Mercoledì 30 Settembre 2020
Marketing#ProudInMyCalvins: la campagna di Calvin Klein lanciata nel mese del Pride con 9 attivisti del mondo LGBTQ come modelli

#ProudInMyCalvins: la campagna di Calvin Klein lanciata nel mese del Pride con 9 attivisti del mondo LGBTQ come modelli

Tra i volti della campagna di Calvin Klein #ProudInMyCalvins, realizzata per celebrare la comunità LGBTQ, anche la modella curvy afroamericana transgender Jari Jones, una scelta che risulta ancora più significativa durante le continue proteste a supporto del movimento Black Lives Matter.


Pina Meriano
A cura di: Pina Meriano Direttore Responsabile
#ProudInMyCalvins: la campagna di Calvin Klein lanciata nel mese del Pride con 9 attivisti del mondo LGBTQ come modelli

Nel mese dedicato al Gay Pride del 2020, come avvenuto anche lo scorso anno, diversi brand hanno lanciato delle specifiche campagne o veicolato messaggi ad hoc, sui social e non solo, per celebrare la comunità LGBTQ. Tra questi c’è anche Calvin Klein che ha creato una capsule collection e ha scelto come modelli proprio 9 attivisti del mondo LGBTQ per la campagna #ProudInMyCalvins.

La capsule collection pride 2020 e i 9 modelli della campagna #proudinmycalvins

Più corretto, però, sarebbe dire che l’attenzione del brand all’apertura e al dialogo con le diverse comunità, compresa quella LGBTQ, fa parte della sua comunicazione già da tempo, in un perfetto esempio di brand activism, e #ProudInMyCalvins è stata lanciata già a metà maggio.

In questo tweet, ma anche sul sito del brand, si legge che «Calvin Klein sostiene con orgoglio la missione di uguaglianza LGBTQ+ di OutRight Action International e il suo lancio di un Fondo di risposta alle emergenze COVID-19 per la comunità LGBTQ+», con il lancio della collezione Pride 2020, fatta di capi di abbigliamento minimalisti, anche abbastanza classici, con dettagli tie-dye e la presenza del simbolico arcobaleno di colori su ciascuno di essi.

Per la relativa campagna il brand ha scelto 9 «musicisti, artisti e trendsetter della comunità LGBTQ+»: Ama Elsesser, Reece King, Tommy Dorfman, Gia Woods, Mina Gerges, Jari Jones, Pabllo Vittar, Chella Man e MaryV.

Sul sito, sotto alcuni degli scatti che presentano i capi, sono presenti anche diverse citazioni degli stessi modelli.

Ama Elsesser per #ProudinmyCalvins

Pabblo Vittar per #ProudinmyCalvins

Reece King per #ProudinmyCalvins

Queste citazioni, insieme agli altri materiali fotografici e video realizzati per #ProudInMyCalvins, esaltano quello che è il tema centrale della campagna, presentato dal fotografo che l’ha scattata, Ryan McGinley, come un voler esaltare l’unicità del singolo individuo. «Con un cast e una troupe che coprono l’intero spettro LGBTQ+ – ha aggiunto McGinley in una dichiarazione ufficialeabbiamo voluto assicurarci che l’intera comunità si senta rappresentata, inclusa e celebrata».

Il racconto di ciò che rende ciascuno dei modelli scelti unico è stato realizzato sia in formato video, con numerosi caricamenti sul canale YouTube di Calvin Klein, sia in formato testuale nel copy delle condivisioni sui social.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

target =”_blank” rel=”noopener”>What makes you unique? What makes you you? What makes you proud? #PROUDINMYCALVINS ⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀ @iamjarijones, @reeceking_, @maryv, @itsminagerges, @chellaman, @amaelsesser, @pabllovittar, @giawoods, @tommy.dorfman ⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀ By @ryanmcginleystudios ⠀

Un post condiviso da ly: Arial,sans-serif; font-size: 14px; font-style: normal; font-weight: normal; line-height: 17px;” href=”https://www.instagram.com/calvinklein/?utm_source=ig_embed&utm_campaign=loading” target=”_blank” rel=”noopener”> CALVIN KLEIN (@calvinklein) in data:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

“I was in a very conservative, small town, so I didn’t physically have people around me that I felt mirrored who I was. So I took to social media , being Generation Z, and I think I just saw people thriving, people who identified as queer, whatever that meant to them, or disabled, or Asian. And I felt seen that way. And when I took a selfie, or posted something, or even just made those connections in my head without sending any other message out, I felt represented that way. And I decided to be my own representation through that, through just being and accepting that this is who I am.” ⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀ @chellaman on Identity. #PROUDINMYCALVINS ⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀ By @ryanmcginleystudios

Un post condiviso da CALVIN KLEIN (@calvinklein) in data:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

“I ask, “What do you love about yourself?” [to people I photograph] because I feel like it gives you a second or two, for the person or yourself, to look at yourself and really think about what you love about yourself. And so many people look at the people around them and they’re like, “Oh, I love my partner and I love my parents and this is why I love them.” But the only time that you’re looking at yourself is in the mirror, and you’re not really having a conversation with yourself a lot of the time. So to just take a second with yourself and ask, “What do you love about yourself?” I think is really nice sometimes.” ⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀ @maryv on Identity. #PROUDINMYCALVINS ⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀ By @ryanmcginleystudios

Un post condiviso da CALVIN KLEIN (@calvinklein) in data:

Perché la scelta della modella curvy afroamericana transgender jari jones per questa campagna calvin klein 2020 è particolarmente significativa

Tra i modelli scelti per la campagna Pride 2020 di Calvin Klein anche la transgender afroamericana Jari Jones.

La modella ha festeggiato il coinvolgimento in questa global campaign del brand con grande gioia, esultando davanti all’annuncio pubblicitario affisso a Manhattan, e a congratularsi con lei per questo “traguardo” raggiunto è stato anche il fotografo McGinley.

Per Jari Jones, infatti, questo ingaggio è stato come una sorta di rivincita rispetto ai tanti «mai!» che si è sentita dire nella vita e una soddisfazione personale per aver potuto finalmente «presentare le immagini di un corpo che troppo spesso è stato demonizzato, molestato, fatto sentire brutto e indegno e persino ucciso…», con la speranza che la sua comunità e la sua «famiglia scelta» possano sentirsi rappresentati e «si rendano inoltre conto di essere degni di celebrazione, compassione, amore e gratitudine».

 

Visualizza questo post su Instagram

 

There are moments that I heard about, that help you forget when the world told you “Never” !!! . . There are these moments I heard about about that help you heal when the society has tried to beat you down , over and over again. . . There are these very real moments that I heard about that help you feel affirmed even when you don’t see yourself. . . I’ve been searching my whole life for those moments, I got tired of looking for those moments. . . So I decided to create them. Not for me but for the next dreamer, outcast, queer, trans, disabled, fat, beautiful black, piece of starlight waiting for their moment to shine. . . It has been such an honor and pleasure to sit in my most authentic self and present imagery of a body that far to often has been demonized, harassed , made to feel ugly and unworthy and even killed. . . I present this image ,myself and all that my body stands for to my community and chosen family, in hope that they see themselves more clearly than ever and further realize that they are worthy of celebration , of compassion , of love and gratitude. . . – Thank you to @ryanmcginleystudios and the @calvinklein family for a collaboration that will hopefully be a symbol of hope and love during these moments. BLACK TRANS LIVES MATTER!! . . . . #calvinklein #blacklivesmatter #blacktranslivesmatter #transisbeautiful #queer #celebratemysize #actress #honormycurves #pride🌈 #bodydiversity #soho #effyourbeautystandards #curvygirl #curvemodel # influencer #billboard #plussize #plusmodel #influencer #plussizemodel #bodypositive #swimwear #campaign #newyork #melanin #model #ad #sponsored

Un post condiviso da Jari Jones (@iamjarijones) in data:

Per #ProudInMyCalvins la modella si è raccontata a fondo, in tutte le paure e le difficoltà sentite o riscontrate durante il periodo di transizione.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

[CONTENT WARNING] the following caption references suicidal thoughts, and may be triggering. If you or someone you know is in crisis, please reach out to The Trevor Project 24/7 for support at 866.488.7368. ⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀ “I thought that being in this industry, especially the acting world, that once I transitioned I would never work again. There were no real positive or uplifting representations of trans people in magazines, on television and in film. But there was something constantly telling me this is what I had to do to live in my truth, to essentially be happy. There was no other choice for me – it was either live my most authentic life or jump out of here. With the love and support of community and chosen family, I chose my life. I chose me over the industry that I loved, I chose me despite what society was telling me. There were people waiting for me, once I took the leap into this journey called Transition, standing there with open arms ready to show me love and compassion and respect. In those very crucial moments I realized that when you have an unshakeable self-love and a support system, nothing is too big to conquer. What I find now is that that I’ve done more since transition. I feel like when you’re your true self, you create the most beautiful and honest art. I think the industry can recognize that and they have no choice but to celebrate and uplift that art on huge platforms. I’m glad that I chose me and everybody else kind of jumped on board as well.” ⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀ @iamjarijones on Identity. #PROUDINMYCALVINS ⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀ By @ryanmcginleystudios ⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀ For further information on The Trevor Project, visit www.thetrevorproject.org/help

Un post condiviso da CALVIN KLEIN (@calvinklein) in data:

Sui social, però, dove succede fin troppo spesso di riscontrare pratiche di body shaming o di hate speech , ancor di più quando sono pubblicati post che mirano invece all’inclusività, non sono mancati insulti alle condivisioni social della campagna e su Twitter il brand ha chiesto esplicitamente agli utenti di mostrare rispetto, precisando che «commenti di odio o offensivi saranno rimossi».

Anche la modella Jari Jones si è espressa al riguardo, condividendo sul proprio profilo Instagram un post con alcuni screenshot dei commenti negativi e cattivi ricevuti personalmente, scrivendo un lungo copy corredato di hashtag , primi dei quali #translivesmatter e #blacklivesmatter.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

REVEALING THE UGLY : Learning today that though this ride will be such a blessing from the universe , god and the ancestors , there are things and people, miserable behind computer and phones screens that will try to suck out every ounce of joy I have left in my body. It comes with the territory I guess. It comes with showing the world that Black folks, that Trans folks , that Fat folks can be celebrated and loved and empowered publicly. I’m practicing self love everyday , I’m practicing boundaries everyday , I’m practicing balance everyday to armor myself for this fight but I know it’s gonna be a tough road ahead but like my queer trans ancestors belived, the people and the community and the youth I’m doing all this for ….are worth the mental ass kicking!!!!! Today I pull from the strength of @alokvmenon @huntythelion @tessholliday @luhshawnay @andrejworldwide @watchshayslay @ihartericka @aaron___philip @fatfemme and all of those who hold my heart strings , that have gone through mental and maybe sometimes physical ass kickings, but stayed resilient , so that I could reach this point today. Thank you for your words that are holding me today. Thank you for your words that are wiping the blood off my lip today. Thank you for your words that are allowing me to smile through the punches. Thank you for your words that remind me that we are worth it. . . #translivesmatter #blacklivesmatter . . #transgender #trans #blacklivesmatter #diversity #marginalized #thisisamerica #freedom #blacklivesmatter #bodydiversity #effyourbeautystandards #curvemodel #influencer #visiblyplussize #plussize #plusmodel ##plussizemodel #bodypositive #transmodel #revolution #liberation #newyork #editorialphotography #editorial #photography

Un post condiviso da Jari Jones (@iamjarijones) in data:

Due hashtag – utilizzati dalla Jari Jones anche in un tweet del 19 giugno – che mettono in luce quanto sia stato significativo il coinvolgimento di una modella transgender afroamericana nella campagna di Calvin Klein: da un lato si cerca di superare, ancora una volta, gli stereotipi di genere in pubblicità e dall’altro ci si schiera – ancora e come hanno fatto tanti altri brand, ad esempio Nike, con “For Once, don’t do itcon il movimento Black Lives Matter, che pretende che alla vita dei neri e a quella di chiunque altro siano dati il dovuto rispetto e la dovuta importanza.

E nell’attuale scenario in cui le proteste contro il razzismo, a seguito della morte di George Floyd, non si fermano in America – continuando anche in diverse altre parti del mondo – l’affissione pubblicitaria a New York con l’immagine di una «grassa nera donna trans» – come ha scritto sarcasticamente la modella in un tweet – acquisisce, se possibile, ancor maggior rilievo, risultando ulteriore megafono di un importante ed essenziale messaggio sociale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Iscriviti alla newsletter! Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e recensione libri
Potrai anche usufruire di offerte esclusive per libri, eventi e corsi.

Iscriviti

Altre notizie

© Inside Marketing 2013 - 2020 è un marchio registrato ® P.iva 07142251219
×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

loading
MOSTRA ALTRI