Qualità o risparmio?

Più concretezza e meno emotività:ecco che cosa vuole l'italiano medio quando si affida a un brand. Consumatori sempre più attenti alla qualità dei prodotti.

Qualità o risparmio?

“Il brand nasce per ‘vendere’ non solo un prodotto ma un rapporto, una relazione di fiducia in cui l’attenzione del cliente e la sua preferenza potenziale per la marca sono ricambiati da un impegno del produttore a mantenere le promesse insite nella marca”.

Secondo quanto emerso dalla ricerca Il valore della qualità – Prodotti di Marca: le aspettative dei consumatori condotta da AddedValue per il settimanale Rcs Oggi e Centromarca, oggi a vincere non è più il risparmio,nononostante l’attenzione ai prezzi, ma la qualità delle grandi marche.

I 5.800 questionari pubblicati su Oggi.it (da 17 mila utenti che vi hanno partecipato e che hanno visto premiate ben 50 famiglie), incentrati su settori di food, cura della persona, cura della casa ed elettrodomestici, si sono concentrate fondamentalmente sulle aspettative dei consumatori nei confronti dei brand da utilizzare e si sono condensate in  particolar modo su 6 aree di indagine:

  • caratteristiche del prodotto
  • iconografia
  • valori
  • vibe
  • reputazione
  • tratti della personalità

Dai risultati è emerso che gli utenti, per lo più donne(69%) hanno un atteggiamento verso l’acquisto molto razionale.

Il 60% degli intervistati dichiara di prestare attenzione ai prezzi, di confrontare i diversi articoli, ma di  preferire in ogni caso la qualità e la sicurezza.

Per quanto riguarda il cibo gli italiani preferiscono l’acquisto di prodotti made in Italy che siano conosciuti e controllati.

In merito alla cura della persona e della casa,grande attenzione viene riservata alle tematiche ecologiche, alle materie riciclabili, alla sostenibilità e al ridotto impatto ambientale.

Infine per il settore elettrodomestici risulta fondamentale l’assistenza al cliente, la trasparenza della comunicazione e una pubblicità che sia informativa.

I brand devono prestare particolare attenzione alle esigenze degli acquirenti, non concentrandosi più soltanto sulla loro storia e sul racconto di sé, ma preoccupandosi di costruire una relazione autentica basata su un rapporto di fiducia e di autenticità con il consumatore.


A firma di: Anna D'Acunzo Contributor
© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Corsi Formazione

Tutti i corsi
Le vostre Opinioni
MacroambienteQualità o risparmio?