di un’azienda che possegga anche dei vertici molto forti. Anche per loro è fondamentale ottenere un impiego che sia economicamente gratificante e che sia a tempo indeterminato; l’atmosfera piacevole sul luogo di lavoro, invece, è importante ma non indispensabile.
Le aziende dove i giovani inglesi sognano di lavorare sono: la BMW (azienda tedesca produttrice di autoveicoli), la Mondelēz International (multinazionale statunitense attiva nel settore alimentare) e la Rolls-Royce Group (gruppo inglese operante nei settori aeronautico, civile, aeronautico e militare).

I dati raccolti in Italia, poi, mostrano sogni ancora diversi rispetto a quelli dei paesi sopraelencati. I giovani italiani (tra i 18 e 24 anni) vorrebbero lavorare in un’azienda in cui venga fornita una buona formazione durante la fase iniziale di lavoro e dove sia anche possibile fare carriera progressivamente. Come per la Gran Bretagna, anche in Italia il lavoro perfetto è quello ben retribuito e con un contratto a lungo termine; la sicurezza e la stabilità economica sono due caratteristiche fondamentali per i giovani italiani e l’atmosfera piacevole all’interno del luogo di lavoro non è da sottovalutare.
Quali sono, però, le aziende per cui il target preso in esame sogna di lavorare? Al primo posto c’è la Lamborghini (azienda produttrice di automobili di lusso), al secondo posto si posiziona la Apple (azienda produttrice di sistemi operativi) e al terzo posto troviamo, invece, la Ferrero (multinazionale specializzata in prodotti dolciari).


A firma di: Floriana Russo Contributor
© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

VIDEO: Inbound Strategies 2017

Inbound Strategies 2017
Ivan Cutolo | La SEO per l'eCommerce
Ivano Di Biasi | Acquisire informazioni per il web semantico
Matteo Zambon | Google Tag Manager e gestione dei referral
Andrea Saletti | Usare il neuromarketing per ottimizzare i siti web
Inbound Strategies | Giovanni Le Coche e Pierfrancesco Rizzo
Inbound Strategies | Alex Cannava e Franz Amalfitano
Inbound Strategies | Valentina Viganò
Inbound Strategies | Christian Baraldo
Inbound Strategies | Fulvia Viglione
Inbound Strategies | Mirko Nevi
Inbound Strategies | Elisa Gerardis
Valentina Turchetti | Quali sono i contenuti che convertono?
Antonella Apicella | eCommerce: come creare una scheda prodotto efficace
Eleonora Rocca | Content marketing per le strategie B2B
Le vostre Opinioni
CuriositàAziende da sogno: per quali vorrebbero lavorare i giovani?
Iscrizione Newsletter Settimanale

Vuoi essere sempre aggiornato su ciò che avviene nel mondo del marketing e della comunicazione? Iscriviti alla newsletter di Inside Marketing

Acconsento ed ho letto Privacy Policy

Grazie per esserti registrato!

A breve riceverai una mail di conferma per attivare la tua registrazione.

Se non ricevi la mail di conferma, controlla nella cartella "posta indesiderata" ed aggiungi insidemarketing.it ai mittenti attendibili

In caso di problemi puoi contattarci all' indirizzo redazione[at]insidemarketing.it