Piacere, Milano: il social dining italiano nato per EXPO 2015

Piacere, Milano è la piattaforma di social dining che, attraverso lo storytelling, trasformerà i milanesi in ambasciatori di Milano in Italia e nel mondo.

Piacere, Milano: il social dining italiano nato per EXPO 2015

Ci sono angoli di Milano che custodiscono delle storie e queste storie renderanno i milanesi ambasciatori di una città aperta al mondo. Nasce in occasione di Expo 2015, Piacere, Milano la prima piattaforma di social dining e esperienza di guida della città completamente gratuita. Il progetto è ideato dall’agenzia di comunicazione Clinc insieme a soggetti attivi nel sociale – le cooperative La Cordata e Spazio Aperto Servizi – e nel mondo della comunicazione, il gruppo Altavia. Come funziona la piattaforma Piacere, Milano? Ce ne parla Marcella Volpe, co-founder dell’agenzia di comunicazione Clinc.

Cos’è Piacere, Milano?

Piacere, Milano è un progetto che punta sul tema dell’accoglienza come riferimento e valore principale per costruire una nuova idea di città. Una città contemporanea, inclusiva e ospitale, pronta a cogliere l’occasione offerta da Expo 2015 come opportunità per investire sulla relazione attraverso la partecipazione. Il progetto, che ha il sostegno del Comune di Milano, nasce dall’idea di restituire ai cittadini milanesi un ruolo da protagonisti in occasione di Expo 2015. Cittadini immaginati non come spettatori di un evento globale, ma come veri e propri attori di un’esperienza di relazione vissuta insieme alla platea dei turisti che visiteranno Milano nei sei mesi della manifestazione.

Tra gli obiettivi di Piacere, Milano si legge “Trasformare cittadini e turisti in ambasciatori di Milano in Italia e nel mondo”. In che modo il cittadino viene praticamente coinvolto? Chi è il cittadino che partecipa? Selezionato, guida turistica, volontario?

Il cittadino che partecipa è una persona che ha voglia di aprire le porte di casa sua, di ospitare dei turisti a cena e di raccontargli un punto della città o costruire insieme un itinerario. Tutto questo in un’ottica di gratuità, come gratuita è appunto l’ospitalità. Tutti i cittadini milanesi che aderiscono a Piacere,Milano profilandosi sulla piattaforma sono dei potenziali host, non vi è alcuna selezione.  Per noi milanesi è un’occasione per condividere la città con chi ancora deve conoscerla. Piacere, Milano è infatti un progetto di narrazione della città, ma soprattutto è un progetto di ospitalità e di accoglienza fatto dai milanesi durante 6 mesi di Expo. Approfittando del grande afflusso di turisti, abbiamo deciso di raccontare una Milano diversa da quelle delle guide turistiche tradizionali. La Milano descritta dagli host di Piacere, Milano è la loro città personale, intima e segreta e di solito non è quella monumentale o molto nota e conosciuta. Un esempio? Il quartiere Bovisa: pochi sanno che la prima Cinecittà italiana nasce a Milano e attraverso un percorso guidato sarà possibile avere uno spaccato del cinema italiano degli anni 10.

Il turismo collaborativo in Italia ha già conosciuto esperienze come Destinazione umana o Gaveena. In cosa si differenzia Piacere, Milano e quali sono le vostre prospettive future su questa tipologia di offerta turistica?

Il progetto, a differenza di quelli su citati, nasce per il breve periodo e permette al cittadino milanese di farsi promotore di un esperienza di ospitalità che nel mondo non esiste, se non qui a Milano e in quest’occasione. Il progetto nasce in occasione di Expo come progetto di accoglienza e coesione sociale nella città di Milano. Nasce con l’intento di rendere partecipi i milanesi ad un evento dal quale erano stati esclusi fino a quel momento. A differenza di altre Expo, come ad esempio Siviglia 1992, Expo 2015 non è stato fondato sulla partecipazione dei cittadini. Sicuramente, al di fuori di Expo, ci sono innumerevoli occasioni nelle quali e per le quali il progetto può rimanere in vita. Una è sotto gli occhi di tutti questi giorni a Milano ed è il Salone del Mobile. Anche in questo caso, pur trattandosi di tempi ridotti, cittadini e designer e architetti possono scoprire una Milano inedita e nascosta. Il futuro di Piacere, Milano dipenderà dalla possibilità che ci sarà di proseguire e dal successo che il progetto riuscirà a riscuotere. In ogni caso, la mappa di tutti i percorsi e di tutte le proposte dei cittadini continuerà a rimanere a disposizione degli utenti della piattaforma e costituirà un vero e proprio museo immateriale della città.

Trattandosi di un progetto di narrazione partecipata, attraverso quali spazi on line i partecipanti possono raccontare la propria esperienza Piacere, Milano?

La piattaforma Piacere, Milano è lo strumento attraverso il quale è possibile raccontare la propria esperienza. La piattaforma è un luogo di incontro virtuale tra domanda e offerta e cioè tra turisti che cercano un’esperienza inedita e cittadini interessati a offrire una cena a casa loro e a raccontare la propria città. Una volta avvenuto l’incontro reale fra host e guest, fra cittadino e turista, verrà chiesto ad entrambi un feedback che serve a confermare la veridicità di quanto entrambi i soggetti coinvolti hanno dichiarato sui loro profili. Tutte le segnalazioni vengono controllate dalla redazione di Piacere, Milano affinchè avvenga una corretta profilazione e un perfetto sviluppo dell’esperienza di turismo partecipato. Sul sito Piacere, Milano è possibile navigare nella mappa, scoprendo via via nuovi percorsi o segnalando i propri, avere accesso alla piattaforma, consultare le news della redazione di Piacere, Milano, vedere foto e video, connettersi ai social e accedere alle puntate podcast di Radio Popolare (partner del progetto e principale canale di raccolta e del racconto partecipato della città che confluirà nella mappa). La mappa geo-localizzata accoglierà le esperienze e gli itinerari raccontati dai cittadini (attraverso testi, immagini, video, ecc.) ed esprimerà il racconto corale e partecipato della città restituendo una fotografia inedita di Milano.

 


Angela Rita Laganà
A cura di: Angela Rita Laganà Autore Inside Marketing
© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Corsi Formazione

Tutti i corsi
Le vostre Opinioni
IntervistePiacere, Milano: il social dining italiano nato per EXPO 2015