MarketingReal time marketing: alcuni esempi per il Pesce d’aprile 2015

Real time marketing: alcuni esempi per il Pesce d'aprile 2015

Real time marketing: le aziende si divertono a fare scherzi ai propri clienti per il Pesce d'aprile 2015. Scopriamo quelli riusciti meglio.

Real time marketing: alcuni esempi per il Pesce d'aprile 2015

Il 1° aprile è da sempre il giorno delle burle. Un po’ tutti, infatti, ogni anno, siamo vittime del cosiddetto “Pesce d’aprile” da parte di amici o parenti. Nell’ultimo periodo, però, quelle che si divertono di più sono le aziende: anche nel 2015, insomma, come esattamente l’anno prima, da Google a Groupon sono stati tantissimi i brand che hanno preso bonariamente in giro i loro clienti o li hanno coinvolti in simpatiche gag, strappando un sorriso a tutto il web, dando vita ad esempi di real time marketing.

Per approfondimenti su: "Real Time Marketing"
Cosa è il Real Time Marketing?

Google

Il noto motore di ricerca è forse quello che ogni anno si diverte di più, proponendo sempre tanti scherzi. Anche per il Pesce d’aprile 2015, così, non si è smentito. Come aveva già fatto nel 2014 con i Pokémon, ha trasformato per esempio le strade di Google Maps in percorsi per Pac-Man, uno dei videogiochi più amati di sempre. PACMAN-Google-Maps-pesce-daprile-1280x643E ancora su Maps ha dato l’annuncio che, dal 2055, l’Australia potrebbe improvvisamente spostarsi nell’emisfero nord. Collegandosi su com.google, poi, è stato possibile accedere ad una versione letteralmente “ribaltata” del motore di ricerca e dei suoi risultati.

Per non parlare di Smartbox, una cassetta che si prende cura della propria posta di carta organizzandola, dividendola in categorie e secondo ordini di priorità proprio come avviene su Gmail o altre applicazioni per la posta elettronica e con tanto di display touch sul fianco per ricevere subito tutte le notifiche, ma soprattutto trasportabile come fosse un tablet, certo decisamente più ingombrante.

Per le vittime dell’autoscatto, poi, è arrivata un’estensione di Chrome, ChromeSelfie, che ha permesso di scattare dei selfie durante la lettura di un articolo sul browser per immortalare all’istante le proprie reazioni. E per chi, invece, rimpiange i vecchi tempi dell’ADSL quando si poteva persino correre in bagno aspettando che si caricasse un video o approfittarne per mettere su la cena, è arrivata la connessione in modalità Dial-Up, ispirata allo zen e con tanto di velocità e suoni di notifica degni dei modem a 56k.

Infine, Big G ha pensato a pesci d’aprile su misura per il mercato giapponese. Come Google Panda, considerato l’anello di congiunzione tra Google Now e i panda: un prodotto eccezionale e allo stesso tempo bello da vedere, ma soprattutto da abbracciare. O come il Party Horn, uno speciale dispositivo che trasforma in lettere da digitare sulla tastiera i fischi, di diversa intensità s’intende, fatti da una trombetta da party di compleanno: ideale quando si hanno entrambe le mani occupate.

Microsoft

La nota azienda di informatica ha pensato di lanciare, proprio l’1 aprile, il sistema operativo per dispositivi mobile che spazzerà via tutti gli altri: il prompt dei comandi di MS-DOS a portata di smartphone, con una grafica semplice e fluida per qualsiasi device, applicazioni preinstallate e pronte da subito.

Miz Mooz

L’azienda produttrice di scarpe, molto nota a New York, ha proposto per questo giorno le Selfie Shoes, particolari scarpe da donna che permetterebbero di incastrare il proprio smartphone sulla parte finale della calzatura, dove è stata creata un’apposita fessura per contenerlo e, grazie a un sensore situato all’interno, sarebbe possibile scattare il selfie con la punta del piede.

Honda

A tema selfie e dipendenza da autoscatto, anche il pesce d’aprile di Honda che ha lanciato la 2016 HR-V SLF Selfie Edition, con tanto di dispositivi automatici per scattare selfie senza l’uso della mani (per ovvie ragioni) e grazie a dieci diverse fotocamere installate sul veicolo.

Samsung

La nota azienda sudcoreana ha lanciato, invece, il Samsung Galaxy Blade Edge Chef Edition, un dispositivo che possiede tutte le funzioni del Galaxy S6, ma che è anche un indistruttibile coltello da cucina. Perfetto per fotografare i cibi, dispone anche di un termometro che permette di misurare la temperatura di tutti i cibi da cucinare.

Per chi ama soprattutto fotografare il cibo, invece, da Samsung hanno pensato a Gourmet Mode, una modalità disponibile per la fotocamera degli ultimi modelli di smartphone top gamma e che permette di scattare foto di cibo davvero perfette.

Rovio

Rovio, l’azienda finlandese che si occupa di videogiochi, ha lanciato un nuovo spin-off di Angry Birds. Questa volta i celebri pennuti sarebbero alle prese con i problemi che ogni contadino deve quotidianamente affrontare. Il gioco, la cui uscita è stata annunciata per l’estate 2015, sarebbe composto da tanti mini giochi, abiti diversi per i vari pennuti e avrà una story line romantica, ma con un tocco di horror.

RajaPack

L’azienda leader nel settore dell’imballaggio ha lanciato Infusion Wrap, la pellicola a bolle profumata che non si limiterebbe solo a proteggere gli alimenti, ma che crea anche profumi. Visto l’entusiasmo per il nuovo prodotto e la sempre maggiore attenzione per il mondo del packaging, non è azzardato pensare che, prima o poi, potrebbe veramente arrivare sul mercato.

Groupon

Anche la piattaforma più amata da chi è sempre alla ricerca di offerte e promozioni non si è lasciata sfuggire l’occasione per scherzare con i suoi clienti. Lo ha fatto con Groupon-Ylab, una versione “speciale” dei suoi servizi ottimizzata per i mancini e che permette a chiunque di fare acquisti in 3D o in dialetto.

Tra le offerte speciali ci sarebbe anche un corso per insegnare ai propri cani ad abbaiare in codice e un passaggio su GroUber, una sorta di Uber con autisti felini.

HTC

L’azienda taiwanese torna di nuovo sulla tecnologia indossabile: dopo il guanto del 2014, così, è stato lanciato HTC RE SOK, un wearable per i piedi che informerebbe quando si stanno formando dei buchi nei calzini e permetterebbe di leggere gli SMS direttamente dalla caviglia.

Kiko

L’azienda milanese, invece, ha lanciato lo smalto che cambierebbe colore semplicemente toccandolo. “La magia in un touch”, così Kiko annunciava il lancio dello smalto magico.

Sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo per le vostre unghie? In arrivo Kiko Magic Nails, il nuovo smalto che cambia colore in un solo tocco. Basta premere la punta delle dita per sfoggiare un nail look differente! Presto online e in tutti i negozi! #news”, l’annuncio sulla pagina Facebook. Con buona pace delle più appassionate di make-up, si è trattato solo uno scherzo.

Asus

L’azienda ha lanciato lo Zenfone Zero, un telefono classico con varie porte USB, una porta HDMI, uno schermo touchscreen, ma soprattutto una cornetta dallo stile vintage. Lo Zenfone Zero sarebbe disponibile in due colorazioni differenti.

KitKat

#MenoKpiùC: è questo la missione di Kitkat che ha spiegato, con un video sulla propria pagina Facebook, di aver aderito a questa particolare campagna per salvare l’italiano. Per questo motivo, per un anno, lo snack avrebbe preso il nome di ChitCat. Anche in questo caso, però, si tratta ovviamente di uno scherzo.

Lego

Per gli amanti dei mattoncini, invece, sembra essere arrivata finalmente la soluzione definitiva a ore e ore passate a scegliere i pezzi giusti: delle speciali lenti che riconoscono quello mancante a partire dagli incastri.

AOL

Uno dei crucci più diffusi per chi si occupa di pubblicità? Arrivare al target giusto. La soluzione arriverebbe dal gruppo AOL con il genetic targeting, in grado di indirizzare un messaggio direttamente ai geni della persona.

Hulu

Poco diffuso ancora in Italia, il competitor di Netflix ha lanciato per questa occasione l’Hulu Pets, un servizio in streaming con un ampio catalogo di film e altri contenuti pensati apposta per i nostri amici animali.

Zumba

Per evitare, però, che i vostri cuccioli stiano troppo davanti alle tv e agli schermi? Dal noto brand sportivo arriva #Zumba4Dogs, un allenamento pensato appositamente per i cani da appartamento.

Amazon

Amazon ha puntato, invece, sull’effetto nostalgia, trasformando la propria homepage e tutte le altre pagine correlate con la grafica (e non solo) del 1999. Sicuri che tornereste indietro?

Uber e Tinder

Le due aziende hanno pensato, infine, a una partneship speciale per i loro pesci d’aprile e così sono nati Uber per Tinder e Tinder per Uber. Il primo permetterebbe di “prenotare” un autista Uber nel momento stesso in cui si ha un match sull’app di dating: può servire sempre, del resto, qualcuno che ti accompagni al tuo primo appuntamento galante.

La seconda, invece, è una speciale versione dell’app che permetterebbe di trovare l’amore tra gli autisti di Tinder.

Non sono mancati, però, i brand che ne hanno approfittato per dimostrare una certa insofferenza ai pesci d’aprile e a tutto il real time marketing che questi generano. Nissan, per esempio, ha twittato per tutta la giornata notizie riguardo ai suoi prodotti, alle loro performance e alle novità introdotte nel tempo, tanto rivoluzionarie da poter sembrare uno scherzo, quando invece erano realtà.

Skype, invece, si è lasciata andare a un tweet al vetriolo su quanto noiosi siano diventati ormai i pesci d’aprile.

Libri sul tema dell'articolo


Virginia Dara
A cura di: Virginia Dara Autore Inside Marketing
© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Corsi Formazione

Tutti i corsi
Le vostre Opinioni