Lunedi 25 Giugno 2018
MarketingPratiche SEO nel 2013: come ottimizzare la ricerca su Google

Pratiche SEO nel 2013: come ottimizzare la ricerca su Google

Quali fattori ottimizzano ed influenzano le pratiche SEO nel 2013? Ecco dei suggerimenti per guadagnare posizioni del ranking di Google.


A firma di: Laura Olivazzi Contributor
Pratiche SEO nel 2013: come ottimizzare la ricerca su Google

Come ottimizzare la ricerca di contenuti su Google, così come anche la diffusione? A fornire qualche suggerimento sulle pratiche SEO nel 2013 è Neil Patel attraverso il proprio blog.

Matt Cutts, ingegnere di Google’s search ha affermato che gli algoritmi di Google cambiano almeno una volta al giorno: addirittura in un anno sembra che ciò avvenga almeno 500 volte. Le pratiche SEO nel 2013, così, devono andare oltre le comuni e tipiche strategie. Di seguito alcune idee utili.

GUEST POST INNOVATIVI

Il guest blogging è la miglior forma di SEO che un proprietario del sito può realizzare ed è stato un tema molto importante discusso sul tavolo di SEOmoz’s 2013. È comunque necessario tenersi alla larga da spam e contenuti negativi che possano danneggiare l’immagine. Le directory degli articoli sono utilizzate per dar senso alle pratiche SEO nel 2013, ma la moltitudine di link le ha trasformate in deserti, con tantissime parole chiave invece di articoli che in realtà hanno valore. Vi sono tonnellate di blog sommersi da articoli sgradevoli, titoli sbagliati che costituiscono il nulla. I visitatori, dunque, possono visualizzare un pessimo articolo in pochi secondi.

AUTHOR RANK

L’author rank è essenziale per ottenere un punteggio complessivo migliore nel motore di ricerca, è un modo per classificare la qualità di particolari autori. Come costruire, allora, un author rank? Uno dei sistemi più utili per guadagnare posizioni e maggior visibilità nel ranking è l’autorship markup. È possibile, infatti, impostare nel proprio profilo pubblico la voce “collaboratore” nella sezione “informazioni” e aggiungere il link al sito. Un altro aspetto importante è la condivisione degli articoli su Google+: quanto più spesso si condividono articoli su questo social più s’incrementano la popolarità e il ranking del contenuto. Connettersi a Google+ è importante per diffondere i propri articoli tra i propri contatti, ponendosi come utente attivo nella rete Google.

CO-CITAZIONI

Citare un’altra parte del lavoro è un ottimo espediente per costruire contenuti, ma è necessario capire le regole di co-citazione. L’idea di base è quella di cooperare per migliorare le relazioni tra le parole in un articolo online. Tuttavia, come accade in molte altre pratiche SEO nel 2013, vi sono molte teorie e poche risposte definite da Google che mantiene i suoi algoritmi estremamente segreti. L’azienda, infatti, si adopera ogni anno per rendere più difficili da manipolare gli algoritmi di ricerca per facilitare la produzione di contenuti originali e interessanti. La citazione deve essere presa in considerazione anche in futuro per chi vorrà elaborare strategie di SEO.

COMUNICATI STAMPA

Il comunicato stampa è sempre stata la risorsa più utile per pubblicizzare il proprio prodotto sui media. I network di diffusione più popolari come PRWeb o Business Wire contribuiscono da sempre a generare una gran quantità di autorevoli back-link. Distribuire un comunicato stampa nella ricerca effettuata tramite l’inserimento di parole chiave consente di accrescere la credibilità intorno al marchio di una società. Non bisogna dimenticare di includere collegamenti specifici (anchor text) che mettano in risalto diversi termini. Oltretutto è necessaria la presenza di link che rimandino ad altre pagine interne al sito. Un comunicato stampa a pagamento è distribuito tra agenzie web e giornalisti freelance in modo che questi possano rielaborarlo e fare propria la notizia. Matt Cutts ha tuttavia consigliato di non diffondere i comunicati stampa nel page rank, ma test sulle pratiche SEO nel 2013 dimostrano che i comunicati possono ancora contribuire al rank.

SOCIAL MEDIA E SEGNALI SOCIALI

Matt Cutts nel 2010 ha cercato di negare che i segnali sociali non avessero alcun effetto sui ranking di ricerca. Ma nel corso dello stesso periodo, l’esperto ha dovuto constatare che anche sui social media iniziavano a circolare notizie. Stranamente, pochi mesi dopo, è stato lanciato Google+. I diversi aggiornamenti e modifiche hanno cambiato il modo in cui i motori di ricerca ottimizzano la diffusione di informazioni. Sono ancora in corso ricerche ed elaborazioni dati su quanto i fenomeni sociali influenzino i risultati sui motori di ricerca, per affinare le tecniche di vendita anche su Internet. La possibilità di utilizzare i social media in ottica SEO in modo efficace diventerà più importante per le pratiche SEO nel 2013, con una particolare attenzione alla link building.

INFOGRAFICHE

Le infografiche sono strumenti estremamente importanti per il marketing online, poiché hanno grande attrattiva per i lettori, ma rappresentano anche un notevole aiuto per scalare la link building. Questi espedienti grafici aiutano i blogger e i gestori di contenuti web ad organizzare e mostrare nuove informazioni e nuovi progetti, modificando anche le funzionalità SEO. Le infografiche più piccole sono coinvolgenti, talvolta possono costituire da sole una notizia, non sono un semplice ibrido di immagini e contenuti, ma è importante catturare l’attenzione dei lettori con una buona grafica. Perché dovrebbero essere implementate in una campagna di marketing? L’immagine catturerà di sicuro l’attenzione e l’interesse del pubblico e questo a sua volta spingerà altri utenti a cliccare sul proprio blog. Inoltre, esse possono facilmente essere condivise su Facebook, Twitter, Pinterest, ecc. e possono essere riprodotte in formato .jpeg. Una buona infografica è motivo di successo per un sito web.

PARTECIPARE A Q&A

I siti web Q&A forniscono un forum in cui esperti di diversi settori rispondono alle domande di utenti provenienti da ogni parte del mondo. Moderare le conversazioni o interagire con gli altri utenti può attirare l’attenzione sul proprio sito web. Molti webmaster, infatti, hanno riconosciuto la popolarità di Q&A, ritenendola un’ottima opportunità di link building. Diversi siti Q&A come Yahoo Answers, ad esempio, consentono sempre di rispondere alle domande di altri utenti. Se si diventa esperti in un determinato settore, gli utenti cominceranno probabilmente a seguire le risposte e il proprio sito guadagnerà fiducia. Le risposte consentono dunque di reindirizzare gli utenti ad un determinato sito, ed è per questo importante fornire sempre risposte di qualità, assicurandosi un ritorno d’immagine.

CITAZIONI

Le citazioni migliorano le SERP, consentono di guadagnare la fiducia di molti motori di ricerca e funzionano come “menzioni” del proprio nome su altre pagine web. Anche questa è una componente chiave degli algoritmi di ranking nei motori di ricerca. Se le citazioni sono riportate su portali affermati è molto alta la probabilità che il nostro sito sia indicizzato in modo efficiente. Più delle citazioni contano i giudizi positivi, così da persuadere gli utenti ad inviare ottime recensioni sulle pagine di Google Places. Le ricerche di luoghi e i dispositivi mobile, come cellulari, tablet e computer portatili sono strumenti utili per incrementare la SEO. David Daniels, manager SEO di Standing Dog Interactive, ha dimostrato che le citazioni di luoghi sono la chiave per ottimizzare le pratiche SEO nel 2013.

© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti
Iscriviti alla newsletter!

Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e recensione libri
Potrai anche usufruire di offerte esclusive per libri, eventi e corsi.
Cosa aspetti?!

Iscriviti